BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sicurezza in stazione Sorte: “Dal 1° settembre 10 vigilantes a Bergamo”

Dal 1 settembre dieci agenti saranno in azione anche nell'area di piazzale Marconi. L'annuncio è stato dato dall'assessore regionale alla Mobilità Alessandro Sorte, che ha deciso il via libera all'operazione sicurezza dopo la rissa scoppiata mercoledì sera a Bergamo.

Più informazioni su

Trenord e Regione Lombardia schierano i vigilantes per garantire più sicurezza sui treni e nella zona detta stazione di Bergamo. Dal 1 settembre dieci agenti saranno in azione anche nell’area di piazzale Marconi. L’annuncio è stato dato dall’assessore regionale alla Mobilità Alessandro Sorte, che ha deciso il via libera all’operazione sicurezza dopo la rissa scoppiata mercoledì sera a Bergamo. Quaranta persone di origine ghanese hanno scatenato una violenta colluttazione in cui è rimasto ferito un uomo colpito da un coccio di bottiglia (leggi qui). L’impiego dei dei vigilantes è stato lanciato qualche settimana fa in seguito all’aggressione subita a Milano da un capotreno che ha rischiato di perdere un braccio (leggi qui). E’ l’episodio di violenza più grave, ma purtroppo solo uno dei tanti avvenuti negli ultimi mesi.

“La risposta della Lombardia alla crescente violenza sui treni e nelle stazioni ferroviarie c’è. Anche se il Governo continua a tacere e a non rispondere alla richiesta della Regione di impiegare le Forze dell’ordine ed esercito presente ad Expo sul territorio regionale – spiega l’assessore regionale Alessandro Sorte -. Tra pochi giorni, dal primo settembre saranno in campo i primi 90 dei 150 uomini della sicurezza Trenord voluti dalla Regione e saranno impegnati a partire dalle stazioni di Brescia e Bergamo. La Lombardia ha investito ingenti risorse per la sicurezza e per sopperire alle evidenti carenze del Governo. 16 milioni in tutto, 7 per mettere in campo 150 vigilantes, che vanno ad aggiungersi ad altri 3 milioni per 75 agenti già in servizio e si sommano ai 6 milioni stanziati dalla Regione per consentire a tutte le forze dell’ordine di viaggiare liberamente sui treni Trenord, garantendo di fatto un presidio. Un impegno economico rilevante, messo in campo grazie alla determinazione del presidente Maroni e alla disponibilità dell’assessore Garavaglia che ha trovato, tra le pieghe del bilancio, le risorse necessarie. Gli episodi violenti più recenti si sono verificati a Brescia – dove la situazione della stazione ferroviaria è ormai compromessa – e a Bergamo, dove anche in questi giorni si sono verificati scontri e ferimenti. Dei primi uomini disponibili 12 saranno dislocati proprio a Brescia, nell’area della stazione e 10 a Bergamo. Va detto che l’esperimenti pilota partito a Treviglio, con alcuni vigilantes, ha portato, al momento, maggiore serenità sia nella stazione ferroviaria che sulle linee in transito. Il corpo dei vigilantes Trenord ha il compito di presidiare il territorio, stazioni ferroviarie e le linee più esposte, ma serve anche a prevenire atti di violenza contro il personale ed i viaggiatori”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ivan

    Spiegate in 4 parole il ruolo dei vogilantes.
    Cosa fanno oltre alla presenza e cosa possono fare in caso di seri problemi.
    Grazie

  2. Scritto da Jim

    Non ho capito . 7 milioni per i nuovi vigilantes sui treni e nelle stazioni e 6 milioni per far viaggiare gratis gli appartenenti alle forze dell’ordine indipendentemente da ogni attività/obbiettivo specifico ? Continuo a non capire. P.S. Che c’entra con la rissa scoppiata a bergamo FUORI dalla stazione ferroviaria ? Questo investimento non è quello già deciso per l’accoltellamento ad un capotreno ?