BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fino al 30 agosto a Bergamo multe a chi spreca l’acqua potabile

Ordinanza del sindaco Giorgio Gori per i cittadini bergamaschi: è vietato da mercoledì 5 fino alla fine di agosto sprecare l'acqua potabile. Chi venisse trovato a riempire le piscine, innaffiare i giardini e gli orti, lavare auto e i viali rischia una multa fino a 500 euro.

Più informazioni su

Ordinanza del sindaco Giorgio Gori per i cittadini bergamaschi: è vietato da mercoledì 5 fino alla fine di agosto sprecare l’acqua potabile. Chi venisse trovato a riempire le piscine, innaffiare i giardini e gli orti, lavare auto e i viali rischia una multa fino a 500 euro.  

Ecco l’ordinanza

Premesso che le Autorità competenti hanno richiamato l’attenzione di tutte le Istituzioni in ordine alle problematiche connesse con l’approvvigionamento e l’uso dell’acqua potabile; per fronteggiare il problema della siccità, con particolare riferimento alla necessità di assicurare il fabbisogno minimo di acqua per gli usi igienici ed alimentari;

Rilevato che l’eccessivo consumo di acqua potabile diverso dall’uso strettamente domestico non consentirebbe di garantire la fornitura di acqua potabile necessaria per gli usi civili;

Vista la nota pervenuta da Uniacque nella quale viene segnalata, a causa dell’elevate temperature, un’impennata dei prelievi idrici da parte dell’utenza, in concomitanza ad una minore disponibilità della risorsa dovuta alla mancanza da tempo di precipitazioni atmosferiche;

Vista altresì la nota dell’ASL di Bergamo con la quale, stante il perdurare delle condizioni di siccità che hanno determinato grave carenza idrica in alcuni comuni della Provincia, si raccomanda alle Autorità locali di adottare i provvedimenti di competenza atti ad evitare sprechi d’acqua per usi non potabili, nonché ad intensificare le azioni di vigilanza tramite la Polizia Locale.

Ritenuto necessario ed opportuno, al fine di evitare disagi alla popolazione, limitare l’uso improprio dell’acqua potabile, assicurando così la normale erogazione di acqua potabile per usi domestici;

Ritenuto, pertanto, di imporre una disciplina finalizzata al contenimento del consumo e alla limitazione degli sprechi di acqua al fine di garantire la fornitura di acqua potabile necessaria per gli usi civili;

Acquisito il parere del Dirigente della Direzione Edilizia Privata, Attività Economiche e SUAP, ai sensi dell’articolo 22, dello Statuto Comunale; Visto l’art. 50 del D.Lgs. 267/2000; Visto l’art. 30 dello Statuto comunale;

O R D I N A

Alla popolazione residente o avente attività sul territorio del Comune di Bergamo, per i motivi esposti in premessa, con decorrenza dalla data odierna e sino al 30 agosto 2015:

1 – E’ vietato utilizzare l’acqua potabile erogata dal pubblico acquedotto per:

 lavaggio di piazzali e vialetti;

 riempimento di piscine;

 innaffiamento di prati, giardini e orti;

 lavaggio di autoveicoli (con esclusione degli autolavaggi).

2 – Di ridurre i consumi domestici ai soli usi potabili ed igienici.

I contravventori saranno perseguiti, a norma di legge, con sanzioni amministrative previste dall’art. 7 bis del D.Lgs 267/2000 da un minimo di Euro 25,00 ad un massimo di Euro 500,00 (pagamento in misura ridotta Euro 100,00).

Il Corpo di Polizia Locale curerà l’osservanza delle presenti prescrizioni ed applicherà le relative sanzioni in caso di inottemperanza.  

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mah!?

    ma le fontane della stazione e del piazzale degli aloini usano acqua riciclata?

  2. Scritto da AV

    Per quanto mi riguarda non bagno il prato di casa perchè servirebbe troppa acqua e tempo (non ho un impianto di irrigazione automatico), ma certo continuerò ad innaffiare aiuole, vasi e piccole piante. Siccome c’è siccità secondo i geni della Giunta comunale bisogna dare il colpo di grazia alle colture non bagnandole più??? E poi non ho capito; l’acqua potabile la paghiamo noi e pure cara, mica ce la regala il Comune!!

    1. Scritto da VA

      Le ordinanze che vietavano lo spreco di acqua potabile in estate si sono sempre fatte.
      Concretamente, di fronte al rischio che non ci sia abbastanza acqua potabile per bere, tu cosa proponi?

      PS: voglio augurarmi che ci sia il buon senso di distinguere tra un bicchiere d’acqua dato alla pianta di basilico e la quantità d’acqua che serve per mantenere il prato di casa “bel verde” come se fossimo in Irlanda.

  3. Scritto da 081

    …però continuate a lavarvi. Grazie!

  4. Scritto da Alessandra

    ….dovrei far morire le mie coltivazioni perché qualcuno spreca l’acqua per lavare la macchina nell’autolavaggio??

  5. Scritto da AUTOLAVAGGI

    Ste, si, cos’è che non ti è chiaro? Gli autolavaggi non hanno acqua potabile, mentre se utilizzi l’acqua del tuo rubinetto per lavare l’auto in giardino, ti multano.

    1. Scritto da Ste

      Se leggo di non sprecare l’acqua…non sprechiamo l’acqua.

      1. Scritto da pablo

        magari prova a leggere anche l’articolo, e non soltanto il titolo. se non è chiedere troppo, ste.

        1. Scritto da Ste

          Letto, per cui non serviva specificare l’esclusione degli autolavaggi.

  6. Scritto da Ste

    lavaggio di autoveicoli (con esclusione degli autolavaggi)?