BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’illuminazione pubblica di Bergamo diventa a led Sostituite 15mila lampade

L’illuminazione pubblica di Bergamo diventa a led. Entro il giugno 2016 saranno sostituite 15mila lampade. Il Comune di Bergamo risparmierà 350mila euro all'anno.

Più informazioni su

Sarà approvata solo lunedì in una seduta straordinaria, ma l’ok da parte della Giunta del Comune di Bergamo c’è già: partirà nelle prossime settimane la sostituzione di tutti i 14960 punti luce della città di Bergamo, ovvero la totalità dell’illuminazione pubblica cittadina ad eccezione di Bergamo Alta, per la quale saranno necessari studio preliminare e una consultazione con la Soprintendenza per vie delle delicate caratteristiche del centro storico.

Entro il giugno 2016 le lampade della città saranno quindi a led: il costo dell’operazione sarà di 2 milioni di euro a carico del Comune di Bergamo e di 3.6 milioni a carico di A2A.

Ne deriva un risparmio di grande rilevanza per il Comune, che a partire da ottobre risparmierà 350mila euro all’anno per i prossimi 10 anni: il costo dell’energia, grazie ai nuovi impianti, sarà praticamente dimezzato, senza contare anche il risparmio della manutenzione ordinaria delle nuove lampade, che hanno vita addirittura ventennale.

“Durante i lavori di sostituzione delle lampade – spiega l’Assessore alle reti e ai lavori pubblici Marco Brembilla – A2A effettuerà anche una approfondita verifica sulla stabilità dei pali dei lampioni: ogni criticità verrà segnalata al Comune, che provvederà a intervenire migliorando e garantendo la sicurezza dei cittadini. Non ci dimentichiamo di Città Alta: chiusa questa prima fase inizieremo uno studio che tenga conto della particolarità del luogo e delle sue caratteristiche.”

Bergamo si allinea a città di maggiori dimensioni, come Milano e Brescia, che in questi mesi hanno avviato procedure per la sostituzione dell’illuminazione pubblica.

In città sono già presenti alcune decine di lampade a led, per esempio nelle vie Bramante e Cascina Alberta a Boccaleone, ma anche a Colognola, nelle vie Linneo e Keplero.

“Anche Bergamo – aggiunge Leyla Ciagà, Assessore all’energia del Comune di Bergamo – ottiene un risultato importante sotto il profilo del risparmio energetico, del contenimento dei consumi e, conseguentemente, dell’impatto ambientale con il passaggio a led della pubblica illuminazione. Le nuove lampade sono anche più leggere e credo che garantiscano un guadagno anche dal punto di vista estetico: insomma, si tratta di una scelta vincente sotto tutti i profili.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Cristian

    Fatemi capire : si spendono 5,6 milioni di euro per risparmiarne 3.5 milioni? Mi sembra il solito “affari all’italiana”…

    1. Scritto da bergamasc

      IL COMUNE spende 2 milioni per risparmiarne 3,5 in 10 anni….io l’ho capita così…

      1. Scritto da Cristian

        Io leggo la cifra totale e mi chiedo che interesse dovrebbe avere a2a di spendere altri 3,6 milioni..
        2 milioni il comune di bergamo +3,6 milioni a2a =5,6 milioni ma ognuno è libero di leggere ciò che vuole.

  2. Scritto da angilberto

    A Zanica gran parte dell’illuminazione pubblica risale a 30/40 anni or sono e più… Le lampade esistenti pur consumando parecchio riescono a malapena a farsi vedere e non a far vedere…. Mi auguro che la nuova amministrazione guardi un po più in là della punta dei piedi magari usando i led…

  3. Scritto da chester

    In linea di massima potrebbe essere positivo ma attenzione a : temperatura di colore dei led (deve essere calda), abbagliamento (un scelta non oculata del corpo illuminante potrebbe rovinare la città), tempi di ammortamento (va considerato un periodo di 20anni,con cambio led incluso, e non di 10), i led devono essere di primissima qualità(altrimenti son peggio delle sorgenti luminose attuali). Attenzione alle proposte fatte dai costruttori e alle garanzie…ATTENZIONE !

  4. Scritto da mirko Isnenghi

    Apprezzo l’iniziativa prendendo atto che Gori ha la saggezza di applicare anche il programma dei suoi avversari dell’anno passato. Infatti nei pochi punti del mio programma c’era la sostituzione con LED nelle vie. Questo dimostra che era un programma fattibile a differenza di altri stesi solo per riempire fogli di progetti irrealizzabili. A questo punto domando a quando la sostituzione di una funicolare con scale mobili, progetto che ha solo bisogno di buona volontà?

  5. Scritto da Kurz

    Alcuni piccoli comuni della nostra provincia già da qualche anno si sono dotati di questo nuovo efficiente sistema di illuminazione. Capisco l’entità del lavoro nel capoluogo, ma mi chiedo : “possibile che la precedente amministrazione comunale non sia riuscita a vedere così avanti per adeguarsi come nella provincia?”.