BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Torna la Bèrghem Fest, microfono aperto ai militanti “Vuoi urlare? Il palco è tuo”

Senza i militanti la Lega Nord non sarebbe il partito dei gazebo, delle raccolte firme, delle decine di feste in ogni angolo della provincia. E' per questo motivo che quest'anno i vertici del Carroccio hanno deciso di lasciare alla vera anima del movimento il palco più prestigioso.

Vuoi urlare? Il palco è tuo. Senza i militanti la Lega Nord non sarebbe il partito dei gazebo, delle raccolte firme, delle decine di feste in ogni angolo della provincia. E’ per questo motivo che quest’anno i vertici del Carroccio hanno deciso di lasciare alla vera anima del movimento il palco più prestigioso, quello della Bèrghem fest di Alzano Lombardo. Il prossimo 26 agosto è in programma la serata dedicata proprio ai militanti: “Qualcosa da dire? Da suggerire? Da urlare? Il palco è tuo!”.

La festa invece sarà aperta giovedì 20 dagli amministratori come Simona Pergreffi, coordinatrice del sindaci bergamaschi, e Massimo Bitonci, “borgomastro” di Padova. Venerdì 21 spazio al convegno dei Giovani Padani. Durante la serata interverrà anche l’europarlamentare Gianluca Buonanno. Sabato 22 invece l’area “istituzionale” con i capigruppi alla Camera Fedriga e Senato Centinaio. La prima serata che promette botti è quella di domenica 23 agosto con Umberto Bossi, Roberto Calderoli e Giacomo Stucchi. Lunedì 24 sul palco ci saranno gli esponenti della Regione Lombardia.

A differenza degli anni scorsi quest’anno non sono stati invitati politici di centrosinistra. Non manca però Forza Italia. Martedì 25 infatti sarà ospite Mariastella Gelmini insieme al leghista Giancarlo Giorgetti. Giovedì 27 l’ex sindaco di Alzano Roberto Anelli, ora consigliere regione, il senatore Nunziante Consiglio e l’onorevole Cristian Invernizzi. Venerdì 28 altra ospite nazionale: Giorgia Meloni, insieme a Grimoldi e Castelli. Tre big per le ultime tre serate: sabato 29 il presidente della Lombardia Roberto Maroni, domenica 30 Giovanni Toti, Sonia Viale, Edoardo Rixi e Sergio Divina, mentre la chiusura è affidata all’immancabile segretario federale Matteo Salvini con il presidente del Veneto Luca Zaia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da 035

    Il problema non è urlare, quello lo sanno fare tutti, ma cosa dire, ed ho seri dubbi sui risultati, perchè non basta insultare e sfogarsi mandando a quel paese chi non la pensa allo stesso modo per risolvere i problemi e diventare magicamente una forza politica capace di governare…

  2. Scritto da Luigi

    Fateci ridere bortolini!!

  3. Scritto da possoancheio

    dite che se vado ad urlare “Lega Ladrona come Roma” me lo lasceranno fare? E “Salvini lazzarone leoncavallino e comunista?” sono tutte verita’ ma dubito che i discendenti celtici siano disposti a sentirsele dire in faccia… non vorrei mai ricevere trattamenti a base di acqua del po’ visti gli effetti devastanti…

  4. Scritto da spartaco

    speriamo che i padani registrino la serata in cui i militanti possono dire la loro… e poi condividano il video su vimeo o youtube! sono convinto che verrebbe fuori qualcosa di diseducativo… ma potrebbe essere spassoso… mejo de zelig!