BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Lega Nord pressa: “Rossi convochi il Consiglio il regolamento parla chiaro”

La Lega Nord insiste: deve essere convocato il Consiglio provinciale, come previsto dal regolamento. Il capogruppo del Carroccio Gianfranco Masper ha presentato una mozione per chiedere le motivazioni del rifiuto da parte del presidente Matteo Rossi.

La Lega Nord insiste: deve essere convocato il Consiglio provinciale, come previsto dal regolamento. Il capogruppo del Carroccio Gianfranco Masper ha presentato una mozione per chiedere le motivazioni del rifiuto da parte del presidente Matteo Rossi. Che ha già annunciato di andare in vacanza e quindi indisponibile ad accettare la richiesta dell’opposizione.

Ecco il testo:

"Noi sottoscritti Masper Gianfranco, Centurelli Corrado, Serughetti Luca, Valoti Giorgio, componenti del Gruppo Consigliare Leganord Bèrghem, abbiamo presentato in data 21 luglio scorso la richiesta di convocazione del Consiglio Provinciale. Fino ad oggi non abbiano ricevuto alcuna risposta ufficiale, ma avendo letto sui giornali che Lei non ritiene necessario procedere alla convocazione “perché ci sono cose più urgenti da fare”, con la presente rinnoviamo la nostra richiesta ricordando che l’art. 29 del nuovo regolamento provinciale così recita:

“Il Presidente della Provincia per le funzioni previste dall’art. 1 comma 85 della L. 56/2014 nonché per quelle delegate dalla Regione, E’ TENUTO A CONVOCARE il Consiglio ENTRO 20 GIORNI, quando lo richieda ALMENO UN QUINTO DEI CONSIGLIERI inserendo all’ordine del giorno gli argomenti dagli stessi richiesti”. L’articolo 29 del regolamento specifica che solo nella richiesta di convocazione debbano essere inseriti gli argomenti da trattare debitamente motivati. Il termine di 20 giorni risulta tassativo e non soggetto alla valutazione del Presidente. pertanto che venga convocato entro i termini previsti dal regolamento, un nuovo Consiglio Provinciale per aggiornare tutto il consiglio in merito alla situazione finanziaria e gestionale dell’Ente e per la trattazione delle interpellanze da noi presentate.

MOTIVAZIONI: La sua decisione di spostare l’approvazione del Bilancio di previsione al mese di settembre pv. cambia infatti completamente il quadro della situazione e decadono tutti i presupposti su cui si basava la programmazione e realizzazione di progetti di rilevante importanza per la comunità bergamasca. Inoltre, la dichiarata insufficienza di entrate, quantificata fino ad 11 milioni di euro conferma di fatto l’impossibilità dell’amministrazione provinciale ad erogare anche i servizi essenziali gettando le basi per la dichiarazione d’insolvenza. Per quanto riguarda la richiesta di trattazione delle Interrogazioni/mozioni da noi presentate rammentiamo in particolare quella riguardante la “composizione del Consiglio di Amministrazione della TEB spa”.

La posizione del Consigliere FILIPPO SIMONETTI e dell’Amministratore delegato GIANNI SCARFONE è del tutto simile a quella ENRICO PICCINELLI che ha dovuto rassegnare le dimissione dal Consiglio SACBO per incompatibilità e il prolungamento del loro incarico, se illegittimo, metterebbe a rischio l’attività dell’azienda TEB.

La mozione con la quale si chiede di rigettare le richieste del Prefetto di mettere le palestre della Provincia a disposizione per l’accoglimento dei profughi/clandestini necessita di una trattazione immediata, perché le palestre sono luoghi inadeguati e non dignitosi per ospitare migranti o altri e le temperature di questo periodo oltre a rendere insalubri gli ambienti rischiano di avere pesanti ricadute sulla salute degli ospiti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da BERGHEM

    Matteo Rossi dimostra così superficialità e totale incapacita a governare la nostra Provincia. La provincia di Bergamo merita di avere esponenti capaci di farsi sentire in Regione come a Roma.
    Serve un rappresentante del territorio, legato al territorio, che si propone nella risoluzionere problemi. Serve un Governatore al pari dei governatori dei Land Svizzeri. E’ quello che i Bergamaschi meritano.

    1. Scritto da pablo

      ed io che pensavo servisse abolire le province… bah