BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lizzy sarà presto cieca Ma prima vedrà Roma grazie a un benefattore

Il sogno dei genitori della piccola americana, colpita dalla sindrome di Usher, diventerà realtà nella prossima primavera grazie alla generosità del direttore generale della Turkish Airlines che ha regalato alla famiglia Myers dei biglietti di andata e ritorno per qualsiasi destinazione nel mondo. La scelta è andata alla Città eterna.

Più informazioni su

Il mondo di Lizzy Myers sta per diventare buio e silenzioso. Colpa di una grave e incurabile malattia che tra poco tempo costringerà la piccola di appena 5 anni, originaria dell’Ohio, a diventare cieca e sorda. Per questo Steve e Christine, i genitori della bimba colpita dalla sindrome di Usher di tipo 2, rara malattia genetica che priva progressivamente di vista ed udito, hanno creato per lei una "lista di cose assolutamente da vedere", ma mai avrebbero sognato che essa potesse comprendere un viaggio a Roma, al di là delle loro possibilità economiche.

Ed invece il sogno diventerà realtà nella prossima primavera grazie alla generosità del direttore generale della Turkish Airlines che, commosso dal destino di Lizzy, ha regalato alla famiglia Myers dei biglietti di andata e ritorno per qualsiasi destinazione nel mondo. La scelta dei genitori di Lizzy – la mamma è di origini italiane ed entrambi sono cattolici – è andata alla Città eterna. "Abbiamo voluto aiutare una bambina che non avrà mai la possibilità di vedere il mondo", ha dichiarato il benefattore turco di Lizzy, Tuncay Eminoglu, venuto a conoscenza della storia grazie ad una serie di articoli pubblicati sui media americani.

I pronostici dei medici sono impietosi: a Lizzy, dopo la diagnosi della malattia avvenuta lo scorso anno, restano 5, al massimo 7 anni, per potere godere delle meraviglie terrestri. Da qui, la coraggiosa corsa contro il tempo dei coniugi Meyers, di Bellville, che vogliono sopra ogni altra cosa che la loro piccola possa imprimere nella memoria più immagini ed emozioni possibili in previsione dell’oscurità che l’attende inesorabile.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luca

    Speriamo che nel frattempo gli scienziati scoprano cure adatte. Complimenti al benefattore. Certo, a voler guardare, se tutti i milionari e i benestanti del pianeta si prendessero a cuore almeno una causa pietosa, sarebbe già qualcosa.