BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Profughi alle scuole Camozzi Solidarietà ai migranti dal Kollettivo Popolare

Il Kollettivo Autonomo Popolare risponde indirettamente alla Lega Nord sulla questione profughi alle Camozzi di via Pinetti con uno striscione di solidarietà ai migranti appeso sulla cancellata della scuola nella serata di sabato 18 luglio.

Più informazioni su

“Solidarietà con tutti i migranti”: firmato K.A.P., Kollettivo Autonomo Popolare. Lo striscione è apparso nella serata di sabato 18 luglio sul cancello di ingresso dell’Istituto comprensivo Camozzi di via Pinetti a Bergamo dove, da venerdì, una cinquantina di richiedenti asilo sono ospitati nelle due palestre e assistiti dal personale della Caritas.

Su sollecitazione della Prefettura, che chiedeva immediata disponibilità all’ospitalità di 50 migranti, il Comune di Bergamo ha aperto le porte della scuola: “Di fronte alla mancanza di alternative – ha spiegato la stessa amministrazione – abbiamo ritenuto tuttavia nostro dovere corrispondere positivamente alla richiesta. Si tratta comunque di una soluzione temporanea, che contiamo di superare quanto prima”.

La sistemazione non era piaciuta alla Lega Nord che sabato, con il consiglieri comunali Alberto Ribolla e Luisa Pecce accompagnati anche da Stefano Benigni di Forza Italia, si è subito precipitata sul posto per un sopralluogo: facendosi portavoce delle preoccupazioni e dei malumori di alcuni residenti della zona, il Carroccio ha toccato con mano la situazione delle Camozzi, senza nascondere le proprie perplessità.

Sono tutto tranne che profughi – la sentenza di Ribolla e Pecce – Quelli con cui abbiamo avuto modo di parlare vengono dall’Eritrea e hanno dichiarato che il motivo del loro viaggio non era fuggire da guerre o persecuzioni. L’arrivo dei 50 immigrati clandestini ha subito messo in allarme i cittadini. I residenti sono allibiti di fronte ad una decisione repentina e come al solito organizzata di nascosto”.

Lo striscione appeso dal Kollettivo Autonomo Popolare va esattamente nel senso contrario: rappresentare la posizione di chi non è infastidito e, anzi, si sente vicino ai migranti. Dopo quella della Lega, nella zona è suonata anche la campana opposta.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Nicola G

    Kollettivo = ignoranza, la maggior parte di loro sono figli di papà con soldi veri, si divertono a fare ii comunist. Mi fanno Solo PENA!
    Cascina ponkia da radere al suolo con dentro tutta questa brutta gente

  2. Scritto da fatti

    Kollettivo Autonomo Popolare cacciate i danè e aprite le vostre case,cosi si fa solidarietà non con gli striscioni.

  3. Scritto da ugo

    mmmhh….Lagra mmatica non la imparano tutti alos tesso modo.

  4. Scritto da gaetano bresci

    mio nonno era uno di loro: artigiano, partigiano e comunista (di quelli veri), a quelli come lui hanno eretto monumenti, ai suoi nemici solo disprezzo e vergogna eterna. Amen

  5. Scritto da gaetano bresci

    il solito” pensiero obliquo” leghista: se fuggi da guerre e persecuzioni, va bene!…. se scappi da miseria e fame sei clandestino e “te ne torni a casa tua” (da leggersi con la pronuncia salviniana di Crozza). Pensate se avessero applicato questa illogicità nei confronti dei milioni di VENETI che “invasero” il resto del mondo alla ricerca di lavoro e VITA (https://it.wikipedia.org/wiki/Emigrazione_veneta).

    1. Scritto da Luca

      Che film hai visto?
      Gli emigrati italiani invasero il mondo e ovunque hanno lavorato, costruito, da new York alle miniere del Belgio.
      Questi che fanno in Italia dove non c’ e’ lavoro?
      Per ora passano il tempo, raccattano le foglie dal piazzale della palestra….

  6. Scritto da ugo

    Ma perche scrivono collettivo con la k?

    1. Scritto da pm

      Mah…però visto che la loro iniziativa li ha portati nei pressi di una scuola potrebbero approfittarne e reiscriversi, per risolvere almeno i problemi grammaticali.

    2. Scritto da Italiani

      Perché avere rispetto per l’Italia o qualcosa che la rappresenta come la lingua è da fascisti, nazileghisti, omofobi, ignoranti, ecc.

      1. Scritto da Italiani2

        mi dispiace per te ma i nazileghisti non danno la solidarieta’ a questa gente.
        sara’ la tua gente i kompaneros quello che dicono
        “quello che e’ mio e’ mio , quello che e’ tuo e’ ancora mio”

        ahahahahahaha!!!!!!!!!
        adios

        1. Scritto da Italiani

          Spero tu abbia colto l’ironia nel mio commento..

          1. Scritto da italiani2

            ho letto troppo veloce ,mi e’ sfuggita l’ironia…..