BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I profughi tornano al Gleno? Richiesta della prefettura, la Lega torna sulle barricate

Il consiglio di amministrazione si riunirà venerdì per discutere e decidere se concedere di nuovo la ex casa di riposo dove nei mesi scorsi sono stati ospitati una cinquantina di richiedenti asilo assistiti dalla Caritas.

Più informazioni su

I profughi potrebbero tornare nell’ex casa di riposo di via Gleno in fase di smantellamento. La Fondazione Maria ausiliatrice aveva concesso la struttura fino allo scorso 30 giugno, ma la prefettura ha richiesto una nuova disponibilità per far fronte all’emergenza. Il consiglio di amministrazione si riunirà venerdì per discutere e decidere se concedere di nuovo la ex casa di riposo dove nei mesi scorsi sono stati ospitati una cinquantina di richiedenti asilo assistiti dalla Caritas.

La Lega Nord, che già lo scorso anno aveva protestato con un presidio e una raccolta firma, torna sulle barricate: “Ci era stato garantito che gli immigrati richiedenti asilo, per la maggior parte a tutti gli effetti clandestini, presenti nella struttura del Gleno sarebbero stati definitivamente spostati entro 6 mesi, quindi entro il 30 giugno 2015 – spiega il capogruppo del Carroccio Alberto Ribolla -. A poche settimane dallo spostamento, però, ieri il Sindaco Gori ha chiesto al cda del Gleno di mettere nuovamente a disposizione la struttura per ospitare i falsi profughi. Ci sta prendendo in giro o vuole farsi bello nei confronti del prefetto e del governo? Ricordiamo che lo statuto della casa di riposo NON prevede questa possibilità! Auspichiamo con forza che il cda tutto ed il collegio dei revisori, che ha il compito di controllare che siano osservate le norme statutarie, respingano questa richiesta. Invece che spendere 35 euro al giorno (oltre 1000 euro al mese) per ciascuno dei falsi profughi, e invece di auspicare accordi per accoglierli (al costo di 300 euro a testa) nelle case sfitte, aiuti i bergamaschi in difficoltà, visto che a Bergamo ci sono oltre 800 famiglie che attendono l’assegnazione di una casa popolare (4.000 in provincia). La coperta è corta e la promessa di non togliere risorse ai cittadini, ribadita sulla stampa, è e non può che essere falsa. La tanta energia che il sindaco sta spendendo per altri la utilizzi invece per occuparsi dei bergamaschi, magari attuando anche quell’ordine del giorno della Lega Nord che prevede accordi con i costruttori per l’utilizzo delle case sfitte, non però per accogliere i clandestini, come intendeva fare, ma per calmierare la domanda di alloggi a canone moderato ed erp”.

Non meno dura la presa di posizione del segretario provinciale Daniele Belotti: “Ecco un’altra prova che il sindaco Gori pensa prima (o meglio solo) ai clandestini e poi ai bergamaschi: ieri ha chiesto alla Rsa Gleno di poter ospitare nuovamente dei clandestini ! L’altra volta, era novembre, tutti (prefetto, sindaco e Miro Radici, presidente del Gleno) avevano spergiurato che i 64 pseudo profughi sarebbero rimasti al massimo sei mesi.  Sì, li hanno mandati via a giugno, ma ora li vogliono riportare. Scusate, ma ci state prendendo in giro? Invece di ospitare a 35 euro al giorno i clandestini, pensate ai tanti bergamaschi in difficoltà. E stavolta speriamo che il cda del Gleno tiri fuori le palle e rispetti lo statuto e le finalità della Fondazione, che prevede assistenza agli anziani e ai disabili e non ai finti profughi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alessandro

    I precedenti 30 facevano baccano e chiasso per 24h di fila. Urlano in continuazione fregandosene del vicinato, che sino a pochi mesi fa era considerato zona SILENZIOSA proprio per la Vicina casa di cura. Questi 100 saranno silenziosi e rispettosi di chi lo ospita?

  2. Scritto da licia

    complimenti alla redazione x la foto coi cappotti visto il caldo che fa…

  3. Scritto da anna

    Speriamo che qui Bergamo il pasto dato piaccia e non succeda come a Eraclea dove è stato buttato per strada dai migranti!

    Anna

    1. Scritto da cua de paja

      Aldilà di come si pensi sui migranti le mezze notizie fomentano risentimento. Vero che ad Eraclea c’è stata una protesta, hanno rifiutato il cibo e lo hanno messo in strada nelle confezioni ma NON BUTTATO. Dalle foto apparse sui quotidiani schierati non “pro-migranti” si vede benissimo e si legge che un migrante intervistato ha dichiarato : “Non vogliamo più rimanere con questa cooperativa perché sta mangiando alle nostre spalle”. Loro sanno dei 35€ e ritengono il servizio non adeguato.

  4. Scritto da non col vento

    La demagogia di questa Vandea orobica è stomachevole. Forse dovremmo organizzare un treno per Fenestrelle e rinchiudere loro li

  5. Scritto da Merlino

    mi piacerebbe sapere cosa fanno di utile assessori, parlamentari … leghisti stipendiati più di 35 euro al giorno da me e altri italiani visto che ultimamente si spostano come “profughi” da un presidio anti profughi all’altro!

    1. Scritto da mario

      te lo dico io cosa fanno, quello che hanno sempre fatto 0
      sono stati al governo e hanno partorito la Bossi Fini che costava 150 mln l’anno e rimpatri 0
      ogni emigrato costava 43 euro non 35 ma questo loro non lo ricordano sanno solo fare s propaganda falsa ..
      dimenticavo loro fatto fallire la loro banca +padania 60 mln , lauree false rimborsi elettorali spariti ,diamanti ecc ecc e hanno il coraggio di parlare

      1. Scritto da Il Naggio

        Occupatevi del Monte Paschi di Siena, del Mose, della regione sicilia, di Mafia capitale, delle coop rosse, delle primarie taroccate del PD partito farlocco etc etc, altro che lauree false e diamanti.

        1. Scritto da ciao

          Hai dimenticato lo scandalo Emilia Romagna e Friuli, Il sistema Penati, il caso De Luca,Banca Etruria,Vendola etc etc.
          Una volta per tutte (sono i numeri che lo dicono): se tutte le regioni fossero amministrate come Lombardi e Veneto (scandali dei leghisti compresi,ovviamente da condannare) i problemi dell italia sarebbero finiti,chiaro? Poi se vi fa comodo attaccatevi alla finta laurea del trota…

          1. Scritto da pablo

            quali sono (anzi, sarebbero) i numeri che lo dicono?

          2. Scritto da ciao

            Deficit pubblico: attivo del 12-13% sul PIL (la Germania e’ a -1%)
            Saldo commerciale attivo del 15% sul PIL (la Germania e’ al 6%)
            Spese pubbliche al netto di interessi al 36% (la Germania e’ al 42%)
            – Manifatturiero sopra al 21% di peso sul PIL (piu’ della Germania)
            Residuo fiscale negativo di 50 miliardi all’anno (il triplo di quello che subisce la Baviera)
            Altro?

      2. Scritto da luigi

        se il tuo pd facesse lo 0 della lega sarebbe già molto, visto i danni che sta facendo x fare qualcosa…