BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da Taranto all’ospedale di Bergamo con aereo militare per un trapianto di rene

Per il trasporto di un paziente tarantino di 40 anni in attesa di trapianto, l'Aeronautica Militare ha risposto con immediatezza alla richiesta avanzata dalla Prefettura di Taranto alla Sala Situazioni del Comando Squadra Aerea.

Da Taranto all’ospedale di Bergamo con areo militare per un trapianto di rene.

Per il trasporto di un paziente tarantino di 40 anni in attesa di trapianto, l’Aeronautica Militare ha risposto con immediatezza alla richiesta avanzata dalla Prefettura di Taranto alla Sala Situazioni del Comando Squadra Aerea.

Grazie all’intervento di un velivolo Falcon 50 del 31 Stormo di Ciampino, il paziente e’ stato trasportato da Brindisi a Bergamo dove, agli Ospedali Riuniti "Papa Giovanni XXIII" sarà sottoposto a un trapianto di rene.

Il Falcon 50 del 31esimo Stormo di Ciampino, disponibile 24 ore su 24 per voli sanitari d’urgenza, dopo aver ricevuto l’ordine da parte della Sala Situazioni e’ decollato alla volta dello scalo brindisino, dove e’ giunto alle prime luci dell’alba e, imbarcato il paziente e la coniuge che l’accompagnava, e’ decollato alle 5,55 alla volta dell’aeroporto di Bergamo – Orio al Serio. Da qui, subito dopo l’atterraggio, il paziente raggiungera’ il nosocomio bergamasco.

L’aeroporto di Brindisi viene spesso utilizzato per queste tipologie di voli in quanto strategicamente vicino alle maggiori strutture ospedaliere del Salento meridionale. Gli aeromobili del 31esimo Stormo di Ciampino sono utilizzati per il trasporto di Stato e per missioni di pubblica utilita’, quali il trasporto sanitario d’urgenza di ammalati, di traumatizzati gravi e di organi per trapianti, nonche’ per interventi a favore di persone comunque in situazioni di rischio. 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Daniele

    Prima di parlare occorre avere cognizione.In caso di trapianto il paziente deve raggiungere entro e non oltre una certa ora, a proprie spese, l’ospedale. Di conseguenza, qualora ciò non fosse possibile dagli orari dei voli di linea (in questo caso si parla di Taranto-Bergamo) si innesta il meccanismo dei voli militari a ciò destinati.Per fortuna, per certi aspetti, l’Italia funziona.Se questo fosse successo ad un Vostro parente Vi sareste preoccupati del costo?Non penso.
    Il trapiantato.

  2. Scritto da tina

    Giusto, anche i politici sfruttano questi servizi quindi ?

  3. Scritto da cua de paja

    Sig. Stecchjetti al di la del valore umano, civile e sociale del salvare una vita, poi con calma dopo averci ragionato su mi/ci spiega la differenza che ci può essere tra il trasferire un paziente in attesa di trapianto in un ospedale in grado e strutturati per fare tale intervento rispetto ad aviotrasportare un organo da Bergamo a Taranto supposto che l’ospedale pugliese abbia una struttura adeguata per tali interventi.

  4. Scritto da Stecchjetti

    Finché abbiamo i soldi si fa questo e altro. ma la sanità dovrebbe essere regionale. Mobilitare le FF.AA. per un trapianto di rene. Sarebbe bello sapere il costo di qeusto trapianto di rene. Per la sanità lombarda, per lo Stato. Ma son pozzi senza fondo!