BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ortofrutta

Informazione Pubblicitaria

Saporiti ed energetici, al mercato i fichi migliori della stagione

Sono i fichi il prodotto della settimana al mercato ortofrutticolo bergamasco. Fonti di energia e ricchi di vitamine, si possono trovare a un ottimo rapporto tra qualità e prezzo per la propria spesa.

Buoni e salutari: sono i fichi il prodotto della settimana al mercato ortofrutticolo bergamasco. Tipici della bella stagione, per la propria spesa dal fruttivendolo o dall’ambulante di fiducia è possibile trovarli a un ottimo rapporto tra qualità e prezzo.

La loro stagione è entrata nel vivo e questo è il momento per assaporarne i migliori esemplari. Nelle scorse settimane le provenienze erano prevalentemente meridionali e in questi giorni, sulla piazza di Bergamo sono arrivati anche i buonissimi fichi raccolti sul territorio orobico.

Dolci, freschi e carnosi, hanno molte proprietà benefiche per l’organismo. Ricchi di acqua, sono in grado di idratare in profondità i tessuti del corpo e di donare energia immediatamente utilizzabile grazie alla presenza di zuccheri semplici, facilmente assimilabili. Per questo, sono un ottimo rimedio nei casi di debolezza e il loro consumo è consigliato in modo particolare per bambini e anziani, ma anche per chi svolge attività sportiva o lavori pesanti.

A ciò va aggiunto un buon contenuto di vitamine (A, B1, B2, B3 e C) e sali minerali (potassio, fosforo, ferro e calcio), utili per ossa, denti, vista e pelle.

I fichi, inoltre, hanno proprietà antinfiammatorie e spesso vengono usati per preparare impacchi capaci di dare sollievo per le pelli arrossate per chi soffre di ascessi o acne; antiossidanti, proteggendo le cellule dai danni provocati dai radicali liberi; e anticancerogene, difendendo le cellule dagli agenti cancerogeni.

Infine, aiutano a combattere il colesterolo, svolgono un’azione lassativa e sono dotati di proprietà digestive, in quanto contengono alcuni enzimi digestivi che permettono di assimilare meglio i cibi e a normalizzare la produzione dei succhi gastrici.

In cucina generalmente sono consumati al naturale, secchi oppure per la preparazione di piatti freddi, abbinandoli ad esempio a prosciutto, salame e formaggi, ma sono ottimi anche aggiunti a macedonie. Inoltre, possono essere abbinati a carne, coniglio e selvaggina oppure dolci, confetture e composte, come il fico affogato nel porto o nel whisky.

Un consiglio: quando li si acquista è preferibile sceglierli abbastanza morbidi e gonfi, ma non molli, con un picciolo ben sodo e compatto.

Dando uno sguardo più in generale al Mercato ortofrutticolo, va annotato un sostanziale equilibrio tra gli acquisti, le vendite e le quotazioni per quanto riguarda il reparto frutta, mentre rilevanti cambiamenti si notano sul fronte delle verdure.

Finocchi, radicchio lungo e tondo rosso, sono prodotti che più di altri hanno accusato una considerevole contrazione dell’offerta costringendo il valore di mercato entro valori superiori a quanto rilevato nelle scorse settimane. L’emergenza calura che nelle scorse settimane aveva compromesso i raccolti della produzione locale pare allentare la presa e permettere raccolti quantitativamente migliori garantendo una lenta e graduale diminuzione dei prezzi, soprattutto per le verdure a foglia.

Risulta effervescente anche la ricerca di zucchine e finocchi, con prezzi più contenuti per i primi e momentaneamente più elevato per i secondi.

Da segnalare, poi, l’inizio della stagione dei fichi d’India, disponibili con origine siciliana, lavorati in cestini e/o in confezioni a uno strato. Le loro pezzature sono più o meno grosse a seconda della partita, ma sono accumunate da un denominatore unico: la difficoltà nella manipolazione del frutto, in quanto è difficile sbucciarli senza rimanere ostaggio dei tanti piccolissimi aghi che tempestano la loro scorza.

È in flessione, invece, la richiesta di mercato dei meloni: i temporali e la conseguente diminuzione delle temperature hanno allontanato l’attenzione del consumatori da questo prodotto.

Per concludere, è sempre ottima la qualità dell’uva da tavola: lo scettro della regina per ora spetta alla varietà “Vittoria”, ben riconoscibile per i grossi acini di forma oblunga. La provenienza prevalente rimane quella della regione Puglia, disponibili anche varietà di uva nera o rosata, con semi e anche senza. Probabilmente dalla prossima settimana inizierà anche l’offerta della varietà “Italia” dal caratteristico acino grosso e sferico.

La ricetta della settimana

Pasta con i fichi e il prosciutto (a cura di Buttalapasta)

Ingredienti

400 G di Pasta Formato Corto

8 Fichi

150 G di Prosciutto Crudo

Parmigiano In Scaglie

Olio D’oliva Q.B.

Sale

Pepe

Preparazione

1. Mondate per bene i fichi e tagliateli a fette. Poi tagliate il prosciutto precedentemente privato del grasso a listarelle. In una padella con un filo di olio fate appassire i fichi per un paio di minuti, poi unite il prosciutto e spegnete dopo 2 minuti al massimo.

2. Lessate la pasta in acqua salata, scolatele, trasferitele in una zuppiera, conditela con 2 cucchiai di olio, mescolate e unite il condimento di fichi e prosciutto.

3. Mettete la pasta in piatti individuali, pepate e cospargete con scaglie di parmigiano reggiano.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Verdure di stagione

    Perché ricorrere agli integratori quando in natura abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno? Sali minerali, proteine, vitamine e fibre; tutto disponibile con poche e varie porzioni di verdure, diverse a seconda delle stagioni in cui le consumiamo. Facile, no?