BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’Università forma docenti di istituti professionali: vinto bando europeo

L'Università degli Studi di Bergamo si aggiudica un progetto Europeo di formazione per docenti per rafforzare le competenze sociali degli studenti degli istituti professionali: la collaborazione, già sperimentata, sarà con l'Istituto Sacra Famiglia di Comonte.

Gli insegnanti degli istituti professionali formati da docenti universitari per rafforzare le competenze sociali degli studenti: è questo l’obiettivo di un progetto elaborato dall’Ateneo bergamasco in partnership con le università di Colonia e Cracovia e che si è aggiudicato un bando europeo nell’ambito della formazione.

Il “Retail Sector Competencies for all teachers” è sostanzialmente un follow up di un precedente progetto che coinvolgeva anche l’Università di Westminster e si è aggiudicato con il massimo dei voti il bando nel settore Retail: l’obiettivo è quello di formare i docenti degli istituti professionali nel proporre e nel gestire quattro diversi strumenti di insegnamento e apprendimento volti a rafforzare le competenze sociali degli studenti, ovvero la gestione del tempo, le competenze di gruppo, l’autovalutazione dei punti di forza e di debolezza e affrontare la critica.

Tali strumenti erano già stati elaborati durante il corso di un precedente progetto ed ora saranno l’oggetto della formazione di formatori. La parte di lavoro di competenza dell’Università degli Studi di Bergamo prevede la collaborazione con l’Istituto Sacra Famiglia di Comonte, che si era già offerto di testare gli strumenti nelle proprie strutture e che ora mette a disposizione il proprio corpo docenti.

“L’impatto molto positivo del primo progetto – spiega il coordinatore, il professor Michele Brunelli dell’Università degli Studi di Bergamo – si traduce nella volontà di tutte le scuole che vi avevano partecipato non solo di ripetere l’esperienza ma anche nell’applicazione quotidiana, in perfetta autonomia, degli insegnamenti: noi abbiamo dato un input, loro lo hanno applicato in classe”.

La carenza principale individuata negli istituti professionali era stata individuata in una non adeguata preparazione dei docenti e il progetto si inserisce proprio in questo gap: "Il prossimo autunno continueremo la nostra collaborazione con l’Istituto di Comonte – continua Brunelli – dove verranno selezionati 14 insegnanti affiancati da docenti universitari, esperti nel settore educativo e del settore Retail. A Bergamo abbiamo condotto interviste sul territorio con i grandi manager del commercio per capire quali sono le reali esigenze del mondo del lavoro".

L’Unione Europea per il progetto ha stanziato 60 mila euro in 24 mesi per l’Università e circa 50mila per l’Istituto Sacra Famiglia di Comonte.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da sempre + alto

    parole parole per un bel polpettone di soldi. Che questo qualifichi l’ateneo Bg è tutto da vedere…si fa per dire.

    1. Scritto da sempre + basso

      EH? Scrivi frasi di senso compiuto se proprio ti senti in dovere di dire qualcosa :)