BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sicurezza sui treni “Noi schieriamo 200 uomini, il governo è latitante”

"Si tratta di un intervento massiccio - spiega Sorte - diventato necessario dopo le ripetute aggressioni al personale e ai passeggeri del servizio ferroviario regionale".

"Di fronte alla colpevole latitanza del Governo che ha lasciato sola la Lombardia a combattere una violenza dilagante, da settembre, saranno progressivamente messi in campo oltre 200 uomini della sicurezza Trenord. L’avevamo promesso, col governatore Maroni e nel giro di poche settimane, con la stretta collaborazione di Trenord, stiamo schierando una vera e propria forza in grado di prevenire ogni forma di violenza". Lo ha detto l’assessore regionale alle Infrastrutture e Mobilita’, Alessandro Sorte, l’indomani dell’entrata in servizio dei Vigilantes.

NUMEROSI EPISODI DI VIOLENZA E VANDALISMO – "Si tratta di un intervento massiccio – ha continuato Sorte – diventato necessario dopo le ripetute aggressioni al personale e ai passeggeri del servizio ferroviario regionale. Decine le aggressioni, centinaia gli episodi di vandalismo a Milano, Bergamo, Brescia e in numerosi centri della regione". Il piu’ grave a Milano, alla stazione di Villapizzone, dove una banda di immigrati ha ferito molto gravemente un capotreno.

GOVERNO LATITANTE – Una necessita’ intervenire, dunque, "determinata dalla totale latitanza del governo sul tema sicurezza. Infatti, gia’ all’inizio dell’estate, quando si sono verificati gli episodi piu’ cruenti, avevamo chiesto all’esecutivo di poter impiegare il personale – militari e agenti – presenti in Lombardia per Expo. Richiesta divenuta improvvisamente d’attualita’ anche per l’amministrazione comunale di Milano. Ma ad oggi, dal Governo, nessuna risposta. Ora, finalmente, le ferrovie lombarde potranno giovarsi di una significativa forza di dissuasione e prevenzione formata da oltre 200 uomini, 63 dei quali gia’ presenti sul territorio".

SECURITY TEAM SU LINEE E STAZIONI PIU’ A RISCHIO – "Il ‘Security Team’ – ha concluso Sorte – sara’ distribuito sulle linee e nelle stazioni piu’ a rischio e naturalmente collaborera’ con la Polizia ferroviaria e in generale con le Forze dell’ordine. Tra gli obiettivi, anche il contrasto e la prevenzione degli atti vandalici e un’azione anti evasione". Il costo dell’operazione, a carico di Trenord e Regione e’ di 7 milioni circa. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Lapalisse

    Quanti commenti in libera uscita senza meta…”lo stato ci ha abbandonato…” anche in Lombardia, ormai è lo slogan più contagioso, perché a forza di invocarlo per ogni problema e di pretendere che risolva tutto alla fine ci dimentichiamo delle tante responsabilità di ognuno, regione, comuni, politici, enti e corpi di polizia, gente comune, controllori, lo stato siamo noi non sempre qualcun altro!!!

  2. Scritto da Luciano Avogadri

    L’organizzazione del lavoro non spetta ai “Politici”. Spetta ai Dirigenti della Pubblica Amministrazione. Chi continua a menar il can per l’aia con queste storie del cavolo contro i “Politici” è i miglior complice dell’ignavia, per non dire peggio, della Pubblica Ammministrazione e dei suoi Dirigenti, che sono quelli pagati apposta per questo. Così difficile da capire?

    1. Scritto da Aldo

      Ci mancava l’avvocato d’ufficio della casta. Poveri politici, così maltrattati e vessati da quei cattivoni di contribuenti. La politica e le sue emanazioni dovrebbero servire il popolo, non servirsi del popolo

      1. Scritto da Luciano Avogadri

        Sentivo la mancanza della Sindrome di Stoccolma. I “Politici” sono gli unici suoi veri rappresentanti. Se Lei preferisce farsi governare dai dipendenti della Pubblica Amministrazione, fatti suoi. A meno che non ne sia uno dei tanti rappresentanti.

  3. Scritto da Klaus

    Fino a ieri Gori e la sua sponda politica negavano il problema sicurezza, anzi, toglievano braccioli alle panchine per favorire il bivacco di chiunque

  4. Scritto da Daniele

    Ma prima di ingaggiare queste guardie private (200 guardie, un bel businness) nessuno ha pensato di dare una mossa alle dozzine di agenti polfer di stanza nelle nostre stazioni?

    1. Scritto da pierluigi

      E secondo te cosa ha detto l’assessore riferendosi all’inutile governo renzalfano, detto l’africano?

      1. Scritto da Daniele

        L’assessore parla di impiegare nuovi agenti, o di sottrarli al programma di sicurezza straordinario legato ad Expo, io invece sono sicuro che di agenti di polizia ferroviaria ce ne sono già in numero sufficiente per far fronte alle attuali problematiche, insomma, sto dicendo che questi si girano i pollici nei loro uffici mentre sui treni i controllori vengono presi a roncolate dai matti. E per non disturbarli, si assumono guardie private… bell’affare.