BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nuovo bivacco Presolana “Non ancora inaugurato, è già stato imbrattato”

“Io ingenuamente ho sempre pensato che la gente che sa apprezzare la montagna certe str... non le fa”. E' l'amara constatazione di Tiziana, che ha immortalato una scritta lasciata all'interno del bivacco “Città di Clusone”, appena restaurato sulla Presolana.

“Io ingenuamente ho sempre pensato che la gente che sa apprezzare la montagna certe str… non le fa”. E’ l’amara constatazione di Tiziana, che ha immortalato una scritta lasciata all’interno del bivacco “Città di Clusone”, appena restaurato sulla Presolana.

E’ stato costruito dopo la tragedia che nel 1968 ha coinvolto sette alpinisti, tre di Clusone, che persero la vita durante l’ascensione al canale Bendotti. Ora è stato completamente restaurato con il contributo di tanti volontari e 25 mila euro messi a disposizione dalla regione per smantellare l’amianto del vecchio bivacco. Non è stato ancora inaugurato eppure qualcuno ha deciso di lasciare una firma con la scritta “Bg 1907” sul legno immacolato.

“Non è ancora stato inaugurato, non abbiamo ancora finito di allestirlo, non c’è ancora stato nemmeno il tempo di ringraziare chi ci ha lavorato e dedicato tempo, ma qualcuno è già riuscito a metterci la proprio firma – scrive Tiziana -. E io che ingenuamente ho sempre pensato che la gente che sa apprezzare la montagna, certe str… non le fa”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da BeRGHEM

    Un atto vandalico e’ un atto “Caratterizzato da violenza e gusto gratuito della distruzione”. Secondo me non ci sono i presupposti per definirlo tale. E’ un opinione personale, non voglio giustificare la scritta, ma parlare di atto vandalico mi pare addirittura esagerato.

    1. Scritto da aldobrando

      Se lo venissero a scivere sul muro del tuo soggiorno come lo chiameresti “atto di cortesia”? Io lo chiamerei “atto di ignoranza e maleducazione aggravato dal mancato rispetto delle cose altrui”

  2. Scritto da roberta

    Quando ho letto il titolo dell’articolo, ho subito elaborato il seguente commento: “Strano; di solito gli atti di vandalismo si riscontrano presso stadi, discoteche, luoghi della movida; non in montagna, dove ci va solo gente con una certa mentalità”.
    Poi ho letto l’articolo e ho visto la foto… e ho capito che di ultras ormai ce n’è in giro troppi. Sono cento volte di più dei richiedenti asilo, e fanno incommensurabilmente più danni alla nostra società.

  3. Scritto da bergamasc

    azz….i numeri sono scritti in arabo….saranno stati sicuramente quelli dell’Isis…

  4. Scritto da giggi

    maledetti writers dei centri sociali… ah no, sono atalantini.

    1. Scritto da stefano

      almeno sono leggibili…
      cordialmente

      1. Scritto da giggi

        quindi?