BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ungheria, via ai lavori per il muro anti-migranti: pronto a fine novembre

L'Ungheria ha annunciato di aver iniziato i lavori per la costruzione della barriera artificiale anti-migranti che dividerà il paese dalla Serbia: un confine che, secondo il ministro degli Interni Pintor, quest’anno è già stato varcato illegalmente da 81mila persone.

Più informazioni su

Via ai lavori per il controverso muro anti-migranti in rete metallica alto 4 metri e lungo 175 chilometri che dividerà l’Ungheria dalla Serbia: sarà eretto da circa 900 soldati e sarà completato entro il 30 novembre.

Per costruire la barriera artificiale saranno messi all’opera anche alcuni detenuti delle carceri ungheresi, incaricati di preparare tutto il materiale necessario: come ha spiegato il ministro della Difesa Csaba Hende a Moragalom è già in fase di costruzione la prima sezione della barriera e che altre 10-12 località inizieranno contemporaneamente i lavori.

Il Ministro degli Interni Sandor Pintor ha rivelato che nel 2015 in Ungheria sono entrati illegalmente 81mila immigrati, oltre il doppio rispetto allo scorso anno, e che quasi tutti lo hanno fatto varcando il confine con la Serbia: da qui la decisione drastica di separare artificialmente i due paesi con una rete metallica che costerà circa 6,5 miliardi di fiorini ungheresi, pari a 21 milioni di euro.

A giugno il premier ungherese Viktor Orban aveva dato l’annuncio e solo una decina di giorni fa, il 7 luglio, il parlamento aveva dato il via libera al progetto.

A fare da contraltare ai numeri forniti dall’Ungheria quelli dell’Unhcr, l’agenzia Onu per i rifugiati, secondo la quale l’80% dei migranti che calcano il territorio magiaro lo fanno solamente come tappa intermedia per raggiungere altri paesi europei.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il polemico

    non ho capito l’appunto dell’agenzia per i rifugiati,che differenza passa tra un illegale che entra in un paese e un illegale che entra in un paese solo di transito?.però che sfortunati sti illegali,se vengono in italia hanno vitto e alloggio gratuito con tanto di paghetta da tenersi per se

  2. Scritto da gio

    Spero solo che tale muro di idiozia blocchi a casa loro tutti gli ungheresi che vogliono raggiungere l’Italia e gli altri paesi europei..

  3. Scritto da west more land

    Nostalghia! Che bella la cortina di ferro, che bella la fortezza europea, che bello il vallo atlantico, che sicurezza davano i ghetti, la linea Gustav, la linea gotica, la linea Sigfrid, il vallo del Reno, il vallo di Adriano, la muraglia cinese….. e allora giù con i reticolati, mine e muraglie anti immigrati n Bulgaria, in Ungheria, nel Texas, in California, in Arabia Saudita, in Israele, nel Sinai, in Mauritania, In Corea, nel Kashmir, a Ceuta, in Australia…… E in Svizzera?

  4. Scritto da Paolo

    anche li l’80% dei migranti è di passaggio… mah… comincio a dubitare che sia una favoletta per tenerli buoni