BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Chiedevo watt in più per il condizionatore: con l’Enel è passata l’estate

Un cittadino di Bergamo, Matteo Rota Negroni, racconta la sua disavventura con l'Enel. Per aumentare la potenza per il condizionatore nel B&B una sfilza di incomprensioni e lungaggini. Passano i mesi e il caldo si sopisce ma ancora i watt non cambiano. Intanto ha pagato 400 euro. Enel risponde e si scusa

Più informazioni su

Un cittadino di Bergamo, Matteo Rota Negroni, racconta la sua disavventura con l’Enel. E l’Ente per l’energia risponde, scusandosi.

Il 28 Giugno ho richiesto a Enel Servizio Elettrico per il mio B&B un aumento di potenza da 6 a 10 KW per poter alimentare i 4 condizionatori delle 4 camere del B&B in centro a Bergamo (non in alta montagna o in posto sperduto)

Come consigliato dall’operatore ho richiesto il 10KW a 220V.

Dopo qualche giorno Enel Distribuzione (che si occupa della linea e non della burocrazia), mi chiamava per dirmi che nella mia zona non sarebbero riusciti a portare il 220V ma il trifase a 380V e che avrei dovuto richiamare Enel Servizio Elettrico per annullare la prima richiesta e rifarne una nuova per 10KW trifase (io sono un ex elettrotecnico, ma mi immagino un utente normale capirne la differenza e riuscire ad eseguire la richiesta in modo corretto per entrambe le “ENEL”)

Procedo con annullamento e nuova richiesta (e siamo a fine Luglio).

Dopo qualche giorno chiamo per sollecitare e Enel Distribuzione mi dice che la richiesta è errata in quanto è stato richiesto ancora il 220V.

Spazientito chiedo che possano gestirsela tra di loro e mi dicono che tra di loro non comunicano e devo annullare nuovamente la seconda richiesta e procedere con una terza.

Primi di Agosto, eseguo la terza richiesta e ad oggi non so ancora nulla se non che Enel Distribuzione non “vede” la terza richiesta corretta, mentre Enel Servizio Elettrico conferma di averla inviata in modo corretto.

Siamo al 20 di Agosto.

Tra poco l’estate è finita e i condizionatori non serviranno più.

Speriamo di riuscire ad usarli per l’estate prossima…!!!

Naturalmente per tutto questo efficientissimo servizio, mi hanno chiesto 400 euro…!!!

Grazie per l’attenzione e cordiali saluti.

Matteo Rota Negroni

Ecco cosa risponde l’Enel

Gentile Redazione,

Enel coglie l’occasione della lettera inviata per scusarsi con il cliente di quanto accaduto.

Purtroppo, la richiesta per una serie di incomprensioni ed equivoci non ha seguito il suo normale iter, bloccandosi e generando ritardi.

Enel è comunque a conoscenza dell’accaduto e sta facendo quanto nelle sue possibilità per risolvere le problematiche riscontrate e attivare la potenza richiesta nel minor tempo possibile.

La domanda di aumento di potenza, come fatto dal cliente, deve essere inoltrata al venditore scelto (con la liberalizzazione del mercato si può scegliere il fornitore di energia) il quale, attraverso i sistemi informatici, la trasmette al Distributore Locale, Enel Distribuzione (gestore della rete elettrica), che analizza l’istanza ricevuta e procede con la validazione o l’annullamento, qualora vengano riscontrate incompatibilità di tipo tecnico.

Infine, vorremmo informare la clientela che il Punto Enel di Bergamo – in via Vittorio Emanuele II, 2 – è a disposizione dei clienti, dal lunedì al venerdì. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ciro

    Tutti questi problemi si potevano risolvere attaccandosi abusivamente al contattore del vicino!! Un po’ di elasticità….

  2. Scritto da Nando

    Tutti questi problemi si potevano risolvere attaccandosi abusivamente al contattore del vicino, un po’ di elasticità…..

  3. Scritto da Marco

    Caro mio è il classico sistema per perdere tempo visto che erano tutti in vacanza, li c’è solo gente che se frega e che odia il proprio lavoro, però tu potevi svegliar ti un po’ prima

  4. Scritto da Kurz

    Mi scuso con l’albergatore. Non mi ero posto il problema della “attrattiva condizionatore” per i potenziali clienti, perché da moltissimi anni ho deciso di fare le vacanze solo su Dolomiti e Alpi, dove anche d’estate si dorme col piumino.

  5. Scritto da Barba

    Quando si tratta di telefonare e disturbare la gente con ridicole proposte commerciali fatte da operatori scortesi Enel è velocissimo! Quando si chiede come abbiano i dati visto che non si accetta di ricevere telefonate da Enel o terzi spariscono e non rispondono!

  6. Scritto da Pluto

    Cosa che non complica la vita tranne quella di chiamare un elettricista proprio per fare gli allacci secondo legge. Cmq con strutture di alto consumo meglio sempre il trifase a 400V. Attenzione perchè in un B&B non é ammesso il fai-da-te.

  7. Scritto da Pluto

    La richiesta di corrente (mi date 10kw a 230V?) va fatta ad un fornitore proprio (che non é necessariamente una delle due enel). Il fornitore scelto comunica all’enel, proprietaria della linea e della centrale, la richiesta del privato e l’enel comunica al ns fornitore se su quella linea é possibile fornire o meno quanto richiesto. Nel caso mi pare di avere capito che l’enel non era in grado di fornire -tramite il fornitore privato- i 10kw/230V ma soltanto 10kw/400V.

  8. Scritto da Gian Battista Raffetti

    Frutto anche della “semplificazione” voluta dall’introduzione del Mercato Libero con il decreto Bersani. Per quanto riguarda l’utente SP i tempi sono ufficiali con Preventivo semplice o Complesso 15 o 60 giorni. Una volta accettato il preventivo ed eseguito le proprie opere di competenza il cliente avrà l’energia in 15 o 60 giorni in base al tipo di preventivo al netto di eventuali autorizzazioni da chiedere ad enti.

  9. Scritto da viva la burocrazia

    in questo caso la “burocrazia” salverà il pianeta. Se tutti usassimo il condizionatore, occorrerebbe più energia, quindi più centrali, quindi più inquinamento, quindi più effetto serra, quindi più caldo, e allora più condizionatori. cioè più energia. E si torna da capo: più centrali, cioè più inquinamento, quindi più effetto serra, quindi più caldo, quindi più condizionatori. E avanti: più energia, più centrali … fino al cataclisma

    1. Scritto da calce&pisello

      vivi in una caverna ? Con wifi evidentemente…sapessi quanto hanno inquinato il mondo i miliardi di modem…hanno sventrato campi per far passare le linee…arriva tutto dalla Cina con navi che inquinano pesantemente..hanno messo antenne che producono campi magnetici..fai così spegni tutto e vai a piantare le rape.

    2. Scritto da POVERETTO

      Caro mio, non siamo noi coi nostri 4 condizionatori in croce che provochiamo il cataclisma: guarda i grandi edifici “ecologici” cosa consumano per produrre e mettere in opera i materiali che li costituiscono e per far funzionare i macchinari che li gestiscono.(condizionamento a gogò)…più inquinamento…guarda i milioni di bombe che esplodono per liberare(?) e/o portare la demo(no)crazia

      1. Scritto da risposta

        …. certo, c’è sempre qualcuno che fa peggio… Si tratta della scusa migliore per non fare mai nulla.

  10. Scritto da Sp

    Da cittadino privato ho fatto richiesta ad Eni gas &luce di ottenere i 4,5kw ad inizio luglio … Sono ancora in attesa …

  11. Scritto da Kurz

    Pensate a che guai porta anche la “dipendenza da condizionatori”. Non ti basta più la dose e devi aumentare i kilowatt. Se così fan tutti, alla lunga ne risente il pianeta causando proprio i cataclismi climatici da cui volevamo difenderci.

    1. Scritto da Fede

      Certo, perfettamente ragione…peccato che nessun turista nel mese di luglio e agosto con il caldo che ha fatto si azzarderebbe ad affittare un B&B senza climatizzatore….

      1. Scritto da matteo

        Proprio per questo disservizio ho ricevuto recensioni negative su Booking proprio per il caldo nelle camere…. tenendo presente che per una attività come la mia, le recensioni sono di vitale importanza, immeginate il danno….

      2. Scritto da matteo

        Esatto. I condizionatori infatti sono solo nel b&b e non a casa mia…

    2. Scritto da Piero

      In questo caso specifico però non si tratta di un privato che desidera stare più al fresco, ma di un’attività commerciale. I condizionatori (e pertanto la richiesta di aumento della fornitura) svolgono banalmente un’ attrattiva per i clienti.

      1. Scritto da matteo

        Ben detto…