BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Scritte razziste a Dalmine, il PRC: “Cittadini, vigilate e opponetevi a chi provoca”

Lo zoccolo dalminese di Rifondazione Comunista scende in campo dopo le scritte apparse a Sabbio: "Dalmine è una città democratica, antifascista e antirazzista. Invitiamo Comune e cittadinanza a vigilare e a opporsi con decisione a ogni provocazione di stampo neofascista affinché episodi simili non si ripetano in futuro".

Le scritte di stampo antisemita e razzista apparse nella notte tra mercoledì 22 e giovedì 23 luglio a Dalmine hanno creato allarme e tensione. Anche lo zoccolo dalminese di Rifondazione Comunista, rappresentato dal segretario Cristiano Poluzzi, è sceso in campo rivolgendosi direttamente ai cittadini dalminesi: "Vigilate e opponetevi a chi provoca e infanga la nostra memoria antifascista".

Ecco il comunicato di Rifondazione Comunista.

 

Abbiamo appreso che nella notte tra mercoledì e giovedì sono apparse nel quartiere di Sabbio, nel sottopasso che conduce alla fermata dell’autostradale sull’A4, vergognose e deliranti scritte antisemite. Condanniamo fermamente il gesto, che insulta la memoria antifascista di Dalmine nel 70° anniversario della Liberazione dalla barbarie nazi-fascista, autrice di genocidi sistematici contro ebrei, rom, slavi, omosessuali, diversamente abili e oppositori politici. Purtroppo non è la prima volta, in questi mesi, che a Dalmine compaiono scritte di questo genere.

Auspichiamo che il Comune intervenga quanto prima per far rimuovere le vergognose scritte. Bene la decisione, da parte dell’amministrazione, di sporgere denuncia contro ignoti. Dalmine è una città democratica, antifascista e antirazzista. Invitiamo Comune e cittadinanza a vigilare e a opporsi con decisione a ogni provocazione di stampo neofascista affinché episodi simili non si ripetano in futuro.

Cristiano Poluzzi, segretario PRC-SE circolo Dalmine

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ciao

    Questa frase e questo simbolo sono da condannare,stop. Poi possiamo fare tutte le discussioni che vogliamo su immigrazione,accoglienza e quant altro.

  2. Scritto da W V.E.R.D.I.

    Sono d’accordo sul fatto che certe scritte e certi simboli rimangano solo nei libri di storia ma come mai quando si legge “fasci tutti appesi” non ci si indigna uguale? Per troppa gente la libertà di espressione vale solo se si esprimono determinate cose

    1. Scritto da Daniele

      Neri o ebrei si nasce, non è una colpa ma un’appartenenza e per quanto mi riguarda preferisco di gran lunga certi aspetti delle culture dell’Africa e giudaiche rispetto alla piega disumana che sta prendendo la nostra società.
      Essere fascisti invece è una scelta, anzi, una scelta infame.

      1. Scritto da W V.E.R.D.I.

        Sinceramente trovo più schifoso un italiano che vive in Italia ma fa di tutto per distruggerne la storia e la cultura.

  3. Scritto da Rad

    Il RAZZISMO viene stimolato dalla paura e dalla differenza ; tra popoli , razze e religioni e della mancanza della presenza dello Stato. Uno stato presente che assicuri che vengano rispettate le leggi da parte dello straniero, e che il cittadino sia infornato ADEGUATAMENTE dalle persone o uffici preposti.In mancanza del rispetto delle leggi lo Stato deve fare in modo legale che la persona che ha causa il problema venga sanzionare .

    1. Scritto da Daniele

      Ma cosa c’entra lo stato, qui manca la presenza del buon senso altro che stato.

  4. Scritto da Paolo

    La gente e stanca non ne può più di invasioni di falsa solidarietà e questa “comunità europea” che fa??? Un bel niente di niente….. Si preoccupano solo se l’Italia non riconosce i diritti ai gay…… Ma per favore …..!!!!