BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo, rondò autostrada “Ogni giorno rischio la vita, il Comune non interviene?”

Riceviamo e pubblichiamo la lamentela di un nostro lettore, che abita nella Bassa e lavora in città, contro la pericolosità della rotonda dell'autostrada di Bergamo che percorre tutti i giorni

Riceviamo e pubblichiamo la lamentela di un nostro lettore, che abita nella Bassa e lavora in città, rivolta alla pericolosa rotonda dell’autostrada di Bergamo. 

"Gentile redazione, 

vi scrivo per segnalare una situazione problemati che credo sia comune a molti autombilisti bergamaschi come lo sono io.

Sono un abitante della Bassa che per lavoro si reca ogni giorno a Bergamo. Alla mattina, sono costretto a fare i conti con le code lungo l’Asse interurbano. Quando arrivo all’uscita dell’autostrada intorno alle otto è un delirio, con una coda che a volte arriva anche a essere lunga un chilometro. Ma questo, posso capire benissimo che è un problema "normale", dovuto al notevole traffico e ai numerosi pendolari che come me a quell’ora si dirigono in città. 

Quello che non capisco è invece la roulette russa al quale mio malgrado sono costretto a partecipare ogni sera quando torno a casa. Sto parlando della famosa rotonda dell’autostrada che dall’ominma via porta sull’Asse attraverso il quale poi raggiungo la Bassa.

Quando arrivo allo stop da dove a destra arrivano tutte le auto e i tir che escono dall’autostrada A4, prima di attraversare, dopo diversi minuti di attesa e spesso con qualche maleducato che dietro di me continua a suonare il clacson o che mi affianca per superarmi (come se potessero volare e uscire prime di me), devo farmi il segno della croce.

Sì, perchè in quel tratto la visibilità dei mezzi, camion compresi, che arrivano dalla A4 è limitata e considerando la forte velocità che hanno, ogni volta perdo cinque anni di vita per il timore di farmi travolgere da un veicolo.

Inoltre capita spesso che si verifichino incidenti in quel tratto, anche perchè è regolato da una segnalitica – sia a livello di cartelli che di strisce – abbastanza carente. 

Capisco che la mia lamentela non sia una novità e che la questione si protragga ormai da anni, ma appunto per questo mi chiedo e vi chiedo: è possibile che nel 2015, dopo decenni dalla sua realizzazione, siamo ancora a questo punto?

Perchè il Comune di Bergamo non interviene una volta per tutte?

Dobbiamo forse, come succede spesso in Italia, aspettare che succeda qualcosa di grave prima di risolvere il problema?"

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da batman65

    ritengo che le affermazioni di luca 64 siano esatte, le tasse vengono pagate dai cittadini , i servizi vengono messi in attesa o dimenticati, è ancora l’italia dei ladri con pochi soldi….

  2. Scritto da Paolo

    Se la ditta fosse stata di Bergamo, magari le avrebbero fatto le pulci. Invece era la ditta Rozzi di Bari……… ora fallita

  3. Scritto da wildkiss

    tutta la mia stima al lettore che ha segnalato questa non nuova problematica di viabilià.certo che i vari commenti di chi consiglia di cambiare strada sono proprio ridicoli.paghiamo tasse a non finire e per colpa di un progetto fatto sicuramente da un folle devo allungare la strada per rientrare a casa.è ora che il comune trovi una soluzione.sig sindaco gori percorra lei il tratto interessato non il suo autista.male che vada l accompagneremo nell ultimo saluto

  4. Scritto da Mario

    Qualcuno dice che a Bergamo si ascolta solo se si parla di soldi. Se fosse vero da anni dovrebbero aver sistemato la rotonda visto il denaro sprecato in code. Quando si dice che esiste un “Piano di Governo del Territorio” mi chiedo chi sia il genio che è riuscito a mettere così tante bugie in una frase. Se fosse vero si dovrebbe riuscire a muoversi in metà del tempo e con i mezzi pubblici.

  5. Scritto da bergamotto

    Caro lettore della Bassa, lo dico senza ironia, ma anziché sottoporsi quotidianamente alla roulette russa, dovrebbe evitare il rondò dell’ Autostrada, e inserirsi sull’ Asse interurbano più avanti, alla rotatoria per Orio, o alla Nuova Fiera…

  6. Scritto da Eugenia

    E’ vero, io preferisco prendere la statale, anche se il traffico è ancora più grande,
    Questo per evitare la rotonda dell’autostrada.

  7. Scritto da Aldo

    E’ il punto di viabilità più pericoloso della Bergamasca, vorrei sapere chi é quella cima di progettista che la ideato.

  8. Scritto da Giuseppe

    Un rimedio molto rapido e pure senza costi potrebbe essere chiudere il casello di Bergamo ed utilizzare quello di Seriate. I collegamenti con Bergamo ci sono comunque tramite la superstrada. Per lo meno potrebbero provare a farlo.

    1. Scritto da omar

      la scienza caprina ahahahah

  9. Scritto da Massimo

    Il mio docente di chirurgia d’urgenza diceva: se l’alto numero di feriti in una certa zona, fa invocare un nuovo pronto soccorso, prima domandate se abbiano messo i semafori. La prima causa di morte tra 20 e 30 anni, non sono le malattie, ma gli incidenti stradali, con circa 200.000 morti l’anno, nel mondo. L’attraversamento indicato dal lettore della Bassa, è un inno all’incidentalità, un record di progettualità demenziale. La viabilità adiacente all’ autostrada è tutta da rifare.

  10. Scritto da Paola

    Concordo con l’autore della lamentela ed aggiungo che lo stesso problema sussiste anche per coloro i quali provengono dalla tangenziale Seriate-Dalmine (SS671). Inoltre, proprio a causa della difficoltà (oltre che pericolosità) di immissione nella rotatoria, a monte si creano code paurose, che rallentano anche il normale traffico della tangenziale.

  11. Scritto da Luc64

    Bergamo non eccelle in competenza e lungimiranza in chi pianifica e gestisce il traffico.
    la rotonda dell’autostrada é un esempio ma la lista é lunga, qualche esempio: la rampa di immissione verso la Val Brembana vicino Bonaldi é pericolosa. I semafori in circonvallazione all’altezza degli ex molini Moretti sono solo un intralcio per il traffico.
    L’accesso all’aeroporto é altrettanto gestito male.
    Ma non cambia mai niente ed i solerti funzionari restano al loro posto

  12. Scritto da Ste

    Via da Bergamo quelli della bassa…intervenga salvini!!

  13. Scritto da Ale

    La competenza è del Comune??? La competenza è della Provincia??? Quell’incrocio è INDECENTE, e quell’incrocio porta innanzitutto a BERGAMO città .. quindi che il COMUNE si dia da fare per sistemare questo scempio. BASTA GIOCARE ALLO SCARICA BARILE !!!

  14. Scritto da max

    Io propongo a chi l ‘ha progettata tutto il giorno dalle 7 alle 20 di farlo girare in continuazione e di provare dal vivo il gioco anni 80 della rana che doveva oltrepassare le auto…….

  15. Scritto da CARMEN

    Ha ragione condivido la preoccupazione e lo penso anche io ogni giorno quando percorro quella rotonda. È veramente pericolosa, devi sperare di non essere travolto e molte volte riesci a passare solo perchè i mezzi che escono dall’autostrada rallentano per farti passare e non perchè c’è spazio per poterlo fare. Sarebbe opportuno prendere dei provvedimenti e pensare ad una possibile soluzione

  16. Scritto da Lvca

    Condivido a pieno la lettera del signore grazie per aver dato voce a centinaia di automobilisti che rischiano ogni volta che devono affrontare quella pericolosa rotonda! La cosa assurda è che nessuno degli enti preposti fa nulla, ma cosa bisogna aspettare che ci scappi il morto come sempre in Italia?!

  17. Scritto da Battista

    Sono perfettamente d’accordo con il lettore che scrive. E’ un punto pericolosissimo, a tutti noto da molti anni! nessun ente è intervenuto e, sembra, ha intenzione di intervenire! credo che sia indispensabile che si cerchi una soluzione in tempi brevissimi (diversificazione delle precedenze? rallentamento dei mezzi in uscita dall’autostrada? …).

  18. Scritto da cesare grassi

    Soluzione SEMPLICE quanto ECONOMICA: Cio’ che rende pericoloso il rondo’ autostrada non è come e’ stato concepito, bensì il fatto che chi lo percorre può accelerare tanto da rendere PERICOLOSO il traffico in entrata e uscita. SOLUZIONE: INSTALLARE DOSSI LIMITATORI D VELOCITA’ max 30km. E nelle ore di punta: POLIZIA CHE DIRIME TRAFFICO SECONDO LA BISOGNA DEL MOMENTO. ALL’ESTERO FAN COSÌ. IN ITALIA NO? PERCHÉ NON VOGLIONO.. NESSUN POLIZIOTTO E’ DISPONIBILE.. ECC.

  19. Scritto da Giulio

    Concordo pienamente,nel posto incriminato ho tamponato e a mia volta lo sono stato.1a1.

  20. Scritto da stefano

    Immettersi nella rotonda in direzione Seriate/Lovere con un furgone/autocarro è ancora peggio visto che non si ha la visibilità dai finestrini posteriori. Le auto arrivano dall’autostrada a velocità folli e c’è sempre qualcuno che si ferma proprio prima della rotonda…

  21. Scritto da stefanorossi

    E’ vero e’ un’incrocio pericolosissimo mi domando chi ha dato il nulla osta per aprirlo regolarmente!!

  22. Scritto da Lina

    uscita autostrada pericolosissima coì come tutta area rondò…..ma tutti se ne fregano siamo in Italia siamo a Bergamo

  23. Scritto da kappa

    dei transitiProbabilmente quella bellissima rotatoria non è del comune , difatti fu realizzata dall’ impresa Rozzi durante se non ricordo male i mondiali del 90….e tale è rimasta, credo che ristudiarla tutta avrebbe un onere non indifferente del quale poi non capisco perché dovrebbe farsi carico il comune…la società autostrade invece è solo impegnata a riscuotere la gabella dei transiti !

    1. Scritto da kappato

      COMUNE NO… AUTOSTRADE NI…
      autostrade incassano pedaggio…
      comune incassa tasse…

      il sedere è di chi rischia la vita guidando…

      che amministrazione del cavolo!!! manco togliere gli accattoni dai semafori riescono a fare… figuriamoci la rotonda dell’autostrada!!!
      manco col bicchiere!!!

  24. Scritto da Alfio

    Ma scusa, ma il territorio di pertinenza del Comune non inizia più avanti, al cartello “Bergamo”? Semmai è la provincia a dover intervenire…

  25. Scritto da Sergio

    Concordo pienamente con quanto scritto sopra e ritengo davvero vergognoso che ancora a distanza di tanti anni non si sia provveduto a mettere in sicurezza questo incrocio dove a volte capita anche a me di ritrovarmi mio malgrado. Attraversarlo è davvero un’impresa che fa sudare freddo e tremare d’ansia.
    Non credo serva un cervellone per un rimedio intelligente.

  26. Scritto da artemide

    chiunque abbia occasione di passare da quella rotonda non può che essere d’accordo con quanto scritto dal lettore (magari un filo drastico quando dice di perdere 5 anni di vita ogni giorno, ma vabbè). non so quale sia la soluzione ma, da anni, mi chiedo chi sia stato il genio che progettato quello svincolo (ed anche chi abbia autorizzato tale progetto)

  27. Scritto da Bruboss

    Bravo! Io ho i tuoi stessi pensieri ma non lo ho mai scritto…è una viabilità assurda. E’ incredibile che nessuno intervenga a modificarla!!! E’ pericolosissima!!!!!!!!!

  28. Scritto da Gisella

    Sono d’accordo con il Signore della bassa il comune di Bergamo non ha mai (cercato) di fare qualcosa aspettano qualche morto e forse…..faranno qualcosa……!!!!!

    1. Scritto da paolot

      Il Comune di Bergamo c’entra come i cavoli a merenda. Non è proprietario di nessuno dei tratti stradali interessati. Ma perchè non accendete il cervello, prima del computer?