BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bocciata la nuova rotta Il sindaco Gori si arrabbia: “Solo una scelta politica”

La proposta, che nel frattempo aveva ottenuto l'approvazione tecnica dell'Enac, prevedeva una ripartizione dei decolli verso ovest tra due rotte: la "vecchia" rotta 220 - in asse con la pista - e la nuova rotta, denominata PRNAV, con una virata più stretta rispetto all'attuale.

Azzano S.Paolo, Seriate, Orio al Serio, Grassobbio, Bagnatica, Brusaporto, Costa di Mezzate, Bolgare: sono questi i Comuni che in Commissione Aeroportuale hanno oggi votato contro la sperimentazione delle nuove rotte anti-rumore che avrebbero dovuto condurre ad una netta riduzione del numero di abitanti esposti a oltre 60 decibel LVA nelle zone più prossime all’aeroporto (da 6.600 a 4.800 individui complessivamente, – 27%, secondo le stime di Arpa Lombardia, con una riduzione di 2.200 unità a Bergamo e un aumento di 440 ad Azzano S.Paolo; invariati i dati di tutti gli altri comuni interessati).

Tutte le amministrazioni si sono schierate contro la sperimentazione, che per ora non potrà essere avviata. A favore hanno votato, oltre a Bergamo, Regione Lombardia, Sacbo, Enav ed Enac. Decisive le astensioni della Provincia e di Arpa (non provvista di delega), nonché le assenze di Ispra e Comitato Utenti. La proposta, che nel frattempo aveva ottenuto l’approvazione tecnica dell’Enac, prevedeva una ripartizione dei decolli verso ovest tra due rotte: la "vecchia" rotta 220 – in asse con la pista – e la nuova rotta, denominata PRNAV, con una virata più stretta rispetto all’attuale, così da evitare il diretto sorvolo del quartiere di Colognola.  

“Si tratta di una scelta totalmente politica – ha commentato il sindaco di Bergamo Giorgio Gori – in linea con l’operato della passata amministrazione, che come noto aveva deciso di concentrare il massimo dei disagi sugli abitanti di Colognola, tanto da far classificare il quartiere come "area di rispetto aeroportuale". Contestiamo questa impostazione e siamo invece favorevoli ad una più equilibrata distribuzione del carico acustico, anche tra i quartieri della città, pur di ridurre sensibilmente il numero dei cittadini esposti oltre la soglia critica (anche secondo la legge) dei 60 decibel. Si tratta di una scelta cinica, che per calcolo politico penalizza migliaia di cittadini. Per questa ragione non rinunceremo a riproporre la sperimentazione di percorsi di volo migliorativi della situazione attuale, pronti al confronto e ai necessari approfondimenti tecnici con tutte le parti coinvolte”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ratio

    Il commento di Gori è corretto. Molti dei commenti qui presenti ne sono conferma

  2. Scritto da gigi

    Vedo che si è scatenata la claque del PD. Chissè se sono gli stessi che hanno applaudito quando avevano spostato le rotte da San Tomaso a Colognola. Sempre citando il numero dei residenti coinvolti, ovvio, vero Kepalle e Bah? Se siete in “buonafede” fatevelo raccontare

  3. Scritto da Alberto

    sono un cittadino del quartiere della Malpensata e vorrei ricordare al Sindaco Gori che noi non siamo cittadini di serie B rispetto ai cittadini di Colognola …. Siamo tutti sulla stessa barca … mi sento molto più rappresentato dai sindaci dell’hinterland che dal Sig.Gori… Forza Sindaci, istruite e fate crescere anche Gori, non mollate, siamo con voi!

  4. Scritto da ignazio

    Ci si e’ sempre e solo preoccupati di dove passassero valutando i numeri(non i cittadini) in funzione dei consensi elettorali che si potevano acquisire i perdere (tra l’altro i Colognesi a cui va il mio solidale appoggio a forza di edificazione per forza sono aumentati rispetto gli azzanesi) NON ci rammenta di come bassi volino sulle ns teste.ci sono tecnicamente le soluzioni di rotte al suolo come si usa in Europa.Gori risolverebbe il problema di alcuni ammazzandone altri.complimenti x democr.

  5. Scritto da andrea

    ma è logico….qualunque soluzione non andrà mai bene…a questo punto lascia perdere e che si arrangino da soli!

  6. Scritto da paolot

    Richiamo un passaggio che nell’articolo è stato trattato piuttosto sbrigativamente: “decisiva l’assenza del Comitato Utenti”.
    Al di là del merito, e del fatto di essere a favore o contro, qui occorre prendere atto che questi utenti, comitati, associazioni consumatori e quant’altro rompono regolarmente le scatole poi però non si presentano, risultano decisivi con la loro assenza. Forse erano tutti al mare.

    1. Scritto da gianluigi mologni

      sig. Paolo, il Comitato Utenti rappresenta esclusivamente le compagnie aeree che operano presso lo scalo. Purtroppo i Comitati dei Cittadini e dei Consumatori non possono essere presenti a questi incontri come invece avviene (per legge) in Inghilterra, in Svizzera e in Germania…Se lo fossero forse avremmo evitato certe assurdità come la Zonizzazione Acustica bocciata dal TAR e dal Consiglio di Stato.
      Forse prima di ironizzare facilmente bisognrebbe informarsi

  7. Scritto da Mauro

    La virata più stretta avrebbe penalizzato Azzano a vantaggio di Colognola nella logica “mors tua vita mea”. Sei come il tuo amico Renzi. Risolvi così i problemi Gori? Vira più stretto sul tetto di casa tua. E torna sull’isola ma come nel film “cast away”.

    1. Scritto da Kepalle

      Neanche a dirti di guardare il nr di cittadini coinvolti non cambierebbe niente. Tu scriveresti comunque quello che hai scritto, l’importante è essere in malafede.

      1. Scritto da gigi

        Secondo te massacrarne qualcuno per salvarne un po’ di più è “buonafede”??? Se sei del Pd informati su cosa hanno fatto i Sindaci del Pd di Treviso, di Ciampino etc. Non hanno spostato le rotte, hanno detto basta allo sviluppo dell’aeroporto, anche se avevano molti meno problemi ambientali di Orio.
        A Francoforte, che è un hub internazionale, hanno chiuso ai voli notturni. Sei in malafede o solo disinformato?

  8. Scritto da Maurizio

    Ma perché i sindaci dei paesi limitrofi dovrebbero peggiorare le condizioni dei loro cittadini per migliorare quelli dei cittadini di Gori ? Ma che politica e politica è semplicemente buon senso !

    1. Scritto da Bah !?

      Il nr di abitanti esposti diminuirebbe del 27% , poi uno può divertirsi con le pidocchierie di paese . Ognuno si diverte come gli pare.

      1. Scritto da Non è così

        Il numero dei cittadini coinvolti dai 55 Db a salire andrebbe da 18.000 a 22.000, questo il Sig. Gori si dimentica di dirlo…… Certo diminuirebbero quelli di Colognola a scapito di altri……

        1. Scritto da Bah !?

          Questo mi pare lo dica lei , non l”articolo.

  9. Scritto da Giulia

    Sig. Parodi , cosa c’ è? Rimasto male che i sudditi sindaci si sono ribellati? Porre un limite ai voli è l’ unico rimedio per quelle zone!!

  10. Scritto da er pecora

    Guerra tra poveri: cioè tra cittadini e chi li dovrebbe rappresentare. Ma non si tocchi il dio profitto, anche se olre limiti di legge….

  11. Scritto da Arnaldo

    La politica ha peggiorato il mondo. Prima ce ne liberiamo di politici e maneggioni vari, meglio è!

    1. Scritto da Bill

      Nel senso che la legge della giungla sarebbe una goduria ? Secondo me sono gli elettori *** che hanno peggiorato il mondo. Tu come sei messo ?

  12. Scritto da cittadino

    caro Gori, per ridurre l’inquinamento acustico agli aerei devi fargli prendere quota e per farlo devono stare in asse ed utilizzare tutta la pista. purtroppo gli aerei per non consumare kerosene volano radenti le case e le virate forzate servono solo alle compagnie, e a non far passare gli aerei sulle aree dove si e’ speculato. gli studi di Arpa sono solo un pretesto per condannare una fetta di popolazione favorendone altre illuse da promesse elettorali .aerei + alti in sorvolo non sterzanti

  13. Scritto da marino

    Caro Gori anche la scelta di Bergamo di non opporsi ai voli notturni è una scelta politica. Anche la scelta di Bergamo non imporre a Sacbo un limite al numero dei voli è una scelta politica! Non può sempre e solo essere Bergamo a dettare le condizioni! Quando poi gli altri nonla pensano come lui sono dei cinici! Questo è il PD!

    1. Scritto da Leo

      E del fatto che il numero di persone coinvolte nel disagio diminuirebbero di quasi il 30% cosa ne dici ? O ti piace di più scrivere le stupidate sul pd ? (per me puoi scriverne quante vuoi ma è davvero becero preferire queste amenità ai fatti)

  14. Scritto da er lupo

    caro Sindaco, i bergamaschi ricorderanno le tue promesse alle prossime elezioni….contaci!!!