BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Furti in casa, crescita record in Bergamasca: + 234% in 10 anni, quinta in Italia

Negli ultimi 10 anni in Bergamasca sono aumentati del 234,3%, contro la media (già alta) del 170 % a livello nazionale. La nostra provincia di piazza così al quinto posto in questa poco invidiabile classifica.

Continuano ad aumentare i furti in abitazione. Negli ultimi 10 anni in Bergamasca sono aumentati del 234,3%, contro la media (già alta) del 170 % a livello nazionale. La nostra provincia di piazza così al quinto posto in questa poco invidiabile classifica.

Lo sostiene l’Osservatorio Nazionale per la Sicurezza dei Cittadini Italiani che sottolinea in particolare "l’aumento sostanziale dei furti nel Nord-Est e Nord -Ovest ad opera di bande organizzate provenienti dall’Est-Europa" e che "i furti in abitazione raggiungono il record di 1 ogni minuto e mezzo e quelli nei negozi o attività commerciali in genere non sono da meno, uno ogni quattro minuti".

Le province in cui i furti in casa sono aumentati di più nell’ultimo decennio sono Forlì-Cesena (al primo posto, +312,9%), Mantova (+251,3%), Udine (+250,0%), Terni (+243,7%) e Bergamo (+234,3%).

Tra le grandi città, gli aumenti maggiori si registrano a Milano (+229,2% nel periodo 2004-2013), Firenze (+177,3%), Torino (+172,6%), Padova (+143,3%), Palermo (+128,4%), Venezia (+120,9%), Roma (+120,6%), Bologna (+104,5%) e Verona (+103,4%).

Si svaligia sempre e comunque: di notte e di giorno, da soli o organizzati in bande, spesso sfidando gli ignari inquilini mentre si trovano in casa.

Parallelamente all’aumento dei furti, infatti, a disturbare i sonni tranquilli degli italiani è la crescita di un altro reato ancora più allarmante: le rapine in abitazione, con violenza o minaccia ai proprietari.

Nel 2013 sono state 3.619, con una crescita vertiginosa nel decennio (+195,4%) e un incremento del 3,7% solo nell’ultimo anno. A differenza dei furti in abitazione, le rapine sono commesse principalmente al Sud (1.380 nel 2013, pari al 38,1% del totale).

Nella graduatoria provinciale in base all’incidenza di questo reato rispetto alla popolazione residente, al primo posto si trova Trapani (14,4 rapine in abitazione ogni 100.000 abitanti), seguito da Asti (14,1 ogni 100.000) e Palermo (13,8 ogni 100.000).

E l’aumento dei reati che turbano la quiete domestica porta a un aumento delle preoccupazioni della gente comune. Le famiglie che percepiscono il rischio di criminalità nella zona in cui vivono sono passate dal 27,1% del totale nel 2010 al 30% nel 2014.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Cornelia

    Bergamasca: patria dei leghisti. Amministrazioni leghiste da decenni. I leghisti sono stati al governo … ma quelli parlano parlano parlano straparlano. Sanno solo fare quello e gli imbecilli abboccano. Zecche che succhiano dal sistema. E non fanno un bel niente se non arraffare e criticare mentire e illudere gli allocchi.

  2. Scritto da 035

    Dimenticavo, chiunque siano questi signori dell’ONSCI, se lanciassimo un sondaggio su chi ha subito almeno un furto negli ultimi 10 anni diventeremmo il primo partito d’Italia a schiacciante maggioranza, ma “lo stato ci ha abbandonato e il sud sta morendo, fate presto…”, si, con la prossima amnistia!

  3. Scritto da Boh !?

    “Osservatorio Nazionale per la Sicurezza dei Cittadini Italiani” , ONSCI , chi diavolo sono ?

  4. Scritto da alfa

    Chissà perchè…!

  5. Scritto da giulio

    Ma solo il mese scorso la prefetto dopo una riunione con forze dell’ordine ed enti locali dichiarava che andava tutto bene…anzi!!!

    1. Scritto da Matteo

      Dopo un furto in casa e chiamata al 112, la volante intervenuta commentò: “se non e’ assicurato, lasci stare la denuncia, non serve a niente…”

    2. Scritto da Socrates

      Ma infatti ho fatto ricerche sull’ ONSCI. che dire, giá dal sito sembrano degli scappati di casa, nel consiglio ci sono solo 2 persone autorevoli che nei loro profili non accennano minimamente all ONSCI e tutti gli altri nulla, oppure dirigenti di societá di sicurezza non ben precisate.Attivi da maggio 2015..cioé questi in neanche 3 mesi hanno raccolto dati ed elaborato tutte queste statistiche accurate? perplesso é dire poco…

  6. Scritto da Incazzata

    Finché lo stato non ci protegge e non mette regole più rigide a questi delinquenti non cambierà nulla

  7. Scritto da + verande x tutti

    Di sicuro sono tutti ladri autoctoni.