BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sfiducia al presidente Seriate, consiglio comunale con finale ad alta tensione

Le liste di minoranza Pd e Albatro hanno presentato mozione di sfiducia nei confronti di Giampaolo Volpi che, il 29 giugno scorso, non aveva ammesso in consiglio del materiale fotografico relativo al verde pubblico: la questione è il sesto ordine del giorno di lunedì 3 luglio.

Più informazioni su

Sarà un Consiglio Comunale dal finale ad alta tensione quello in programma nella serata di lunedì 3 agosto a Seriate: al sesto dei sette ordini del giorno, infatti, è prevista la discussione della mozione presentati dai gruppi di opposizione Albatro e Partito Democratico il 13 luglio scorso, per chiedere la sfiducia nei confronti del Presidente del Consiglio comunale Giampaolo Volpi.

Una decisione drastica che posa le sue radici in un altro consiglio comunale, quello del 29 giugno scorso: in quella seduta la Lista Civica Albatro presentava una mozione sul verde pubblico, originalmente corredata da materiale fotografico, quest’ultimo non ammesso però dal presidente Volpi.

“A seguito del fatto increscioso – commentano Pd e Lista Albatro – si discuterà la mozione di sfiducia nei suoi confronti richiesta dai gruppi di Albratro e del Pd. Con questo gesto infatti Volpi si è arrogato pretestuosamente il diritto di privare la mozione sul verde posta da Albatro del sostegno documentale preparato. E’ solo l’ultimo atto di una Presidenza ben poco rispettosa del ruolo di indirizzo e controllo che istituzionalmente hanno tutti i gruppi. I gruppi di opposizione sono fermamente decisi ad ottenere quanto richiesto, al fine di ottenere un riequilibrio della gestione del Consiglio”.

Già in passato la figura di Giampaolo Volpi era stata contestata dall’opposizione: lo scorso anno, con l’amministrazione Vezzoli in carica da pochi giorni, il primo tentativo di elezione andò a vuoto, con la maggioranza che non presentò alcuna candidatura. Al secondo tentativo la maggioranza presentò unita il nome di Giampaolo Volpi, eletto con 9 voti solamente grazie alla partecipazione del sindaco Vezzoli: un elemento non indifferente visto che, data l’assenza dei consigliere di Forza Italia Casale e Stracuzzi, fu determinante per il raggiungimento del quorum di 9 voti decisivo per avere la maggioranza assoluta in consiglio.

“Forzatura regolamentare” attaccarono Pd, Lista Albatro e Movimento 5 Stelle che pensarono addirittura di impugnare quella delibera. “Nessuna norma me lo impedisce” replicò il sindaco Vezzoli, sicuro della legittimità del proprio voto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mario

    Poveri elettori del due volte mancato sindaco Amaglio che ormai deve far la parte di arlecchino servitor di due padroni. Teatrini a parte quando fate qualcosa di sinistra voi Renzianini?

    1. Scritto da Angiolinopedrini

      Beh….se partecipi ai consigli comunali forse riusciresti ad essere piu obiettivo, ma tant’è , la gente critica critica, poi se ti metti a discutere punto per punto….finisce per concordare. Forse sei poco informato, ma non e’ un dovere! Io mi espongo con nome e cognome, se vuoi parlare…esponiti. Sono pronto, poi ogni no resta delle proprie idee. Senza problemi, ma le discussioni da bar preferisco lasciarle ad altri. Ciao

  2. Scritto da Suona Vasco

    Forza Albatro vola sulle ali della libertà!