BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dallo spot con Clooney alla montagna di immondizia Foto e video dal Sebino

Dallo spot per un'auto di lusso con George Clooney alla discarica a cielo aperto: lo stesso paesaggio che, solo tre anni fa, era un set cinematografico oggi è vittima dei vandali e dell'immondizia lasciata senza alcun rispetto in riva al Sebino.

Un paesaggio magnifico, al riparo tra le montagne che circondano il Sebino, talmente affascinante da diventare il set di uno spot con protagonista George Clooney che, a luglio del 2012, scombussolò tutto il lago per la sua presenza: una macchina di lusso, un motoscafo e perfino un aereo biplano fecero conoscere la Rivierasca del lago a tutto il mondo e in particolare ai cinesi, destinatari di quella campagna pubblicitaria.

Ora, nello stesso tratto dove solo tre anni fa sfrecciava una Mercedes Classe E L e circolava uno degli attori più famosi del mondo, rimangono il panorama da cartolina e l’acqua azzurrissima ma, a fare da contorno, c’è una montagna di rifiuti.

A Castro, uscendo dal paese in direzione Riva di Solto, c’è uno spiazzo in riva al Sebino raggiungibile da una scaletta fronte lago, in corrispondenza della prima galleria: un posto davvero splendido diventato discarica a cielo aperto per qualcuno.

Sacchetti di plastica stracolmi di immondizia, bottiglie di vetro e di plastica, lattine, cartoni e scatoloni, perfino i segni di un falò: questa è la triste visione che si è trovato di fronte un nostro lettore che ha deciso di denunciare lo stato di degrado che “da almeno 10 giorni caratterizza una zona dimenticata dagli organi competenti” con immagini e un breve video.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Massimo Silvestri

    Poco più avanti c’è il ‘Bogn’ di Zorzino. a monte delle lame di calcare con i segni lasciati dalle onde sui calcari in formazione 180 milioni di anni fa, con tanto di graffiti alla base. Dieci anni fa ci avevo portato degli amici tedeschi. Mi sono vergognato al vedere come quel posto era conciato. Sarebbe da farne un santuario geologico!