BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Non si può scegliere chi amare ma può durare per sempre Parola dell’esperta bergamasca fotogallery

In occasione dell’evento di sabato 18 luglio “Baci che fioccano”, si è tenuto un incontro in cui si è parlato del cervello sotto effetto dell’innamoramento. A spiegarlo Elisabetta Boschini, psicologa ed esperta in neuropsicologia e Eleonora Tischer laureanda in psicologia clinica dello sviluppo e in neuropsicologia.

Tanti baci e una lezione su un tema di cui si discute da oltre duemila anni: l’amore. In occasione dell’evento di sabato 18 luglio “Baci che fioccano”, si è tenuto anche un incontro in cui si è parlato del cervello sotto effetto dell’innamoramento.

A spiegarlo Elisabetta Boschini, psicologa ed esperta in neuropsicologia e Eleonora Tischer laureanda in psicologia clinica dello sviluppo e in neuropsicologia.

L’occasione giusta per approfondire l’argomento chiedendo alla Dottoressa Boschini qualche chiarimento; poiché quando si parla di innamoramento ed amore non sempre sappiamo che cosa accade al nostro cervello.

"Un errore comune è quello di confondere l’innamoramento con l’amore – precisa subito l’esperta – , ma il nostro cervello invece attiva aree diverse per entrambe le due fasi: se l’innamoramento è attivato da aree che riguardano sopratutto le emozioni, con l’amore invece si attiva la razionalità, frenata durante il periodo iniziale".

Quando ci innamoriamo tendiamo ad utilizzare espressioni come “ho perso la testa”, che succede effettivamente al nostro cervello?

"Quando ci innamoriamo, il nostro cervello modifica il suo funzionamento concentrando tutte le sue energie nelle aree del desiderio sessuale ed emotive. Le aree coinvolte nella capacità di ragionamento e di giudizio critico vengono frenate, perciò non riusciamo a vedere il partner in modo oggettivo. Da qui l’espressione ‘perdere la testa’".

Possiamo scegliere la persona di cui innamorarci?

I fattori che scatenano l’innamoramento sono del tutto soggettivi e sono legati a caratteristiche della propria storia di vita personale. Non si può scegliere di chi innamorarsi ma ciò che ci contrassegna come persona ci porta verso la scelta di un partner piuttosto che un altro".

Spesso in questa fase vi sono sentimenti forti come mancanza, desiderio di passare molto tempo con il proprio partner ecc…da che cosa è comportato?

"La vicinanza di una persona che ci piace stimola la produzione del neurotrasmettitore “dopamina”, il quale agisce sul sistema della gratificazione e del piacere, generando in noi uno stato di benessere ed euforia. Questo è lo stesso sistema che si attiva con l’assunzione di oppiodi come la cocaina, ciò significa che la presenza dell’altro genera una vera e propria dipendenza, nonché un pensiero ossessivo nei suoi confronti. Perciò quando il partner non c’è proviamo un desiderio continuo e un sentimento di mancanza".

Dall’innamoramento si passa all’amore…vi è un tempo preciso? Si può essere sempre innamorati?

No, l’innamoramento non dura per sempre e non si può stabilire un tempo preciso.

Si sa, amore è anche affetto, questo forse può spiegare come mai tra amici può nascere qualcosa?

Ciò che porta due persone ad essere amiche è già di partenza il piacere nello stare insieme, un’affinità negli interessi e la conoscenza e accettazione dei difetti dell’altro. Poi può capitare che, in svariate circostanze, subentri il desiderio sessuale e l’innamoramento. Questo spiega come da amici si può passare ad amanti".

I termini odio e amore vengono contrapposti ma c’è chi sostiene che quando si odia, si ama…Come lo spiega il nostro cervello?

"Sentimenti positivi e negativi coinvolgono aree cerebrali diverse. L’odio è un sentimento che porta in sé una quota di rabbia ma anche interesse per la persona a cui è diretto. Nel contesto dell’innamoramento non sempre le attenzioni verso l’altro sono ricambiate e questo ci fa soffrire, al punto tale che possiamo iniziare a odiare ciò che si ama proprio perché non riusciamo ad ottenerlo, perché non corrisponde alle nostre aspettative oppure perché, finita la fase dell’innamoramento, ci accorgiamo che non è come l’avevamo “immaginato”".

Un tema molto affrontato oggi è quello dell’amore sbagliato da parte di persone che agiscono con un’eccessiva gelosia fino ad arrivare allo stalking…Ossessione ed innamoramento sono la stessa cosa?

"Durante l’innamoramento, il benessere che provoca la vicinanza di quella persona crea dipendenza e il cervello inizia a funzionare in modo ossessivo. Tuttavia, ciò rientra nei limiti di un buon funzionamento ed è finalizzato al piacere che la presenza dell’altra persona genera. Con lo stalking I’ossessione tipica dell’innamoramento esce dai confini e siamo di fronte ad un funzionamento patologico".

“Molte coppie scoppiano" cosa accade quando non si è più innamorati? Perché ci si disinnamora?

"Può capitare che con l’uscita dalla fase di idealizzazione ci si accorga di aspetti del partner che prima non eravamo in grado di vedere. Se le differenze e l’incompatibilità sono eccessive si può decidere di lasciarsi".

Uso di sostanze come alcool e droga, influiscono sull’innamoramento?

Alcool e droghe inibiscono la corteccia, in particolare quella frontale provocando una generale e momentanea disinibizione nei comportamenti. Nel caso dell’innamoramento possono agire inibendo ulteriormente la corteccia frontale e amplificando le aree delle emozioni e del desiderio sessuale. Questo può indurre a comportamenti pericolosi come rapporti sessuali in luoghi insoliti o non protetti.

Tutte, o quasi tutte le donne sono cresciute con l’idea e la speranza di trovare l’amore della propria vita. Molti però non credono all’amore eterno. Togliamoci il dubbio…si può amare una persona per tutta la vita?

"Certamente!"

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mrx

    Secondo me dovreste chiedere a Dio, ai testimoni di Geova e ai talebani dell’occidente di rileggervi l’articolo..

  2. Scritto da gigi

    Un messaggio sbagliato l’idea di lasciarsi ? Guardi che la fede qui non c’entra, le sue idee sono da Mormoni e testimoni di Geova, i talebani dell’ occidente.

    1. Scritto da Ian

      Per fortuna che il mondo non è’ progredito è andato avanti grazie ai quei pochi che la pensano come lei. Se uno la pensa diversamente da voi va messo all’indice. Voi siete il medioevo cupo, la famiglia e’ il futuro. Grazie a quella lei oggi può vivere la sua vita. Ringrazi il giorno che suo padre e su madre l’anno messo al mondo. E finché il mondo ci sarà: per fare un figlio ci vogliono un uomo e una donna e su questo nessuno può smentirlo. Questa è’ la famiglia.

      1. Scritto da gigi

        tutto molto bello, (manca solo la H davanti ad anno). Perche’ queste belle cose non vi limitate a realizzarle voi che le pensate ? Gli altri facciano cio’ che credono, avete mai visto delle sentinelle in piedi contro la famiglia tradizionale ?

  3. Scritto da Hok

    Che esperta! Qui si parla di sentimento. La famiglia e’ un altra cosa che va oltre l ‘ infatuamento: un progetto di vita, che va oltre le differenze che ovviamente ci sono ma proprio perché non più ragazzini si superano insieme anche grazie ai figli che la coppia procrea. Un messaggio sbagliato: “si può decidere di lasciarsi”. Far passare come normale la incapacità di crescere come coppia. L’altro 50%. Non individuo che guarda al suo particolare ma coppia.

    1. Scritto da Centro Anch'io

      L’articolo pubblicato è solo l’estratto di un’intervista molto più articolata in cui la dott.ssa Tischer spiegava proprio le fasi che scandiscono l’evolversi di una relazione dall’infatuazione all’amore consapevole e maturo. Chiunque volesse approfondire l’argomento può cercare sulla pagina Facebook “Centroanch’io” la nota “SAPEVATE CHE…? Cervello Innamorato” o contattare direttamente le dott.sse Tischer e Boschini scrivendo una mail a centroanchio@hotmail.com o telefonando al 3662709899

    2. Scritto da Centro Anch'io

      Lei ha perfettamente ragione. L’articolo qui pubblicato è solo un estratto di un’intervista molto più complessa ed articolata in cui la Dott. ssa Tischer ha approfondito proprio le fasi che scandiscono l’evolversi di una relazione dall’infatuazione all’amore consapevole e maturo, sottolineando quanto da lei sostenuto.
      Se interessata la può contattare scrivendo una mail a centroanchio@hotmail.com o telefonando al numero 3662709899