BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Scusi, posso pregare? No” Il Pd di Seriate contro il sindaco

Il segretario del Pd di Seriate Lorenzo Cortinovis stigmatizza la semplicistica risposta del sindaco Cristian Vezzoli alla richiesta di uno spazio adeguato per pregare e per celebrare il Ramadan.

Più informazioni su

Il segretario del Pd di Seriate Lorenzo Cortinovis stigmatizza la semplicistica risposta del sindaco Cristian Vezzoli alla richiesta di uno spazio adeguato per pregare e per celebrare il Ramadan.

"Il presidente della associazione “Al Huda”, che risiede a Seriate da oltre vent’anni ha fatto richiesta di uno spazio coperto per le preghiere e per le celebrazioni del Ramadan e per la festa di Mecca.

La risposta, in due righe scarse, recita un non c’è spazio adeguato, ci spiace.

La richiesta è stata fatta da un gruppo che dispone di uno spazio, in un magazzino al piano terra del condominio Italia. Evidentemente per il Comune finché stanno lì, va bene, perché non si vedono.

Ci sono due problemi grossi però.

Il primo è che questi cittadini sono residenti e hanno chiesto di uno spazio in cui pregare. Diritto che dovrebbe essere garantito e non negato.

L’altro problema è che lasciare che questi cittadini si riuniscano per la preghiera nello spazio che hanno in affitto crea disagi e tensioni.

È legittimo, qualcuno provi a negarlo, che i cittadini di qualunque credo religioso si riuniscano per pregare in comunità. Ma se lo spazio non è adeguato, questo non favorisce certo il desiderio di questi cittadini di integrarsi.

Il disagio poi si ripercuote anche sul quartiere, generando un traffico e il parcheggio di automobili ben superiore a quello che la zona dovrebbe sopportare.

Esiste anche un altro problema. Cento o più persone riunite in un magazzino che non dispone di servizi igienici adeguati può indurre a gesti indecorosi nelle vie e sui muri del circondario. Ovviamente queste azioni andrebbero sanzionate, ma il buon senso, quello che fa la differenza tra governare e amministrare, dovrebbe far pensare a quali sono le cause che producono un disagio.

Chiediamo all’amministrazione di individuare una soluzione a questo problema.

Ogni cittadino, nel rispetto delle regole e delle leggi deve avere il diritto di professare la propria religione. Dobbiamo dare a tutti i residenti di Seriate la possibilità di vivere bene in questa città, di integrarsi, di conoscersi, di frequentarsi.

I ghetti sono il frutto dell’odio e il preludio a disastri, come quello che le amministrazioni leghiste hanno compiuto negli anni trasformando il centro storico della nostra città in una zona degradata, senza avere l’idea di una politica di integrazione, senza un briciolo di attenzione ai problemi sociali determinati dai flussi migratori che interessano l’Europa, in ogni paese e città.

I muri, le ruspe sono parole d’ordine che infiammano gli animi, ma bisogna avere il coraggio di dirlo, sono parole d’ordine fasciste, che nulla hanno a che fare con la cultura occidentale, con il rispetto della persona e delle leggi.

Ricordiamo al Sindaco, che per sua professione dovrebbe conoscerli, gli articoli 3, 7, 8, 19, 20, 21, 117 co. 2 lett. c della Costituzione italiana che tutela questo diritto anche attraverso il principio di laicità dello Stato.

Cosa ci si doveva aspettare da un sindaco leghista? Una riflessione? Un progetto? Un’apertura? No, semplicemente un no".

Lorenzo Cortinovis

segretario Pd Seriate

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gianmaria Tasca

    Il solito bla bla bla da bar sport in salsa leghista. Il documento del PD mi pare interessante perchè, finalmente, ha il coraggio di affrontare la questione cercando di vederla da tutti i punti di vista. Ecco, la visione, questa grande sconosciuta in casa lega a Seriate. D’altro canto se si hanno segretari che passano dal tricolore per pulirsi le parti intime alle ruspe dovrebbero pure domandarsi qualcosa: gente davvero ben rappresentata, non c’è che dire…. Che vergogna!

  2. Scritto da wildkiss

    Hanno tutti un appartamento perciò possono benissimo pregare in casa loro come fanno molte nostre famiglie quando recitano il s.rosario.questi incolti ora pretendono spazi tutti per loro.BRAVO SINDACO

  3. Scritto da Ayatollah Khomeini

    Ringraziamo il fratello Cortinovis e tutti quelli come lui che sostengono che essere musulmano dia automaticamente dei diritti che per gli altri cittadini non esistono. Allah te ne sarà grato con le rituali settantadue vergini.

  4. Scritto da tino

    La religione, qualunque, e’ un aspetto privato delle persone . Si riuniscano pertanto in uno spazio privato come fanno i cattolici o presunti tali e senza disturbare chi come me del Signore , della Madonna o di Allah non se ne occupa

    1. Scritto da laura

      sostenere che la religione è un fatto privato qui in italia mi sembra quantomeno un po azzardato e dire che i cattolici si riuniscono in spazi privati! mah le idee mi sembrano poche ma in compenso molto confuse!!!

      1. Scritto da gigi

        in effetti e’ strana questa idea della religione come sfera privata delle persone. Anni di ingerenza politica, cultura ed economica della Chiesa nella societa’ hanno raggiunto lo scopo con lei, ma non si preoccupi , e’ in compagnia numerosa.

      2. Scritto da Luis

        Cara Donna Prassede, alias Laura, le chiese e i luoghi di culto cristiani sono TUTTI privati, e costruiti senza fondi pubblici se qualcuno vuole pregare, si dia da fare e si doti di spazi idonei senza chiederli al comune e allo stato, altrimenti se ne torni da dove è venuto (e l’accoglienza guarda caso è in massima parte effettuata proprio dalla chiesa e non dai fratelli islamici…). Quanto alle idee, mi sembra che le sue non facciano parte della categoria…

  5. Scritto da francesco

    PD come al solito ridicolo e indietro di decenni. Com è che per questi musulmani che pisciano in giro e parcheggiano dove vogliono chiede spazi in più mentre per ciò che riguarda gli italiani fioccano multe e coprifuoco grazie a loro?(vedi borgo s.caterina e città alta).
    PD ormai sempre più ridicolo e alla frutta.

  6. Scritto da Chicchettoni

    Non c’è più. Ormai sono tutti chicchettoni radical chic. Una sinistra al caviale, insomma. Basta vedere Tsipras in Grecia.

    1. Scritto da Professor

      In effetti per la lega chiunque abbia fatto la quinta elementare ed abbia letto almeno un libro in vita sua è un’intellettuale, un radical chic di sinistra .
      Dì la verità , non vuoi prendere la licenza elementare alle serali per non correre il rischio ….. , giusto ?

      1. Scritto da Chicchettoni

        Professor, che c’azzecca la Lega. Qui si parla dei chicchettoni radical chic della sinistra diventati ora strenui difensori del credo religioso quando alcuni anni fa erano tutti atei/agnostici e definivano le religioni “l’oppio dei popoli”. Insomma si parla di quella razza d’uomini tipo quelli che prima erano fascisti e poi diventarono comunisti al cambio del vento.
        La definizione di quegli uomini la lasciamo a Sciascia.

        1. Scritto da giggi

          qua si difende un diritto mica un credo religioso. vuole disegnino? sciascia, un radical-chic.

          1. Scritto da Luis

            Mi spieghi in che modo verrebbe leso il diritto di pregare e la libertà di religione? Qualcuno ha imposto agli islamici di cambiare credo o imposto di non riunirsi per pregare? Costruiscano le loro moschee come i cristiani hanno fatto le loro chiese, nessuno lo vieta, casomai sono i loro stati dispotici che fanno il contrario…ha ragione Sciascia, che non era un radicalchic, ormai al PD sono solo quaquaraqua…

          2. Scritto da BeRGHEM

            Sig. giggi vogliamo parlare di doveri? Io prima difendo quelli. poi i diritti..

  7. Scritto da mario

    Perché quelli del PD anziché criticare sempre non invitano questi 100 mussulmani a casa loro a pregare o nel loro giardino? Per pregare possono costruire la moschea ed andare a Bergamo. Non mi pare che le altre confessioni religiose si riuniscano a pregare in magazzini! Si cerchino loro una struttura idonea con l’aiuto del PD!

    1. Scritto da Alà Barlafüs

      Perchè nei quasi 10 anni di lega al governo l’immigrazione è quasi triplicata per cui al limite dovresti ospitarli a casa TUA . Poi in effetti la lega di governo ha fatto una cosa che ha ridotto l’immigrazione (in realtà quelli che arrivano adesso vanno poi all’estero) e cioè ha mandato alla malora l’Italia . Dici che l’hanno fatto per quello ?

      1. Scritto da No lega

        Per me in malora è andata la tua testa visto come ragioni. E non sono un leghista

  8. Scritto da Giulio

    Concordo con Milani (già si sbaglia a non far pagare il clero per tutti gli immobili che possiede) .. ma anche concesso il rito religioso, non è che tutte le domeniche, dopo le tre messe mattutine, i fedeli escono di chiesa e si mettono ad urinare sulla via del ritorno a casa… fossi mussulmano me la prenderei con Cortinovis.

  9. Scritto da giggi

    seriate non ha uno spazio adeguato per un evento così limitato? ma che paese da ridere è?

  10. Scritto da Paolo Milani

    Scusi, che fine ha fatto la sinistra atea degli anni ’60 che considera la religione l’oppio dei popoli? dov’è? la voglio!

    1. Scritto da Peppino Sbazzeguti

      Ma sto PD di Seriate sempre pronto a buttarsi su musulmani immigrati e rom lo sá che é completamente assente sull tematiche degli operai disoccupati e senza lavoro.Meno male che il sindaco Vezzoli si impegna anche per loro.Quando vedremo un presepe in casa loro (Musulmani) loro potranno prendersi i nostri giardini pubblici o piazze per pregare Ha fatto benissimo a dir no