BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mercato ancora fermo: l’Atalanta a San Siro senza nuovi rinforzi?

Domenica sera a Milano la prima del nuovo campionato col mercato in entrata ancora bloccato: tiene banco la questione-Paletta, sul quale si è inserita anche la Roma.

Più informazioni su

Quinto anno consecutivo in serie A. L’Atalanta c’è ai nastri di partenza ma definirla "pronta" è senza ombra di dubbio troppo. Mancano ancora gli innesti in difesa che Edy Reja e gran parte dei tifosi si attendono, anche se l’impressione è che i colpi più importanti il ds Giovanni Sartori li voglia piazzare a pochi passi dal traguardo, quando lunedì 31 agosto si chiuderà ufficialmente la sessione estiva di questo calciomercato estivo.

Intanto, però, la data del debutto si avvicina e l’avversaria in questione – l’Inter di Roberto Mancini – si può considerare senza dubbio una delle big del campionato italiano. I nerazzurri milanesi non stanno affrontando la migliore delle loro pre-season, ma sul mercato si sono rinforzati non poco e domenica, davanti al pubblico amico, avranno tutte le intenzioni di partire col piede giusto, anche per zittire le critiche che sono piovute addosso a Icardi e compagni dopo le ultime uscite che, seppur di poco conto (Trofeo Tim e amichevole con l’Aek Atene), hanno comunque lasciato un certo malcontento a una parte della tifoseria.

I risultati sul campo non sono mancati, ma non sta molto meglio l’Atalanta. Reja, a pochi giorni dal debutto nel massimo campionato, sta lavorando con una squadra ancora incompleta. All’appello, infatti, manca soprattutto un difensore centrale di sicuro affidamento e l’impressione è che tutto il mercato in entrata dei nerazzurri sia bloccato da Gabriel Paletta: l’ex Parma ha ormai le valigie pronte e lascerà sicuramente il Milan, ma non ha ancora detto "sì" ai bergamaschi perché prima vuole capire come si muoveranno le big. La Roma, ad esempio, che nelle ultime ore si è fatta avanti senza però affondare il colpo. E non è detto che poi lo faccia, perché per i capitolini quella di Paletta è solo una delle tante possibilità, a differenza dell’Atalanta che sull’italo-argentino ha deciso di puntare tutto.

I prossimi saranno comunque giorni di grande lavoro per il ds Sartori, che sta valutando le alternative per il dopo-Benalouane. Da Bonera a Campagnaro, da Lollo a Medina, i nomi non mancano e i soldi nemmeno. L’impressione, però, è che si voglia attendere l’ultimo per risparmiare qualcosa e, soprattutto, per capire se potrà nascere qualche altra opportunità interessante. Il debutto con l’Inter, però, è sempre più vicino.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da roberto

    Nessun problema. Vogliamo la grinta giusta.E poi di sicuro tireremo fuori un,altro campionato di emozioni.ricordiamoci che molte città la serie a se la sognano. Buone feste a tutti.

  2. Scritto da Dario

    Qualcuno sa se Conti può fare anche il centrale?

  3. Scritto da silvio

    spesso chi fa sbaglia ma far finta di fare è peggio, Speriamo che arrivi qualcuno che abbia voglia di sudare altrimenti andiamo in b questa’anno

  4. Scritto da nino cortesi

    Hanno un difensore buono, Benalouane, e lo cedono senza avere un valido ricambio.
    Hanno preso un sacco di soldi perchè è scarso vero?
    Gli altri ti danno un mucchio di soldi perchè non sa giocare vero?

    1. Scritto da Enzo

      Difensore buono Benalouane?! Ma che partite hai visto? Fa un sacco di falli pericolosi, ha un sacco di svarioni e ha provocato una una marea di calci di rigore contro! Venderlo (e a quel prezzo) è stato il più grade affare dell’Atalanta! Ma andava bene anche regalarlo va…
      Ce ne sono di squadre che strapagano bidoni (e l’Atalanta è stata ed è tutt’ora una di queste).

  5. Scritto da El Cid Campeador

    L’obiettivo della società è quello di appartenere alla fascia di quelli che dovrebbero salvarsi per demeriti altrui e per questo pensano di completare l’organico con gli esuberi che verranno messi in circolazione negli ultimi giorni di mercato. A breve termini dal punto di vista sportivo l’obiettivo è il 17º posto, mettiamoci il cuore in pace.
    P.S. noto anch’io una certa diversità di trattamento riservata a Percassi rispetto al povero Ruggeri. Chissà perché?

  6. Scritto da Gio da PV

    Uno come Paletta che deciderá di accettare la Dea solo se altri non lo prenderanno lo lascerei dov’è. L’unica motivazione sará quella di prendere un buon ingaggio perchè l’alternativa sará star fermo (si certo a spese del Milan!!!)

  7. Scritto da pinuccia

    la crisi galoppa, e anche L’atalanta sui deve adeguare, basta spendere soldi per mantenere rammolliti,

  8. Scritto da Vito

    Siamo in attesa dell’ annuncio clamoroso da parte di società’ e tecnico, che precede ogni inizio torneo : ” il nostro obiettivo e’ la salvezza “

  9. Scritto da Francesco

    E’ vero che la maggior parte dei colpi li fai gli ultimi 2/3 giorni, però c’è il rischio di doversi accontentare degli avanzi degli altri. La lista degli obiettivi dichiarati ad inizio mercato e poi sfumati è lunghissima, sinceramente da tifoso col cuore nerazzurro non capisco questo immobilismo sul mercato, fatti due conti invece è probabile che un mercato al risparmio permetta comunque la permanenza in serie A per demeriti altrui, per buona pace di chi paga il biglietto.

  10. Scritto da vic

    Pienamente d’accordo con Claudio. Percassi anche lui malato di annuncite: dal mega stadio a Grumello del Piano da 200 milioni a ristrutturare quello vecchio (per ora anche a spese del Comune e Albino Leffe) per circa 30 milioni; da programmi di crescita progressiva della squadra a speriamo che ci si salvi……. . Se il povero Sig. Ruggeri si fosse comportato così chissa che fine gli avrebbero fatto fare!

  11. Scritto da Claudio

    Percassi ha fatto cassetto come al solito toglie e non mette…. Tra cessioni e mancati ingaggi almeno 23 milioni di euro…. Lo stadio recuperato a doc a spese dei contribuenti…. Ma se è Percassi a farlo va bene chissà perché????

    1. Scritto da Zanzara

      Veramente a “carico dei contribuenti” ci sono sol i pali dell’illuminazione e …lampadine !

    2. Scritto da Greatguy

      Mai capitato di parlare di argomenti che conosci????

      1. Scritto da dindondan

        tu sei il sapientone?