BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ortofrutta

Informazione Pubblicitaria

E’ il periodo delle susine dolci e ricche di fibre e potassio

Sono le susine il prodotto della settimana al Mercato ortofrutticolo bergamasco. Frutto tipico dell'estate, per la propria spesa dal fruttivendolo o dall'ambulante di fiducia sono disponibili a condizioni convenienti, con un ottimo rapporto tra qualità e prezzo.

Sono le susine il prodotto della settimana al Mercato ortofrutticolo bergamasco.

Frutto tipico dell’estate, per la propria spesa dal fruttivendolo o dall’ambulante di fiducia sono disponibili a condizioni convenienti, con un ottimo rapporto tra qualità e prezzo.

Dolci e succose, portano in tavola il sapore e i colori della bella stagione, abbinando gusto e freschezza. Ricche d’acqua, sono dissetanti, rinfrescanti e idratanti, utili per recuperare i liquidi persi per la sudorazione. Inoltre, grazie a un elevato quantitativo di fibre, che contribuiscono alla regolazione delle funzioni intestinali e sono particolarmente indicate per chi soffre di stipsi, potendo svolgere un’efficace attività lassativa, ma svolgono anche un’importante funzione antiossidante, non tanto per il contenuto in vitamina C e carotenoidi quanto per la loro associazione alle sostanze fenoliche.

A caratterizzarle, poi, è un abbondante contenuto di sali mirnerali, specialmente potassio, che può aiutare a prevenire disturbi della pressione arteriosa, stanchezza, disordini dell’apparato digerente e cellulite. Per gli sportivi, in particolare, l’assunzione di potassio protegge dai crampi muscolari e costituisce un’importante risorsa dopo lo sport o uno sforzo intenso. Esso, infatti, coadiuva la contrazione cardiaca e la trasmissione dello stimolo nervoso e muscolare.

In aggiunta, nelle susine ci sono buone dosi di calcio e fosforo, che svolgono un’azione protettiva sulle ossa, prevenendo o aiutando a combattere l’osteoporosi. Risultano anche molto utili in gravidanza, soprattutto il fosforo, che produce effetti benefici sul cervello, favorendo la concentrazione e aiutandoci dalle fatiche intellettuali.

Infine, a completare la composizione di questi frutti, nelle loro diverse varietà, è un discreto contenuto di vitamina A, necessaria per proteggere le cellule della mucosa e della pelle e, in generale, per il buon funzionamento delle difese immunitarie, ma anche di vitamina B1 e B2, utili al mantenimento dell’equilibrio nervoso.

In cucina possono essere consumate fresche, al naturale e in macedonia, oppure conservate (secche, sciroppate, in cottura, sotto spirito o candite). Inoltre, tipicamente vengono adoperate per preparare marmellate, confetture, torte, crostate, succhi e liquori.

Ma non è finita qui: si possono utilizzare per cucinare originali primi piatti, accompagnando pastasciutta, gnocchi e risotti, oppure ottimi secondi piatti, abbinandole a carni o salumi, per ottenere prelibatezze dai sapori contrastanti. Ad esempio, come contorno a un saporito galletto ripieno, filetto di maiale, petto di pollo, arrosto di vitello, petto d’anatra o un bocconcino di manzo.

Per chi ama il pesce, è possibile optare per baccalà, trote, pesce spada, arista o coda di rospo. E ancora, si possono realizzare svariati dessert, come torte e ciambelle, muffins, crumble e strudel, flan, cheese-cake, panna cotta e plum cake. Un consiglio: è meglio acquistare le susine al giusto grado di maturazione, in quanto, una volta staccate dall’albero, maturano difficilmente.

In ambito extraculinario, sono molto utili nella cosmesi, grazie alle loro proprietà tonificanti per la pelle: il loro succo ha un effetto emolliente e vellutante per pelli grasse e irritabili.

Dando uno sguardo più in generale al Mercato, va registrato che si mantengono sostanzialmente stabili le tendenze del periodo. Per quanto riguarda la frutta, tra bancali, scaffali e cassette si possono trovare tanti succosi agrumi, disponibili con origini extracontinentali, considerando che questo non è tempo per la loro produzione nel nostro Paese; invece, l’origine dei kiwi è quasi totalmente neozelandese.

Qualità e quotazioni si confermano in linea rispetto a quanto rilevato la scorsa settimana. Stabili anche quotazioni, prezzi, qualità e origini di pesche e nettarine. Rimane ottima, poi, la disponibilità sul mercato dell‘uva bianca da tavola, con origine pugliese e siciliana.

Per concludere, anche per quanto riguarda le verdure, viene confermato quanto rilevato la scorsa settimana.

La ricetta della settimana

Torta di susine e mandorle (da: le ricette della nonna)

Ingredienti

600 grammi di susine rosse

100 grammi di farina 00

un cucchiaino di succo di limone

3 uova

100 grammi di farina di mandorle

100 grammi di olio di semi

zucchero a velo

320 grammi di zucchero

8 grammi di lievito per dolci

20 grammi di mandorle a lamelle

Procedimento

La torta di susine e mandorle è un dolce semplice e sfizioso. E’ una ricetta inserita nella pagina dedicata agli allergici al lattosio ed è ideale nel caso in cui ci fossero delle particolari esigenze alimentari.

Lavate le susine e dividetele in due parti. Eliminate il nocciolo e sbucciatele.

Tagliatele a pezzetti, sistematele in una ciotola con 40 gr di zucchero e mescolate con un cucchiaio.

Preriscaldate il forno a 180 gradi.

Separate gli albumi e montate i tuorli con 260 gr di zucchero. Unite l’olio, amalgamandolo con una frusta, e successivamente la farina setacciata con il lievito. Aggiungete la farina di mandorle e amalgamate delicatamente il composto.

Montate a neve gli albumi con il succo di limone e uniteli aiutandovi con una spatola.

Ungete, con un pò d’olio di semi, una tortiera a cerniera mobile da 26 cm di diametro e spolverizzatela con poca farina.

Versate il composto nella tortiera e distribuite sulla superficie le susine, compreso il liquido emesso nella ciotola mentre erano a contatto con lo zucchero.

Completate la copertura con le mandorle a lamelle e i 20 gr di zucchero rimasti.

Fate cuocere, nel forno ormai caldo, per circa 40 minuti.

Sfornate la torta e lasciatela stiepidire in teglia prima di sformarla.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.