BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I numeri del disastro Atac A Roma 40% senza biglietto, a Bergamo evasione solo al 7%

Abbiamo provato a confrontare i numeri in pillole di Atb, società che gestisce il trasporto pubblico in città e nell'hinterland, e Atac.

Più informazioni su

Il sindaco di Roma Ignazio Marino riuscirà a risolvere la crisi dell’Atac? I numeri della società che gestisce il trasporto pubblico della Capitale sono impietosi e le proteste dei pendolari diventano sempre più insistenti.

A Bergamo ne sanno qualcosa i cittadini che ogni giorno salgono sulle carrozze (a volte è una sola, quindi basta il singolare “carrozza”) di Trenord. Le stesse scene che si vivono a Roma sono all’ordine del giorno anche nelle stazioni lombarde.

Degli autobus invece, a parte per la mancanza di corse serali, si registrano poche lamentele. Abbiamo provato a confrontare i numeri in pillole di Atb, società che gestisce il trasporto pubblico in città e nell’hinterland, e Atac.

ATB – Da alcuni anni a Bergamo il dato dell’evasione dei biglietti non supera il 7%.
ATAC – A Roma il 40% dei passeggeri viaggia senza biglietto.

ATB ha 355 dipendenti di cui 7 controllori del servizio e 26 verificatori di titoli.
ATAC – Su 11.900 dipendenti dell’Atac ci sono appena 300 controllori.

ATB – Il servizio raggiunge 28 Comuni dell’hinterland. Nel 2013 ha trasportato 29 milioni 394 mila 451 passeggeri.
ATAC nel 2013 ha trasportato 927 milioni di passeggeri.

ATB – Nel 2013 i mezzi Atb hanno percorso 6 milioni e 100 mila chilometri.
ATAC – 157 milioni di chilometri nel 2013.

ATB – Il Bilancio consolidato di Gruppo Atb per il 2014, che comprende oltre alla Capogruppo Atb Mobilità, i risultati di ATB Servizi S.p.A., Trasporti Bergamo Sud Ovest S.p.A., ATB Consorzio S.c.r.l., Nuovi Trasporti Lombardi S.r.l., Tramvie Elettriche Bergamasche S.p.A. e Bergamo Parcheggi S.p.A., chiude con un utile di competenza del Gruppo pari a 1.925.347 milioni di euro.
ATAC – Per l’Atac il 2014 si è chiuso con un passivo di 141 milioni di euro.  

ATB – Atb nel 2014 ha rinnovato la flotta con l’acquisto di 21 nuovi autobus e la sostituzione integrale dei parcometri in città (130 nuovi) e ha posto le basi per investimenti con l’obiettivo di realizzare nuovi sistemi di bigliettazione elettronica e di emissione a bordo dei biglietti, acquisto di nuovi autobus, aumentare i servizi con infomobilità integrata, sistema di indirizzamento ai parcheggi, estensione del bike sharing, controllo delle Ztl con telecamere.
ATAC – Attualmente all’Atac il 40% del parco veicoli (900 mezzi su 2.300) è fermo, molti mezzi per riparazione, altri per fornire pezzi di ricambio perché la gestione degli acquisti per le officine è in tilt. 

ATB – Negli ultimi anni nessun mezzo è andato a fuoco.
ATAC – Negli ultimi sei mesi sono andati a fuoco dieci mezzi.  

ATB Servizi ha 2 dirigenti e ATB Mobilità ha 3 dirigenti.
ATAC ha 84 dirigenti.

ATB – L’indagine customer satisfaction ha rilevato che la durata media del viaggio sui mezzi ATB per raggiungere la destinazione abituale è inferiore ai 30 minuti per il 74,7% degli intervistati, di questi il 27,1% sta al di sotto dei 15 minuti di percorrenza.
ATAC – Guarda il video

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Miki

    X redazione ma tutti questi fastidiosi advertisement sul sito perche’ non hanno almeno l’opzione chiudi da cliccare? Va bene l’anima del commerci pero’ vien voglia di visitare altri siti (di informazione,non quelli pubblicizzati)

    1. Scritto da Redazione Bergamonews

      Miki basta che clicchi in basso a sinistra “skip”: ti appare dopo un paio di secondi e il video sparisce (per quello in mezzo agli articoli). L’altro invece, quello sulla sinistra in alto che non va dentro gli articoli in pagina ha una banda bianca sulla destra per toglierlo si clicca lì. Senza non possiamo vivere. Ciao

  2. Scritto da BeRGHEM

    Dai giornali sappiamo anche che un autista del tram Atac di Roma guida 700 ore all’anno: a Milano sono 1.200 e persino a Napoli sono di più, 850. Gli autobus letteralmente non funzionanti sono 600 su 2.300 e il 45% circa dei mezzi che giornalmente vanno in panne durante la corsa viene trasportato in officina, solo che in una situazione del genere al pomeriggio i meccanici non lavorano!!! Preferiscono andare al mare. Lasaru’ ! Roma non fallirà’ finche’ c’e’ chi paga …

  3. Scritto da Giovanni

    Questo pezzo NON ha alcun senso. Non si può paragonare il volume di traffico di una città come Roma, con 3,5 milioni di abitanti, non so quanti milioni di presenza giornaliere, due sole linee di metro e un territorio urbano sterminato, con i dati di Bergamo. Quanto meno fate il confronto con Milano. O con Napoli, o con Atene. O se volete con Madrid… ma non con Bergamo.

    1. Scritto da BERGHEM

      Esatto!!! Meglio il confronto con altre citta’ del terzo mondo! Bergamo merita paragoni con altre small city d’ Europa.

  4. Scritto da Alice

    Il 7% di evasione non è reale.
    E’ molti anni che viaggio su Atb e Teb non potendomi permettere un’auto e vi assicuro che in un anno incontro i controllori forse un paio di volte.
    La cosa triste è che, cinicamente, se non avessi mai pagato i biglietti e gli abbonamenti, e pagando solo qualche multa all’anno, avrei risparmiato molti, molti soldi.
    Inoltre non dimentichiamoci che ogni anno i biglietti aumentano….Siamo arrivati alla tratta Alzano-Bergamo 2,10euro…non mi sembra poco!!

    1. Scritto da Alma

      I politici nel C.D.A di TEB devono ricavarsi la parcella… ecco spiegato il costo del biglietto!

  5. Scritto da Alice

    Il 7% di evasione è un dato a cui proprio non credo.
    Viaggio da anni sia con atb che con la teb, e mi è capitato di vedere i controllori davvero poche volte, forse meno di due volte l’anno.
    La cosa triste è che, cinicamente se non avessi mai pagato i biglietti e gli abbonamenti, avendo pagato qualche multa, avrei anche risparmiato!
    È giusto che le persone salgano solo se sono già in possesso del biglietto!!
    E non dimentichiamoci che ogni anno c’è un piccolo aumento dei prezzi!!

  6. Scritto da gio

    Facile il paragone con i peggiore, dovremmo guradare gli esempi migliori anche se per farlo dobbiamo guardare fuori dal nostro paese. Il 7% non credo sia veritiero ma se anche fosse credo sia già troppo alto. Si dovrebbe fare come in UK o USA per esempio: biglietto in vettura e senza non si accede. Così si può perdere qualche secondo in più alle fermate ma con gli introiti certi perchè che viaggia paga!

    1. Scritto da Mister Bean

      Appena tornato da Edimburgo: li tutti pagano perchè altrimenti non si sale sul bus. C’è anche il wifi gratuito e funzionante. Ci sono i monitor con le fermate successive e una voce che le legge. Il costo è abbastanza elevato, (1.50 sterline) ma si possono prendere biglietti che valgono tutto il giorno e così ci si sposta coi mezzi senza spendere molto.

      1. Scritto da Luigi

        Siamo in Italia, un altro paio di “manica” ;-)

  7. Scritto da Alberto

    Il dato di evasione del 7% su Atb è semplicemente una favola.

  8. Scritto da Gianna

    A Roma i bus funzionano anche dopo le 20.30 e al mattino sono in funzione alle 5.30 su tutte le linee sveglia qui a Bergamo si dorme dopo le 21.00 non c’è più possibilità di muoversi coi mezzi SVEGLIAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

    1. Scritto da Bergamasc

      Probabilmente qua a BERGAMO non abbiamo abbastanza risorse da permetterci per ora, un ulteriore potenziamento del servizio. Purtroppo le nostre risorse finiscono in gran parte per pagare quei fannulloni dell’ atac. Un autista atac ad esempio lavora circa 700 ore l’ anno, a Milano 1200. Gli autobus letteralmente inservibili sono 600 su 2.300 e il 45% circa dei mezzi che giornalmente vanno in panne durante la corsa viene trasportato in officina, ma nel pomeriggio i meccanici non lavorano!!!

  9. Scritto da ciao

    L avesso detto il Salvini di turno sarebbero piovute come al soliro le accuse di razzismo.

  10. Scritto da Luciano Avogadri

    30 milioni di passeggeri a Bergamo contro il miliardo di Roma (circa uno a trenta) 12 mila dipendenti, contro 355 (circa uno a trenta). 6 milioni di km contro 160 (uno a 27). 5 dirigenti contro 84 (1 a 17, con 1 dirigente ogni 70 dipendenti a Bg, 1 ogni 140 a Roma). I numeri dicono che chi organizza non è così diverso. Sono i Cittadini che fanno la differenza. Chi incendia o non paga il biglietto? I “Politici” o i “Cittadini?

  11. Scritto da TT

    Ma come si fa,a paragonare ATAC ad ATB? Ho letto i dati da voi riportati del 2013 km percorsi,e popolazione trasportata. No paragone…!

  12. Scritto da Lino

    ma …………..i controlli agli stranieri e sbandati che salgono abusivamente quando li fate specialmente sulla linea 9 e 7

  13. Scritto da marcus

    Se all’epoca ci fosse stata l’informazione che abbiamo oggi, col cucco che i garibaldini si sarebbero imbarcati a Quarto !
    Che errore !

  14. Scritto da popi

    Che dire…..la mentalità tra nord e sud è troppo, troppo diversa e la voluta e forzata e cogente “Unità d’Italia”, porta a questi impietosi confronti, che altro non fanno che aumentare il nostro malumore e solleva ancor più indignazione e senso di presa per i fondelli. Direi “sfruttamento”.