BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Prende ecstasy in discoteca 17enne ricoverato a Bergamo, rischia di perdere il fegato

Ecstasy in polvere, da sciogliere in una bevanda. Un mix potenzialmente fatale, che ha stroncato un 16enne pochi giorni fa in discoteca a Riccione. E ha rischiato di uccidere un altro giovane, ricoverato all'ospedale Papa Giovanni XXIII: fino a domenica scorsa solo un trapianto di fegato poteva salvarlo.

Più informazioni su

Ecstasy in polvere, da sciogliere in una bevanda. Un mix potenzialmente fatale, che ha stroncato un 16enne pochi giorni fa in discoteca a Riccione. E ha rischiato di uccidere un altro giovane, ricoverato all’ospedale Papa Giovanni XXIII: fino a domenica scorsa solo un trapianto di fegato poteva salvarlo. Ora sta meglio, anche se le prossime 48 ore saranno decisive. Ha 17 anni e abita con i genitori in provincia di Como. Sabato 11 luglio, in vacanza a Riccione, si sente male dopo una serata in discoteca. Solo quando torna a casa, cinque giorni dopo, confessa ai genitori di aver assunto Mdma. Viene ricoverato nel reparto di pediatria dell’ospedale bergamasco per epatite tossica.

La madre ha lanciato l’allarme, raccolto da Gianpietro Ghidini, fondatore della fondazione Ema Pesciolinorosso, padre di Emanuele, morto a 16 anni: “Un altro ragazzo di 17 anni è stato ricoverato in pericolo di vita con il rischio che debba fare un trapianto di fegato. Anche lui ha preso MDMA in una discoteca di Riccione. La sua mamma mi ha scritto che suo figlio ha capito ed imparato la lezione, ma c’è il rischio che dovrà vivere tutta una vita da malato, ammesso che troverà il fegato da trapiantare. RAGAZZI E’ ORA DI FINIRLA!! Divertitevi in modo sano e state lontani da quelli che vi fanno credere che certe sostanze non fanno male. Sarò sulle spiagge di Riccione dal 1° al 31 Agosto a parlare ai giovani ed ai loro genitori del valore della vita”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da wildkiss

    SIMONA se un domani uno dei tuoi figli si trovasse nella stessa situazione cosa diresti.è troppo semplice sparare a zero senza aver vissuto o passato certe problematiche.ricorda che il mondo gira e quello che tu dici potrebbe succedere benissimo nella tua famiglia o in un futuro in quella dei tuoi figli.

  2. Scritto da natale

    Non si sa più che fare per far capire ai giovani i gravi rischi che corrono anche solo provando una volta! Io presidente dell’associazione alt di treviglio sono a disposizione per qualsiasi informazione al numero 3470612212 oppure al numero dell’associazione 030349882. Non rischiare la tua salute! Sii forte sempre! La droga non risolve mai i problemi anzi li aumenta!

    1. Scritto da Patty

      Nat….. Orgigliosa e fiera di aver incrociato il tuo cammino quando lavoravamo insieme e di questo parlavamo… Un grande grandissimo abbraccio da patty

  3. Scritto da simona

    Quanto costa a tutti noi, con “il Servizio Sanitario Nazionale” pagato a forza di tasse e di debito pubblico, curare gli imbecilli che esercitano il loro sacro diritto di ubriacarsi, sballarsi,andare a fari spenti nella notte? e se cominciassimo a far pagare le cure a questi signori?

    1. Scritto da Cinzia

      Ma che cavolo dici Simona,la vita è sacra e se è un giovane a commettere una leggerezza lo si deve perdonare ed aiutare,sono sicura che tu non sia madre perché dalla bocca di una madre non potrebbero MAI uscire parole così insensate..

    2. Scritto da marco

      Parole sante,fate una legge che faccia pagare a loro le spese e non alla comunità,se quei ragazzi (e mi limito a chiamarli così) si divertono a farsi del male,che almeno ne paghino le spese.

      1. Scritto da paolog

        giusto. e poi anche quelli che si fanno male sul lavoro, che paghino loro. e poi quanto spendiamo per chi si fa male giocando a pallone? ma che si arrangino. a proposito, la comunità non dovrà farsi carico anche di chi ha problemi psichiatrici, di dipendenza (da alcol, da gioco, ecc). che ognuno si paghi le proprie spese! (se non si fosse capito, il mio vuol essere un intervento provocatorio)

  4. Scritto da Rina

    ragazzi divertitevi e pensate quanti sacrifici fanno i Vostri Genitori per Voi, lo sballo non paga Ti rovina