BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

In ostaggio dell’anticiclone Picchi di 36-38 gradi Forti temporali nel weekend previsioni

Nuova ondata di calore che si farà sentire con maggiore forza al Centronord: l'acuto del caldo sarà da giovedì quando si toccheranno picchi di 36-38 gradi in Valpadana. Nel weekend rischio di qualche temporale anche di forte entità.

Il Nord-Italia è sotto l’azione di un promontorio di alta pressione che si allunga dal Nord-Africa, con conseguente bel tempo su tutta la regione. Il passaggio di un debole impulso instabile che sfiorerà l’arco alpino potrà portare, tra pomeriggio e sera di martedì, qualche locale temporale sulle zone alpine più settentrionali (Valchiavenna e alta Valtellina in primis). Asciutto in pianura, pur con qualche passaggio innocuo di nubi alte e stratiformi durante le ore centrali del giorno. Clima caldo con valori diurni sui 32-33°C e zero termico oltre i 4000 metri. Ventilazione debole ovunque, sia nei bassi strati che in quota.

Le temperature saranno in graduale e costante aumento con valori che torneranno verso i 35 gradi entro giovedì/venerdì. Fino al weekend dunque saremo probabilmente ancora in compagnia dell’anticiclone africano, ma poi qualcosa potrebbe cambiare e un peggioramento interessare la Lombardia proprio nella giornata di domenica.

“Imminente una nuova intensa ondata di calore che si farà sentire questa volta con maggiore forza al Centronord” – lo conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara, che spiega – “l’acuto del caldo sarà da giovedì quando al Centronord si toccheranno picchi di 36-38°C, in particolare su Valpadana, Toscana, Umbria, Lazio, Campania e Sardegna. Qualche grado in meno invece al Sud e medio Adriatico sebbene con caldo piuttosto intenso, ma con punte che non dovrebbero superare i 33-35°C”.

“Tra le città più roventi e da bollino rosso Milano, Torino, Verona, Bolzano, Bologna, Ferrara, Mantova, Firenze, Grosseto, Perugia, Viterbo, Roma, Benevento e Nuoro” – prosegue l’esperto – “ma in generale si soffrirà anche sulle altre zone a causa dell’aumento dell’afa, che si farà sentire soprattutto lungo le coste di giorno e nelle grandi città di sera. Le temperature percepite potranno infatti superare anche i 40°C in particolare sui litorali e sulla Valpadana. Andrà meglio su basso versante adriatico e ionico, esposti a moderati venti nord orientali che attenueranno la canicola”.

“Nel weekend rischio di qualche temporale anche forte” – aggiunge Ferrara – “a causa di un lieve indebolimento dell’anticiclone africano. Stando agli ultimi aggiornamenti le aree più a rischio potrebbero essere Alpi, Nordovest, Appennino, Calabria, Sicilia ed occasionalmente anche i versanti tirrenici. E’ comunque ancora una ipotesi che andrà confermata nei prossimi aggiornamenti”. Quando potrebbe finire il grande caldo? – “Nella settimana di Ferragosto dovremo assistere ad un generale lieve calo delle temperature, con smorzamento solo parziale della canicola. Sebbene infatti non raggiungeremo più i picchi attesi nei prossimi giorni, il clima si manterrà comunque caldo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ludo

    tra qualche settimana quando cominceranno i primi segnali dell’autunno con le giornate che si accorciano e quelle giornate deprimenti color piombo ce lo augureremo questo caldo…

  2. Scritto da genu

    che bello quando c erano solo le previsioni meteo, adesso devono per forza allarmare anche quando non c e’ bisogno..siamo ad agosto non a gennaio…..il caldo e’ normale.