BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Ragazzi ubriachi prima di entrare in disco Servirebbe l’alcol test”

Pubblichiamo la lettera di Marco che invita a riflettere sulla tendenza di molti giovani bergamaschi a “sballarsi” di alcol ancor prima di entrare in discoteca. E prova a lanciare una proposta: alcol test prima di entrare in discoteca.

Pubblichiamo la lettera di Marco che invita a riflettere sulla tendenza di molti giovani bergamaschi a “sballarsi” di alcol ancor prima di entrare in discoteca. E prova a lanciare una proposta: alcol test prima di entrare in discoteca.

Spett. le Redazione, Vorrei porre in rilievo, anche se purtroppo le cronache nazionali lo fanno con assiduità da diversi giorni, il problema delle sballo e dei giovani. Premesso che ho 24 anni e vado almeno una volta al mese a ballare, quindi, non sono distante anni luce dal mondo dei "non ancora ventenni" che frequentano locali notturni. Venerdì 14 agosto mi trovavo fuori da un noto locale. Premesso che non "casco dalle nuvole" e conosco come ruota il mondo attorno ai locali, devo dire di essere rimasto impressionato dal numero considerevole di ragazzini che muniti di bottiglie di birra, vino e di succo "pesantemente corretto", si avvicinavano all’ingresso e, complice la lunga fila, continuavano a bere anche a pochi metri dal locale. Piccola parentesi: 1) la coda di gente è arrivata ad occupare più di mezza carreggiata e dal punto di vista della sicurezza non è stato il top. Allora, mi sono chiesto, di tutto il dibattito che è seguito al caso del Cocoricò, nella nostra realtà provinciale che cosa è rimasto?

Se i ragazzi bevono intere bottiglie di superalcolici prima di entrare, non converrebbe allora che le discoteche venissero autorizzare a fare un "alcol test" pre ingresso, cosicché le stesse debbano eventualmente fare i conti solo con coloro che, loro malgrado, si ubriacano all’interno? Dato che, lo sanno anche i sassi, la gente va in discoteca per ballare, rimorchiare e bere, e di queste tre cose quella preliminare allo sballo è soprattutto lo smodato utilizzo di alcol, allora invece che chiudere i locali bisognerebbe permettere loro di fare più pulizia e selezione all’ingresso (sempre che per interessi economici non sia disinteressati a queste pratiche), dato che, purtroppo, il consumo all’interno è difficilmente controllabile.

Così facendo, dal mio punto di vista, si potrebbe dare una stretta allo sballo eccessivo dei giovani che a volte, sono anche under 18 e quindi, non potrebbero partecipare ad eventi come quello del Face2Face o di altri organizzatori in altri locali. Seconda parentesi: un gruppo di ragazzine che sembravano uscite della seconda media, ma vestite come Julia Roberts in Pretty Woman, (mi spiace per il paragone ma è l’espressione più politicamente corretta che mi è venuta in mente) meditava di entrare nel locale in qualche punto del retro, per evitare i controlli all’interno o per evitare il costo dell’ingresso questo non è dato saperlo. Presumibilmente per il primo motivo. Nella speranza che quello di ieri sia solo uno spaccato di società casuale e che tutto quello che ho scritto possa essere smentito da decine e decine di minorenni o poco più che si divertono in modo sano, ringrazio la Redazione per la possibilità che mi è stata offerta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da G.

    Molti, troppi genitori trincerandosi dietro a impegni di lavoro compensano le loro disattenzioni con oggetti materiali e con il denaro. I valori sono ormai individuabili solo con l’avere e non con l’essere. Secondo me un po’ di sana naja non farebbe male a questi ragazzi.

  2. Scritto da edoardo

    forse che neanche i giovanissimi si divertono più senza alcol? in Veneto far festa = sbronzarsi, da noi è tanto diverso? Non mi sembra così difficile da capire

  3. Scritto da Marghe

    queste cose sono sotto gli occhi di tutti ma a nessuno importa nulla….le tue ossrvazioni sono logiche e allora perche’ da anni nessuno fa nulla? Forse il potere dei soldi e’ piu’ forte della salute e della sicurezza dei nostri ragazzi? come mai ad eventi denominati “school party” quindi ovviamente riservati a minorenni si permette la somministrazione di alcolici e superalcolici? Ma facilmente diranno che la colpa e’ delle famiglie..basta non toccare i loro interessi economici e chi li copre.

    1. Scritto da tino

      E di chi sarebbe la colpa se non dei genitori di questi bulli ? La legge che vieta l’ alcol ai minori cosi’ viene aggirata. C’è poca o nulla severità dei padri e delle madri per questi comportamenti, negli anni 70/80 un minore che rientrava (sobrio) piu’ tardi del previsto non usciva per una settimana

  4. Scritto da Vito

    Ai miei tempi in discoteca (anni 80 ) si rimorchiava da sobri , le ragazze non si chiedevano se i loro fans fossero benestanti…è cambiato tutto ( come dice il comico Pucci )

  5. Scritto da Manuel

    Servirebbe l’alcol e droga test eseguito sui nostri politici prima di entrare in Senato e Parlamento.