BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Percassi e l’affare-stadio I 2,4 milioni investiti sono quasi tutti rientrati

Il grosso della somma investita dal patron atalantino per la ristrutturazione di una parte del Comunale di Bergamo è praticamente già tornata nelle casse: grazie al ripescaggio dell'AlbinoLeffe di Andreoletti, in primis, e grazie al sorprendente ricavato degli skybox della Tribuna Centrale.

Più informazioni su

Che Antonio Percassi sia un’autentica volpe nel realizzare business per le sue società non lo si scopre di certo ora. Ma l’operazione che ha portato alla ristrutturazione di una parte del vecchio Comunale di Bergamo è stata, per il patron atalantino, un vero e proprio affare. I 2,4 milioni di euro investiti per la sistemazione della Tribuna Creberg e della Tribuna Centrale sono quasi tutti rientrati nelle casse societarie. Come? Grazie al ripescaggio in Lega Pro dell’AlbinoLeffe di Gianfranco Andreoletti, che tornerà a giocare nello stadio cittadino contribuendo alla metà della spesa totale dei lavori (1,2 milioni di euro, quindi) e pagando la metà esatta dei 441mila euro previsti dal contratto di affitto annuale che Percassi ha stipulato col Comune di Bergamo. Comune di Bergamo che ha già contribuito in maniera sostanziale (e non senza polemiche da parte delle minoranze in Consiglio) ai lavori dell’Atleti Azzurri d’Italia mettendo sul piatto 1,2 milioni di euro per le nuove torri faro, la cabina di trasformazione elettrica e il parterre disabili in quanto, questi ultimi tre, risultano essere interventi di "interesse pubblico".

Alla grossa fetta di soldi rientrati grazie al ritorno dell’AlbinoLeffe nel mondo dei professionisti, vanno poi aggiunti i ricavi assolutamente straordinari che l’Atalanta ha avuto dalla vendita annuale dei skybox della Tribuna Centrale: 700mila euro per i dieci palchetti extra-lusso che rappresentano oro colato per le casse nerazzurre.

Quindi, gli 1,2 milioni di euro messi dall’AlbinoLeffe per i lavori dello stadio (oltre ai 220mila euro dell’affitto) sommati ai 700mila incassati dagli abbonamenti degli skybox fanno un totale di 1,9 milioni rientrati nelle casse di Percassi che, a conti fatti, alla fine ha dovuto scucire – per ora – la modica cifra di 500mila euro. Già, per ora. Perché a all’appello mancano ancora i ricavi dei cosiddetti pitch-view, l’altra grande novità del nuovo Comunale 2.0.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da L76BG

    domanda: ma i lavori per lo stadio sono stati assegnati con appalto pubblico? Credo sia dovuto in quanto opera pubblica e da quello che ho capito dai recenti “capitoli” pagata sempre con soldi pubblici, ovvero l’anticipo degli affitti che la società Atalanta (ed a quanto apprendo pure Albinoleffe) dovrebbero versare.

  2. Scritto da Beppe

    ma cosa sono i pitch-view? forse sono sempre gli skybox

  3. Scritto da Beppe

    Nessuno dice che Percassi vorrebbe acquistare lo stadio ma soprattutto ha sempre lottato per l’ utilizzo esclusivo da concedere solo all’Atalanta; ma basta pensare solo male!!!!!

  4. Scritto da Beppe

    Nessuno dice che Percassi vorrebbe acquistare lo stadio ma soprattutto ha sempre lottato per l’ utilizzo esclusivo da concedere solo all’Atalanta; ma basta pensare solo male!!!!!

  5. Scritto da Fabio Gregorelli

    Come volevasi dimostrare l’affare c’era e di certo non per il Comune e per i cittadini. In Consiglio Comunale il Movimento cinque stelle e il 50% della Lega l’ha denunciato.
    Qui non si parla di tifo ma di soldi e affari.
    Forza Atalanta.

  6. Scritto da Stefano

    Una volta che qualcuno a bergamo decide di fare qualcosa e smuove un po le acque ma lasciamolo fare. Siamo l’ Atalanta ma se vogliamo migliorare dobbiamo anche passare da uno stadio più bello e ospitale per tutti. Famiglie per prime. Ognuno poi andrà nel settore più adatto alle proprie tasche.

  7. Scritto da Alfredo Bergamo

    Non è un mistero che Giorgio Gori veda di buon occhio i Percassi, condividendo anche alcune esperienze editoriali. Campagna scandalosa e stampa – con la sola esclusione di BGN – muta e sempre pronta ad assecondare Percassi. Se ci fosse stato Ruggeri ci sarebbe stata la rivoluzione e l’eco avrebbe inventato un altra inchiesta tipo “MURO” all’uscita dell’autostrada. Ma a Bergamo non protesta più nessuno? Boh

  8. Scritto da Franco

    Voi mi state dicendo che 10 persone hanno pagato un abbonamento da 70 mila euro per pacchetti “extra lusso” per vedere 19 partite da uno stadio degli anni ’20 che ospita una squadra che punta alla salvezza? Ma quindi a Torino quanto spendono? 1 milione l’uno?

  9. Scritto da Peo

    Non ho capito, una squadra in lega pro pagherebbe metà dell’affitto dello stadio e la metà delle spese per i lavori ? Sicur ?

  10. Scritto da Franco

    dobbiamo capire perché il comune ha accettato di togliere i soldi avuti dall’ Albino Leffe, quando sono soldi aggiuntivi dato che il contratto per lo stadio con l’ Atalanta era già stato fatto a quel prezzo ????? Sono soldi nostri e non si regalano …. vorrei capire il comune cosa ha da dire in merito

  11. Scritto da loredana

    soldi rientrati, ma la squadra è sempre in difficoltà non si riesce a vincere una partita ? fò i solc basta promesse servono giocatori con le p…le

    1. Scritto da Luca

      de solc ghe nè mia tace ma de idee balurde sè

    2. Scritto da Vito

      Ricapitoliamo : passaggio del turno in Coppa Italia, prima e unica partita in campionato con sconfitta a Milano, datevi una calmata

  12. Scritto da giulio

    Credo sia buona norma fare in conti “con l’oste”. Così sicuri che l’Albino Leffe contribuisca senza batter ciglio!!!

    1. Scritto da guido da bg

      Giulio, perfettamente d’accordo. Non sarei così sicuro che Andreoletti abbia già scucito la sua cosidetta parte. Talune lettere al quotidiano cittadino a firma Picinali evidenzierebbero la non condivisione. Per altro a mio parere indispensabile per usufruire dell’impianto