BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Stipendi d’oro Cisl, la Fim: se confermati chiederemo le dimissioni dei coinvolti

Duro comunicato della segreteria Fim Cisl di Bergamo. E Luca Nieri, segretario generale, rincara la dose: "Da quando è emersa la vicenda Bonanni si è sbagliato a non andare a fondo nell'indagare eventuali altre anomalie che, alla fine, sono emerse".

Più informazioni su

Viste le notizie circolate sui media riguardanti stipendi di dirigenti nazionali di alcune categorie e strutture della Cisl, la Fim Cisl di Bergamo prende le distanze da quanto emerso.

"Nei giorni scorsi, – scrivono i metalmeccanici Cisl in un comunicato – appena iniziavano a trapelare notizie, la Segreteria della Fim Cisl di Bergamo, con un documento interno, ha sollecitato ai vari livelli immediate e opportune verifiche di quanto emerso. È chiaro che se il tutto dovesse esser confermato non esiteremo a chiedere le dimissioni delle persone coinvolte. Servono scelte forti in discontinuità con il recente passato"

Il rispetto del regolamento, prosegue la Fim Bergamo "è sempre stato un obbligo e non un’indicazione e che gli stipendi dei sindacalisti devono necessariamente rispondere anche a principi di etica che impongo una giusta e corretta proporzionalità con gli incarichi ricoperti, certamente, ma anche con le condizioni economiche e occupuazionali dei propri iscritti, patrimonio prezioso e fondamentale della Cisl. Per questo vanno fatte le opportune verifiche all’interno di tutte le strutture affinchè emergano eventuali e ulteriori casi di abuso e scorrettezza nei confronti delle risorse economiche della Cisl e, nel caso, occorre intervenire sanzionandole".

È positivo, sottolineano i rappresentanti delle tute blu "che la Cisl abbia rivisto il proprio regolamento rendendo più stringenti le norme in materia salariale e di non cumulabilità dei compensi. Non ci basta, tuttavia, dire che tutti si adegueranno alle nuove norme e regolamenti improntati alla trasparenza se prima non viene perseguito chi, eventualmente, abbia ad oggi abusato di ruoli e rendite economiche".

La Fim Cisl è "un’Organizzazione sana, fatta da migliaia di delegati che ogni giorno, gratuitamente, portano avanti i valori della Fim e della Cisl. La Fim Cisl, a tutti i livelli, è sempre stata rispettosa dei regolamenti a partire dalla dichiarazione dei redditi del Segretario Generale Nazionale Marco Bentivogli disponibile sul sito www.fim-cisl.it e raffiguarante un compenso che risponde sia al regolamento che all’etica, diversamente dalle cifre circolate a riguardo di altre persone. Nell’ottica di una efficace trasparenza, la Fim Cisl ha deciso di pubblicare le dichiarazioni dei redditi di tutti i sindacalisti a tempo pieno. Non permetteremo che la disonestà di pochi infanghi la gloriosa storia della Nostra Organizzazione che, ancora oggi, cammina sulle gambe di tantissime persone oneste e sui valori di solidarietà e dignità".

E Luca Nieri, segretario generale della Fim Cisl di Bergamo, rincara la dose: "Da quando è emersa la vicenda Bonanni si è sbagliato a non andare a fondo nell’indagare eventuali altre anomalie che, alla fine, sono emerse. Certamente, chi ha commesso degli abusi deve essere perseguito in maniera esemplare, senza sconti per nessuno, fino ad arrivare, se necessario, all’espulsione. Le mele marce devono esser tolte dalla cassetta per evitare che contagino la parte sana della Cisl che è ancora la maggioranza assoluta. Chi ha approfittato del proprio ruolo per arricchirsi personalmente non è degno di rappresentare i valori della Cisl. L’applicazione dei regolamenti deve essere corretta e rigorosa senza alcuna distorsione. Nella Fim di Bergamo gli stipendi medi vanno dai 1400 ai 1600 euro netti per quel che riguarda gli operatori. I segretari sono attorno ai 1700 euro e il segretario generale 1900 euro al mese. Stipendi di cui non ci lamentiamo ma che sottendono un impegno costante e quotidiano che ci tiene parecchie ore lontano da casa, sacrificando tempo nei confronti della propria famiglia. Per questo la spinta motivazionale e la passione sono decisivi in una quotidianità che abbiamo scelto e che, per noi, è più una "mission" che un lavoro. È sbagliato, quindi, fare di tutta l’erba un fascio. La Cisl è sana e ha ancora molto da dare ai lavoratori e al Paese. Ecco perchè non possiamo tollerare questi comportamenti e abusi. La trasparenza e i trattamenti economici sono un passo in avanti. Adeguarsi a questo un dovere ma non deve costituire la sanatoria per gli abusi del passato. Il concetto di etica, moralità e la schiena dritta devono accompagnare sempre i sindcalisti della Cisl".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da beppe

    I vertici sanno tutto di tutti. Piccolo problems di cui non ve ne siete ancora accorti? Prendono ordini e sono protetti dsi loro veri padroni: i partiti! Poera italia… La fa acqua de per tot…

    1. Scritto da maurizio

      La mia era una semplice provocazione, sicuramente i vertici sapevano ,come Fim e parlo dei comprensori(che ora sono stati accorpati per i famosi bilanci ) sono anni che chiediamo trasparenza nei conti della cisl, forse come delegati avremmo dovuto mettere in atto azione di protesta(“congelare le tessere”)E PER TERMINARE SONO DACCORDO CON BEPPE POERA ITALIA

  2. Scritto da maurizio

    Sono un delegato sindacale della Fim e come me altri delegati dopo lo Scandalo Bonanni aspettavano una risposta decisa , ma non è mai arrivata si può capire il perché.
    Ma è mai possibile che i vertici non sapessero di queste situazioni? In qualsiasi caso in un paese democratico(ma lo siamo.?) molti di loro compresa la Furlan dovrebbe dimettersi. Torniamo a parlare con i lavoratori e basta pensare esclusivamente alle poltrone (potere)

  3. Scritto da Nuova organizzazione

    Ma ormai, nell’era Renzi,a cosa servono i sindacati?
    Bisogna azzerarli tutti, e ripartire con una nuova organizzazione e nuove regole. Una organizzazione di tutela del lavoratore che sappia far fronte al primo politico sbruffoncello di turno.

  4. Scritto da maria

    gia si sapeva come sempre ma .l.omerta fa comodo ..in una puntata di quinta colonna ,un ospite aveva sollevato la questione, ma il sindacalista presente aveva ribadito che i sindacati fanno tanto per gli operai, in poche parole avevano il diritto che hanno i politici, cioe mangiarci addosso, poi mi fermo qui..

  5. Scritto da miele

    occorre scavare nei segreti meandri delle segreterie sindacali per capire quanta corruzione vi alberga. ma tutti semprano cadere dal pero.

  6. Scritto da Mario

    Sono bravi a far proclami roboanti ai media, poi tutto finirà nel nulla perché tutto è a norma di legge (quella che fanno loro)! PAZZESCO!

  7. Scritto da grrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr

    Tante chiacchere, poi tutto finirà nel nulla come la vicenda Bonanni.