BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Accoglienza dei profughi, la Diocesi fa la sua parte: strutture per 170 migranti

L'emergenza profughi non si placa e non si placherà nelle prossime settimane. E' per questo motivo che la Caritas ha dato la disponibilità ad accogliere altri 170 richiedenti asilo in strutture definite dalla Diocesi.

Anche la Diocesi apre le porte. L’emergenza profughi non si placa e non si placherà nelle prossime settimane. E’ per questo motivo che la Caritas ha dato la disponibilità ad accogliere altri 170 richiedenti asilo in strutture definite dalla Diocesi. L’obiettivo è spostare i migranti ospiti delle palestre comunali, una modalità che ha scatenato molte polemiche nei giorni scorsi. La prima struttura ad essere messa a disposizione è Villa Jesus a Castione della Presolana, dove saranno accolte trenta persone.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alberto

    “Fa la sua parte” con i soldi dello Stato italiano: bù tòcc izzé…

    1. Scritto da Ripper

      Se accolgono perchè accolgono se non accolgono perchè non accolgono . Decides.

  2. Scritto da julius

    spero che la seconda struttura potrebbe essere il seminario in città alta. Sarebbe un grande segnale di apertura.
    La terza struttura potrebbero essere taluni immobili delle coop rosse. Sarebbe un grande segnale di apertura.

    1. Scritto da gigi

      propendo di piu’ per il seminario e molte chiese, strutture spesso di pregio e sempre piu’ vuote…per la Chiesa e’ una missione naturale, non si puo’ sempre e solo predicare bene.

  3. Scritto da A.Z. BG

    Aiutare i nostri sfrattati e senza casa invece no, vero? Da questi ultimi non si incassano i 40 € al giorno, dai clandestini si! I nostri anziani muoiono per il troppo caldo, ma caritas e c. mica li aiutano portandoli in montagna, i clandestini si. Bella carità Cristiana! A senso unico e in base al colore della pelle, se scuri si, se chiari no.

    1. Scritto da pablo

      a me questa storia che alcuni di voi scrivono tutti i santi giorni nei commenti su bgnews inizia ad annoiare. lungi da me il voler difendere il “sistema italia” ed, anzi, i punti critici sono tantissimi… quasi infiniti. ma raccontare ogni giorno che gli italiani non vengono aiutati è una balla colossale… così come pensare che questi disgraziati, per cui qualcuno paga 35 euro al giorno (che comque vanno ad associazioni italianissime), stiano meglio di voi…

    2. Scritto da Quindi ?

      Magari non lo faranno per tutti ma Caritas e Chiesa fanno , eccome se fanno, in tutto il mondo, tu non fai niente (anzi …. ) e quindi …… che cavolo commenti , chevvuoi ?

    3. Scritto da Daniele

      Al mio paese la parrocchia gestisce diverse attività diurne per anziani (i miei genitori vi partecipano) ed il comune ha organizzato un soggiorno, sempre per anziani, in località montana partito proprio settimana scorsa.
      E sono arcisicuro che non siano gli unici esempi. Come al solito fai i castelli in aria partendo da informazioni sbagliate, per non dire inventate…

      1. Scritto da il polemico

        a beh,visto che i tuoi genitori frequentano le attività della parrocchia,significa che in tutta italia le parrocchie fanno attività e tutti gli anziani sono aiutati….postilla:il soggiorno montano da te citato è completamente gratutito o si paga una quota?era giusto per sapere,perchè era il problema sollavatoda quello prima di te,l’italiano paga,l’illegale tutto gratis con i soldi pure degli anziani….

      2. Scritto da Luisa

        WOW, l’avvocato d’ufficio dell’Eden (Italia).