BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Test antidroga per consiglieri e assessori del Pirellone: sei d’accordo?

Raccoglie i primi consensi la proposta lanciata da Fdi-An in Regione Lombardia: test anti-droga su tutti gli assessori e i consiglieri regionali, perché la droga rende incapaci di intendere e di volere, e pertanto è corretto che i cittadini sappiano se i loro amministratori, coloro che decidono delle loro vite, siano effettivamente in grado di farlo. Ha condiviso la proposta l'assessore alla salute del Pirellone, nonché vicepresidente Mario Mantovani.

Più informazioni su

Raccoglie i primi consensi la proposta lanciata da Fdi-An in Regione Lombardia: test anti-droga su tutti gli assessori e i consiglieri regionali, perché la droga rende incapaci di intendere e di volere, e pertanto è corretto che i cittadini sappiano se i loro amministratori, coloro che decidono delle loro vite, siano effettivamente in grado di farlo. Ha condiviso la proposta l’assessore alla salute del Pirellone, nonché vicepresidente Mario Mantovani

Analoga proposta è stata formulata anche dai rappresentanti del Movimento 5 Stelle dell’Umbria. Altro che ordini del giorno sulla cannabis, come invece accaduto per opera dal M5S lombardo.

Spiega Riccardo De Corato, capogruppo di Fratelli d’Italia – Alleanza nazionale nel Consiglio regionale della Lombardia "Fdi-An ha da sempre una posizione chiara sui controlli, siano essi programmati o casuali. Siamo contro tutte le droghe, perché non esistono sostanze buone e cattive. Tutte le droghe fanno male e i vari tentativi di legalizzarle anche solo a scopo terapeutico sono il viatico della loro liberalizzazione, come i radicali vorrebbero introdurre da sempre. Lo sosteneva anche Paolo Borsellino nel corso di un dibattito pubblico a Bassano del Grappa nel 1989 e lo ha ribadito il magistrato Nicola Gratteri nell’ambito di una recente intervista dell’aprile 2015: ‘tutte le droghe sono sempre dannose e liberalizzarle non combatte criminalità’"". Così Riccardo De Corato, Capogruppo di Fdi-An nel Consiglio regionale della Lombardia, in merito ai test antidroga per consiglieri e assessori lombardi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mario59

    Personalmente preferirei l’allontanamento definitivo da qualsiasi carica pubblica, di tutti i corrotti che da sinistra a destra, si annidano nella politica Italiana…si lo so molto probabilmente non ci sarebbe più nessuno a governare.

  2. Scritto da alex

    Pienamente d’accordo purché siano periodici ed a sorpresa. …per chiunque specialmente medici e politici

    1. Scritto da doc

      quindi un medico eccellente, che compie il suo lavoro onestamente, senza prendere mazzette dalle case farmaceutiche, senza prescrivere farmaci o cure per guadagnare sulla pelle delle persone, andrebbe punito se il sabato sera si fa una canna di marijuana? io dico che se ci sono risorse per fare dei controlli, andrebbero valutati ALTRI parametri… meno ideologici e più pratici

      1. Scritto da alex

        Ma lo sai quanti professionisti sono degli abituali consumatori di cocaina? ?? Faresti operare tuo figlio da uno di questi? ??

  3. Scritto da angelo m

    Un che fa uso di stupefacenti onesto che sia e’costretto per aquistarla a frequentare criminali diventando vulnerabile rischiando di essere corrotto o ricattato

  4. Scritto da angelo m

    Un che fa uso di stupefacenti onesto che sia e’costretto per aquistarla a frequentare criminali diventando vulnerabile rischiando di essere corrotto o ricattato

  5. Scritto da diego

    preferirei un test anticorruzione. Esiste?

    1. Scritto da Piero

      Sono d’accordo, e anche un test sul Q.I., perché non dimentichiamocelo, molti sono proprio degli incapaci….. Magari non rubano soldi, ma sono maldestri a scialacquarli e sprecarli. E poi, dai…. finiamola di pagarli più di Obama….

    2. Scritto da Narno Pinotti

      Sì: si chiama voto. Basta non darlo ai corrotti e darne tanti agli onesti e capaci.

      1. Scritto da ilario biagiotti

        C’è qualcuno che ancora crede che con il voto si cambiano le cose. Beata ingenuità!
        Ma come fa il popolo a conoscere chi non è corrotto, e dare il proprio voto ad onesti e capaci? Magari conosce il proprio vicino di pianerottolo, ma se quello non si presenta, a Narno, che fai?
        Beato te che conosci tutti onesti e capaci, e sai chi votare

    3. Scritto da lu

      ci sono le indagini e i controlli , se non ricordo male. Test anti-droga esteso a tutti e a sorpresa!

  6. Scritto da alberto tadini

    anche alcool e tabacco sono droghe, non bisogna dimenticarlo!

  7. Scritto da rastrel

    Si pensa di poter utilizzare il test antidroga come fosse un alcooltest, non considerando che il primo risulta positivo anche dopo diversi giorni l’essersi trovati nell’incapacità temporanea di intendere e di volere. Dilettanti.

    1. Scritto da E ALLORA ?

      che importa. è comunque vietato drogarsi.

  8. Scritto da andrew

    Sicuramente se fosse un test antidroga sarebbe programmato, quindi che senso ha? Bisognerebbe farlo a sorpresa, allora si’ che avrebbe una certa validità.

  9. Scritto da Gianno

    Assolutamente d’accordo! Non solo chi ci rappresenta non deve farne mai uso, come buon esempio, ma soprattutto non deve assolutamente essere offuscato nel momento di prendere decisioni che riguardano l’interesse dei cittadini. In caso di esame positivo andrebbe espulso dalla sua carica pubblica!

    1. Scritto da Andrea

      Quindi si ad un politico disonesto e corrotto purchè sia lucido al momento in cui prende decisioni? Non credi che i parametri di valutazione di un politico dovrebbero essere altri e legati alla competenza, alla correttezza, all’intgreità e onestà dell’attività politica svolta, lasciando magari gli alcool test e affini agli automobilisti e ai frequentatori delle discoteche?

      1. Scritto da gianno

        Questo lo stai dicendo tu

  10. Scritto da pablo

    aggiungo che per ogni politico (ma anche per ognicredibilissimo scienziato) che dichiara “tutte le droghe sono uguali”, da qualche parte c’è un politico (o un altro credibilissimo scienziato) che sostiene l’esatto contrario. o che almeno fa dei distinguo… nel merito della questione, a me non interessa se un consigliere regionale si è fatto una canna venerdì sera, mi interessa cosa decide e cosa firma lunedì mattina! e vorrei giudicarlo su questo.

  11. Scritto da lu

    D’accordissimo, andrebbe esteso a tutti anche a quelli privati

  12. Scritto da Andrea

    La solita coutade, questa volta targata Fdi (ex fascisti). Di un politico mi interessa sapere se possiede, incorruttibilità e onestà, oltre che capacità amministrative. Oltre a render pubblici i redditi, come già avviene, sarebbero gradite certificazioni test e verifiche in tale direzione, altro che corbellerie come questa.