BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Canta per me”: il commovente dialogo tra il papa e la studentessa malata

Bergoglio invita una studentessa di Chicago affetta da una malattia rara a cantare per lui durante una videoconferenza organizzata dalla Abc in occasione nel viaggio negli Usa del papa: lei accetta e l'America si commuove.

Più informazioni su

Sta commuovendo il mondo intero il video di una studentessa 17enne di Chicago, affetta da una rara malattia della pelle, che ha avuto la possibilità di parlare con Papa Francesco durante una videoconferenza organizzata dalla Abc.

Il pontefice, in vista della sua visita negli Stati Uniti, è stato messo in collegamento con Chicago per dialogare con alcuni studenti: una di questi, Valerie Herrera, ha preso il microfono e, con la voce rotta dall’emozione e dalle lacrime, ha spiegato al papa della sua malattia rara che le causa problemi anche con i compagni che la prendono in giro.

L’unico conforto, ha spiegato Valerie a papa Bergoglio, è la musica. Un elemento che non è sfuggito al pontefice che ha colto subito la palla al balzo: “Valerie, mi piacerebbe sentirti cantare – ha replicato a sorpresa il papa – Posso chiederti di cantare una canzone per me? Sii coraggiosa”.

All’invito del papa, la giovane studentessa non ha saputo resistere e, emozionatissima, ha intonato una canzone per una ventina di secondi tra l’ovazione dei presenti e i ringraziamenti di Bergoglio.

Ecco il video della Abc ripreso da Repubblica.it: 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.