BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Muro di via Autostrada, quattro anni di polemiche per lasciarlo vuoto – Le foto fotogallery

La “gigantesca scritta Coop” è sempre lì al suo posto. Anche il muro di via Autostrada non si è mosso di un millimetro. Dovrebbe brulicare di impiegati, invece è sempre vuoto, così come quando è stata scritta la parola “fine” su uno dei cantieri più discussi degli ultimi anni.

Più informazioni su

La “gigantesca scritta Coop” è sempre lì al suo posto. Anche il muro di via Autostrada non si è mosso di un millimetro. Dovrebbe brulicare di impiegati, invece è sempre vuoto, così come quando è stata scritta la parola “fine” su uno dei cantieri più discussi degli ultimi anni. Chi brontolava quattro anni fa per la visuale di Città Alta spazzata via dall’enorme edificio brontola anche oggi, forse anche con più rabbia perché il sacrificio non è servito a nulla. Tutti hanno perso: l’imprenditore che ha realizzato un immobile ora vuoto e costoso, l’amministrazione che ha perso credibilità nei confronti dei cittadini, migliaia di bergamaschi indignati per la leggerezza architettonica.

ECCO ALCUNE FOTO DEL MURO OGGI

Vi riproponiamo alcuni passaggi di una delle lettere che sollevarono il caso. “Un’enorme insegna al neon al posto delle mura venete: proprio una bella scelta, non c’è che dire – scriveva nel 2011 Ilenia Vavassori -. Al di là della politica in sé penso che la vecchia Giunta Bruni, che ha autorizzato questo progetto (tra mille polemiche) abbia fatto una scelta sbagliata. Mai voterò Tentorio, però sempre meglio stare fermi piuttosto che commettere questi errori marchiani. Forse all’epoca i cittadini e gli stessi amministratori non si sono resi conto della portata di questa struttura. A causa della superficialità di poche persone ci troviamo con una città sfregiata. Disastro irreparabile”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da scaramacai

    ma ancora non avete capito dove prendono i soldi le coop?

  2. Scritto da Gio

    Io private ho in terreno edificabile vuoi Che lo lascio incolto e lo tengo pure curato per il bene della comunità? Perché non posso corstuire , dopo che il mio progetto è stato approvato dall’amministrazione comunale? Perché devo sorbirmi tutta la polemica di chi vuole la vista di città alta? Ecco perché l’Italia va male! Vergogna!

  3. Scritto da beppe

    Caro Franco è quello che mi chiedo anchio. Da dove vengono i soldi? Domanda che ho fatto anche per l’aumento di superficie di OrioCenter. Nessuno però ha risposto. È anche vero che ditte serie e “pulite”, vedi Pandini, sono sparite dalla circolazione.

    1. Scritto da Daniele

      Ma da dove vuoi che vengano… investimenti privati, finanziamenti bancari..

      1. Scritto da beppe

        Investimenti privati… Finanziamenti bancari…vuol dire tutto e niente. Fuori nomi e cognomi. Caro scaramacai… Ci dica lei dove prendono i soldi le coop. Non ci dica però investimenti privati..
        finanziamenti bancari…

  4. Scritto da angelo

    Situazione simile all’ingresso Trescore. La coop ha realizzato una struttura che definirei, metaforicamente, improponibile! Infatti impedisce la vista delle colline. Una struttura mai terminata, con la gru ancora in loco. Il piano terra, che guarda a sud, ancora delimitato da reti mobili, calcinacci e altre brutture. Finestre che appaiono “occhi inquietanti” … ogni ulteriore commento è superfluo pari a quelli espressi per la coop di Bergamo

  5. Scritto da Ci mettiamo....

    Ci mettiamo tutti profughi

  6. Scritto da Peter Bergamo

    Direttore perché non racconta come nacque la storiella del “Muro” da parte del direttore Eco di Bergamo e da chi fù imbeccato? Così ci aiuta a capire meglio? Faranno vendere ai Tedeschi anche il Muro al povero Scarpellini? In questa città è SBAGLIATO investire

  7. Scritto da Peter Bergamo

    Ma quale porcheria, muro? Finalmente una costruzione minimamente moderna in questa città architettonicamente antica. La vera schifezza, muro, obbrobrio è in via nullo ma anche lì nessuno dice nulla

    1. Scritto da Retep

      Tutt’e due assolutamente INUTILI. non così diverse, sono solo colossi senza senso. Costruire solo dove si abbatte, almeno in zone ad alta densità urbanistica. grazie

  8. Scritto da Daniele

    Quella polemica l’ho sempre trovata ridicola. Io continuo a vedere Città Alta da quasi tutti i punti di Bergamo bassa, via Autostrada compresa. Non ho mai capito di preciso chi abbia innescato la polemica né perché. Certo è un peccato vedere edifici moderni rimanere vuoti, sicuramente chi li ha costruiti non ne è felice ma in capo a una decina d’anni, ripresa permettendo, tutto l’immobile sarà occupato. E per la cronaca, quell’edificio non è nemmeno tanto brutto, gli ecomostri sono altri.

    1. Scritto da aris

      dimenticavo il grande ecomostro di bergamo, cioè la ex SIP alla malpensata. Di quella non si parla mai, chissà perchè…….

    2. Scritto da aris

      tutto abbastanza ridicolo. E poi nessuno dice nulla dei palazzoni ex area Moretti a Colognola tutti vuoti (appartamenti invenduti), del palazzo enorme sporgente su via s. bernardino/altezza Gres che ostruisce la vista di città alta a chi proviene da colognola, e del nuovo obrobrio che si costruirà ampliando orio center (polo del lusso?)

  9. Scritto da DB

    Io non ho ancora capito a cosa sia servito il polverone sollevato anni fa e la successiva soluzione dello “smusso”: la visibilità di città alta per chi proviene dal casello dell’autostrada o dall’asse interurbano non è cambiata di una virgola. Mi spiegate per favore?

  10. Scritto da edoardo

    grazie alle amministrazioni che continuano ad autorizzare cattedrali nel deserto (Coop via Autostrada, Pellicano via s.Bernardino, palazzoni al Famila di Colognola, palazzoni Boccaleone,…) e grazie a tutti voi che li continuate a votare

  11. Scritto da vuoi vedere?

    chieder lumi a tecnici e dirigente/i del comune. Ne sanno qualcosa…

  12. Scritto da Pluto

    Ma gli abitanti di Bergamo quanto hanno incassato per questo “ecomostro”? Un milione? due milioni? tre? Quando c’é da incassare soldini nessuno protesta, eh ! ?

    1. Scritto da pippo

      Io non ho incassato niente…semmai qualcun altro ha incassato, i cittadini proprio niente

  13. Scritto da franco

    Passano gli anni e vedo sempre più edifici nuovi e vuoti, e nonostante questo le stesse imprese continuano a costruirne di altri, nuovi e ancora più vuoti. Mi spiegate come fanno a stare in piedi queste aziende? Io proprio non capisco con che soldi sopravvivono.

  14. Scritto da chester

    ..2000 anni di storia urbanistica per creare un gioiello chiamato Italia e 60 anni di ignoranza profonda per rovinarla ! A monte il fattore estetico ricordo ai venali che cose del genere deprezzano TUTTO il patrimonio immobiliare ! In ogni caso niente panico, nel 2300 città alta ci guarderà dall’alto e l’eco- mostro sarà già stato demolito !

  15. Scritto da lo guardavo ieri..

    non è solo brutto di per se, è pure già “fatiscente”. Ma chi l’ha progettato?? Guardate i segni neri di sporco colato sotto le finestre, danno proprio l’idea dei qualcosa di abbandonato.. è davvero un OBBROBRIO!

  16. Scritto da Giuseppe2

    Grazie al PD.

    1. Scritto da dov'è la sinistra?

      E dove vuoi che prenda il PD i soldi se non dalle COOP.
      Povera sinistra che non c’è più.

  17. Scritto da essebi

    anche Bergamo ha il suo ecomostro… e allora DEMOLIAMO L’ECOMOSTRO !!!

  18. Scritto da pino

    una grande schifezza, che architetti? che approvazioni ? che delusione ? che porcheria ?