BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“In pieno centro un bar che inneggia a Mussolini E’ apologia di fascismo”

Il bar si chiama “Colazione da Tiffany”, ma potrebbe chiamarsi anche “Colazione da Benito”. Dietro al volto perfetto di Audrey, che accoglie i clienti nel locale di via San Bernardino, ci sono bandiere della X Mas, le scritte “Duce” sulle tovagliette, il calendario di Mussolini e tanti altri souvenir nostalgici.

Più informazioni su

Il bar si chiama “Colazione da Tiffany”, ma potrebbe chiamarsi anche “Colazione da Benito”. Dietro al volto perfetto di Audrey, che accoglie i clienti nel locale di via San Bernardino, ci sono bandiere della X Mas, le scritte “Duce” sulle tovagliette, il calendario di Mussolini e tanti altri souvenir nostalgici. Che il proprietario Vinicio Morzenti sia fascista non c’è dubbio. E non fa nulla per nasconderlo. Lì si svolgono anche alcune riunioni di Casa Pound, che evidentemente si trova a casa.

Per Francesca, nostra lettrice, si tratta di apologia di fascismo.

“Volevo portare alla vostra attenzione una situazione piuttosto fastidiosa in via s. Bernardino, dove abito. Una mattina tornando dall’ospedale con mia madre ci siamo fermate a prendere un caffè al bar "Colazione da Tiffany". Quello che mi si è presentato davanti agli occhi è stato del tutto inaspettato: pensavo di essere entrata in un bar del partito fascista! Busti di Mussolini, bandiere della Decima Mas, addirittura sul menù c’è il panino "Almirante" !

Io molto imbarazzata verso mia madre (che ha combattuto contro il fascismo) l’ho fatta uscire e abbiamo cambiato bar.

Mi chiedevo: è mai possibile che nel 2015 esistano ancora queste cose?

E’ mai possibile che nessuno metta dei limiti? Fino a prova contraria, l’apologia di fascismo è reato! La costituzione ce la siamo dimenticata? Vi invito ad andare a vedere con i vostri occhi, io sinceramente sono rimasta basita! Grazie per il lavoro che svolgete”.

Cordiali saluti

Francesca

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da oreste

    conoscevo il bar prima dell articolo e mi vien da ridere per questi antifascisti che vivono su un altro pianeta perchè il bar è sempre stato frequentato e lo è anche adesso in maggioranza da molti immigrati di ogni nazionalità ..provare per credere

  2. Scritto da Patrizia Colombo

    Allora quando vado dal tabaccaio e vedo le sigarette del “Che” faccio casino anch’io…

  3. Scritto da DIEGO

    Cara signora,cosa ne dice dei vari circoli del dopolavoro targati di sinistra? ma questi con le foibe non centrano nulla o ricordiamo solo quello che ci fà piacere a seconda del nostro schieramento politico? magari tornasse il Duce !

  4. Scritto da Tiffany

    Cara Sig Francesca mi ha fatto sentire un nuovo meniu dei mei panini.sono passati in tanti ha chedermi dove la visto sula mia lista un panino Almirante ? E POI SE NN E UN SECRETO ,Come SE FA QUEL PANINO FAMOSO. ALLA PROSSIMA LISTA SARÀ ANCHE IL PANINO …CARA FRANCESCA .

  5. Scritto da sirc

    la prossima volta cara signora non ci entri piu in quel bar ,se non le aggrada vada dai comunistoidi . o dai preti .amen

  6. Scritto da Giuseppe

    L’ignoranza totale della storia, la superficialità nel giudizio, l’ottusità nella valutazione ed il fascismo che emergono da molti dei commenti sono quasi più infamanti della vergogna di quel bar.

  7. Scritto da filippo

    A parte tante farneticazioni, vorrei far presente che lavarsi la bocca con “apologia” di qua e “apologia” di la è molto superficiale : l apologia si ha quando si tenta di ricostituire il partito fascista oazioni simili.

    I portatori di democrazia dimenticano spesso che la democrazia lascia spazio alle opinioni e ai ricordi, ma, sempre i portatori di democrazia, vorrebbero imporre la censura sugli ex censuratori. Chiaro no?

    1. Scritto da carlo

      Filippo, lei sbaglia. L’apologia di fascismo di ha anche quando si esaltano principi o esponenti del fascismo.

      La legge n. 645/1952 (legge “Scelba”) chiunque pubblicamente esalti esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche.

      http://www.uonna.it/legge-scelba.htm

      1. Scritto da Sebastian

        ma chi ha deciso che il pensiero fascista è illegale ??? I COMUNISTI! E chi ci ha portato piano piano alla rovina sociale ??? I COMUNISTI!
        Leggete la STORIA per bene e vedrete che il fascismo forse oggi ci vorrebbe davvero.

  8. Scritto da Giuseppe

    L’ignoranza totale della storia, la superficialità nel giudizio, l’ottusità nella valutazione ed il fascismo che emerge da molti dei commenti è quasi più infamante della vergogna di quel bar.

  9. Scritto da voltaire

    E lo spettacolo serale offerto dalle prostitute in mutande da Bergamo a Boltiere e i tossici o ubriachi che si fanno ed urinano davanti a tutti nel piazzale della stazione, gentile Sig.ra Francesca,non sono forse più diseducativi ed urtanti?

    1. Scritto da Emanuele

      Ed i marò? Nessuno pensa ai marò?

    2. Scritto da Matteo Turrisi

      E i Marò?

    3. Scritto da Diderot

      Benaltrismo, benaltrismo ovunque. E le trans in orbace e manganello? Quelle la passano liscia?

      1. Scritto da voltaire

        qui il benaltrismo non c’entra, chieda aglia abitanti di osio sotto se sono più infastiditi da quel bar o da quello che gli capita sottocasa; noi possiamo scegliere se frequentare quel bar o meno,loro da anni si sentono ripetere che la legge italiana non consente interventi risolutivi nei confronti della prostituzione e se permette io preferisco le trans magari in orbace ma in case chiuse.

        1. Scritto da paride

          no voltaire. questo è benaltrismo puro. perchè l’argomento era il bar fascista, non le prostitute sotto casa. e comunque pensi a quelli che vivono in guerra, gli chieda se sono più infastiditi dalle prostitute di orio o dalla guerra? giusto per sottolineare cosa significa benaltrismo.

  10. Scritto da Ein Audi

    Tutte le città italiane hanno palazzi, decori, fregi, sculture, affreschi, quadri, fontane, quartieri dell’epoca mussoliniana. Il centro di Bergamo ne è uno splendido esempio. I cimeli pubblici mussoliniani si studiano nelle facoltà universitarie e nella storia dell’arte. Perché questa agitazione per qualche cimelietto del ventennio al bar? Non si dimentichi che il progetto Repubblica, vincitore nel nord Italia nel referendum del ’46, riapparve alla ns storia nella tragica RSI.

    1. Scritto da mauro

      i palazzi ,i decori e i cimeli sono oggetti che possono servire anche a memoria deggli orrori e crimini fascisti..il padrone del bar invece è una persona in carne e ossa e certe azioni sono contro la costituzione, son reati.

      1. Scritto da sirc

        come i centri sociali comunisti ..allora eliminiamoli ..va bene ?

      2. Scritto da sirc

        come i centri sociali comunisti ..allora eliminiamoli ..va bene ?

      3. Scritto da Ein Audi

        I luoghi dell’esecrazione dei crimini fascisti sono ben altri che il bar di Broseta. Alcuni? Il Ghetto, l’edificio di via Tasso e le Fosse Ardeatine a Roma, la risiera di San Sabba a Ts, lo stalag di Fossoli, Villa Triste a Fi, l’albergo Regina a Mi, e a Bg il Collegio Baroni, il Lazzaretto, la caserma della Milizia, la lapide in Rocca ai ns Ebrei sterminati, la lapide in FS dei ns operai deportati. E tutte le lapidi alle vittime in Italia e nelle nazioni aggredite. Siamo seri!

    2. Scritto da Marco

      Qualsiasi dittatura anche la più sanguinaria ha lasciato splendidi palazzi e piazze, mentre gli scagnozzi di regime massacravano, stupravano, depredavano gli oppositori, gli architetti ottenevano grandi commesse per opere pubbliche. La reggia di Versailles è splendida, ma il popolo francese fece giustizia di decenni di oppressione con una rivoluzione. Inoltre la RSI fu dittatura, sfruttamento, deportazione di cittadini italiani verso i campi di concentramento, assassinii,altro che repubblica!

      1. Scritto da Ein Audi

        …. e del Polaresco, già sede della Milizia, che ne fa, macerie?

      2. Scritto da Ein Audi

        Qui si sta parlando dell’attuale Repubblica Italiana e della sua ambiguità con i residuali della Storia nazionale attinenti i vent’anni di Regno ad esecutivo plebiscitario fascista. Trova lei una logica che in Bergamo città vi sia un Tribunale, il Palazzo della Rivoluzione fascista, le Poste centrali, lo Stadio Brumana, la Casa Gil, il Centro Piacentiniano, la Casa dei Combattenti e Reduci, la Torre dei Venti, gli Uffici Statali e ce la si prenda con un bar dalle stoviglie vintage?

  11. Scritto da beppe

    io dico che ad oggi con tutto il casino politico, con tutta la gentaglia che arriva nelle nostre coste,un Mussolini ci voleva, tutto questo casino non ci sarebbe stato

  12. Scritto da Marco

    Il fascismo soprattutto qui al nord con la RSI si e’ reso responsabile di crimini di massa efferati. Aprire un pubblico esercizio con i simboli di tale regime non dovrebbe essere consentito. Il fascismo ha coperto d’infamia il tricolore.

  13. Scritto da tex

    se anche lo sono e non commettono reati qual’è il problema ? reputo che nella realtà sono 1000 volte peggio le merde/fallite/inetti/corrotti del pd

  14. Scritto da Mauro Invernizzi

    PS Ma nel caso la magistratura dovesse ritenere che esporre nel proprio bar ricordi storici non è penalmente illecito, mi aspetto che chi provi fastidio per tali oggetti si limiti ad evitare di frequentare “Colazione da Tiffany”, permettendo la libera espressione di nostalgie di un anziano barista

  15. Scritto da Mauro Invernizzi

    Invece di scannarsi, l’unica cosa -se tanto dà fastidio- da fare è un esposto alla magistratura, che è l’unica istituzione che ha il potere-dovere di verificare se il comportamento del barista integra estremi di reato. Tutto il resto sono parole al vento.

  16. Scritto da Luca Mereu

    anche a Roma c’è un bar fascista con addirittura i busti di Mussolini in giro per il bar. In via dei colli della Farnesina, stadio olimpico, in basso alla strada. Una vergogna. Anche io credo che apologia del fascismo sia anche questo

  17. Scritto da Fazione

    L’Italia è sempre quella: Guelfi e Ghibellini. Fascisti, o definiti tali coloro che vedono in quel regime passato qualcosa di buono, e comunisti, o antifascisti (che fa lo stesso).
    I numerosi post su argomenti di questo tipo lo confermano.
    Noi siamo un popolo di faziosi: Fascisti, antifasciti. Partigiani e Repubblichini. Clericali, anticlericali. Berlusconiani, antiberlusconiani.
    Lo spirito di fazione per noi è tutto. Basta un ciondolo in un bar per scatenarlo

  18. Scritto da gianrico

    Tutti figli di combattenti contro il fascismo già caduto.

  19. Scritto da miserabili

    Che volete, in fin dei conti la nostra città concede ancora oggi, a 70 anni dalla fine della guerra, dopo 20 anni di dittatura e 20 mesi di guerra civile, la cittadinanza onoraria al Cav. Benito Mussolini. Basterebbe una mozione di un qualsivoglia consigliere e il consiglio comunale dovrebbe almeno assumersi la responsabilità di una scelta motivata. E invece niente, hanno paura delle conseguenze, di perdere un voto o due. Meglio lasciar perdere.

  20. Scritto da stefano b.

    un bar che inneggia a chi ha ammazzato cittadini italiani, giovani, donne, vecchi, lavoratori, democratici, solo per il gusto dell’arroganza e per compiacere il duce mentre loro rimanevano i soliti inebetiti e nulla tenenti, e che inneggia a chi fantasticava di imperi trucidando poplazioni inermi per rubare terre e beni e intascarseli personalmente… un bar con questa gente è meglio chiuderlo per la salute fisica pubblica.

  21. Scritto da Lupo

    Mah…a me darebbe molto ma molto più fastidio un bar con bandiere del Pd, busto di Monti, statua di Prodi, poster di Renzi. Ma anche uno con i tovaglioli di forza italia e il bassorilievo di Sorte. Ma anche uno col grugno di Bossi e Maroni se devo essere sincero…

  22. Scritto da Valerio

    Se la signora si sente infastidita cambi locale, come faccio io non entrando in locali di comunisti, che hanno fatto molto peggio di Mussolini. Vogliamo parlare di Stalin e soci?

    1. Scritto da Leo

      No, resta in italia che di orrori ne sono stati fatti abbastanza.

  23. Scritto da c

    Grazie Francesca per avermi fatto sapere che esiste quel Bar, penso che diventerò cliente abituale.

    1. Scritto da Barbanzok

      Ti aspettano a braccia aperte, manchi solo tu.

  24. Scritto da Tommy

    E non ci scandalizziamo quando vediamo Ernesto Che Guevara! Non penso che nessuno vi obblighi ad entrare

  25. Scritto da anna

    Mi pare che questo bar esista da parecchio tempo, come mai lo vedono solo adesso?
    Se serve tutti perché non lasciarlo vivere

  26. Scritto da corrado

    Meno male esiste un bar del genere ci devo assolutamente andare…cmq nn avrà inventato le pensioni ma ha fatto sempre meglio di tutti i governi avuti fino adesso

    1. Scritto da alberto tadini

      sì, ha soprattutto ammazzato mio zio, fante sul fronte greco albanese.
      è solo un assassino. dei peggiori perchè ha usato lo stato per uccidere.

    2. Scritto da Doctor

      Soprattutto le leggi razziali , il bavaglio alle opinioni , le guerre con centinaia di migliaia di morti , sofferenze inaudite e l’alleanza con hitler . Si faccia curare.

  27. Scritto da Andrea

    Si scandalizzano per cosi poco e non per lo schifo che gira attorno alla stazione.
    Roba da matti

    1. Scritto da Bestie

      Nei campi di concentramento , sui treni per Auschwitz , insieme alle lacrime di migliaia e migliaia di madri, mogli e figli lo dicevano tutti i momenti : “vuoi mettere lo schifo che gira intorno alla stazione ?”

  28. Scritto da il grillo

    Quanto si è patetici… Sappiamo che, salvo poche lodevoli eccezioni, noi italiani siamo sempre stati abilissimi a saltare sul carro del vincitore. PNF più che Partito Nazionale Fascista significava Per Necessità Familiari. E tanti di quelli che hanno cominciato a salutare col pugno chiuso era perché non cadesse il distintivo fascista che ancora avevano in mano…

    1. Scritto da Giuseppe Umberto de weltz

      È’ storicamente provato che i quadri intermedi di Cgil e Pci furono composti da ex fascisti

  29. Scritto da vincenzo

    mi vien da ridere ,tanta gente che commenta la storia del fascismo ,bla bla bla ,ma non vedono l’altro lato cosa ha fatto x il popolo italiano ,esempio colonie ,casa ,lavoro,pensioni ,prima assoluto popolo italiano ,poi gli altri.

    1. Scritto da Gnurantù !

      A parte le pensioni (bufala) , con “le colonie” intendi quelle marine e montane o quel disastro spaventoso di insipienza, aggressività e incapacità dimostrato in africa ? Con “prima assoluto popolo italiano” intendi le centinaia di migliaia di giovani italiani mandati al macello ?

    2. Scritto da vacario

      Applicando il suo metro di giudizio dovremmo concludere che anche Hitler e Stalin hanno fatto qualcosa per il loro popolo. Veda lei

      1. Scritto da Veda Lei

        Anche la Merkel oggi fa qualcosa per il suo popolo: veda lei

      2. Scritto da E basta!

        Basterebbe smettere di blaterale sul passato ventennio, visto che niente di meglio è stato fatto nel welfare.

    3. Scritto da roberta

      Le “pensioni” non sono state nè inventate nè introdotte in Italia da Mussolini. Leggi su wikipedia se non mi credi oppure qui:
      http://francesconetwork.blog.kataweb.it/francesconetwork/2013/01/28/mussolini-non-ha-inventato-la-pensione/

    4. Scritto da Mario

      Giusto per la cronaca, le pensioni di vecchiaia e invalidità ai tempi di mussolini erano già obbligatorie, il duce cambiò semplicemente il nome da cnas a inps

  30. Scritto da coniatore

    Ormai è tutto sdoganato il PD è loro alleato, per Borgo S.Caterina il Comune ha fatto la voce grossa, su questo bar un silenzio assordante.

    1. Scritto da Cc

      Almeno su questo bar non hanno sbagliato

  31. Scritto da Valeria Milesi

    Ma il questore non sta omettendo un dovere d’ufficio, essendo ufficialmente reato l’apologia di fascismo e quindi suo preciso dovere intervenire ?

    1. Scritto da carlo

      la XII norma transitoria della Costituzione Italiana prevede il reato di Apologia del Fascismo, inteso come tentativo di rifondare il Partito stesso. C’è anche una sentenza della Cassazione al riguardo….. non credo che il titolare di un bar che esponga simboli di quel periodo tenti di rifondare il partito…. perchè voi comunisti non cominciate a guardare in casa vostra, magari andando a vedere cosa hanno fatto e stanno facendo tutt’oggi i vostri compagni..?

      1. Scritto da Andrea

        No, la XII norma recita: “È vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista.”
        L’apologia come reato è esplicitamente prevista dalla legge Scelba:
        “chi pubblicamente esalta esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo”
        Sì, è una legge antidemocratica, sì, è una legge fatta dai vincitori, ma mi sembra abbastanza chiara.

      2. Scritto da Cc

        Carlo, uno dei pochi intelligenti. Una piccola precisazione: l’apologia non è nemmeno citata dalla Costituzione, è stata inserita d’ufficio da tale Scelba che nella sua norma di attuazione ha inserito l’apologia, per poi essere allegramente zittito da De Nicola e dall’ art 21 della stessa Costituzione

  32. Scritto da Daniele

    Tutta questa faccenda mi sembra una pagliacciata, indignarsi è giusto ma quel bar l’ho sempre visto pieno di stranieri… fra l’altro è uno dei pochi locali a tenere aperto la notte, e ad avere il doppio listino giorno/notte, roba fuori dal mondo, dal tempo e dallo spazio. Se non sbaglio è anche teatro di litigi e risse per la strada…
    Il fatto che vi siano esposti simboli fascisti penso sia la cosa meno straordinaria di quel posto…

  33. Scritto da pasqualino

    mettere sullo stesso piano fascismo, comunismo, democrazia è folle (ma evidentemente molto diffuso)! sicuramente sventolando questa o quell’altra ideologia, nella storia sono state compiute porcherie inenarrabili. ma se si parla di ideologia, quella comunista predica l'”annullamento della proprietà privata”, la democrazia predica il “potere al popolo”, ma il fascismo prevede la “prevaricazione di uomini su altri uomini”. e non mi sembra paragonabile alle altre. (mi scuso x la sintesi)

    1. Scritto da Potere al popolo

      Potere al popolo come in Grecia?
      Mai sentito che il fascismo prevedeva la prevaricazione di uomini su altri uomini. Di fatto vveniva senza prevederlo, come di fatto avviene nelle democrazie moderne, magari con metodi più subdoli e sottili, vedi appunto la Grecia

    2. Scritto da dancar

      i gulag quindi sarebbero un mezzo per l’annullamento della proprietà privata ? no, sono un mezzo per l’annullamento della persona e delle sue idee.

      1. Scritto da pasqualino

        mi spiego meglio, almeno ci provo, con un esempio: la DC ha governato 50 anni in italia, la gente la votava perchè era a favore della DEMOCRAZIA e della CRISTIANITA’… in realtà buona parte dei governanti DC, sbandierando le belle parole acquisivano consenso e potere, che poi però utilizzavano a loro piacimento. questo è un fatto, ma non va confuso con l’idea di DEMOCRAZIA che, almeno dal mio punto di vista, è inattaccabile. (si, vale anche per PCI, PSI e tutti gli altri)

  34. Scritto da baffo

    La cosa più divertente di tutta questa storia è vedere come i fascisti hanno sempre la schiena dritta: questo bar infatti è sempre frequentato da extracomunitari…

    1. Scritto da Faccetta Nera

      Un vero bar fascista non dovrebbe far entrare gli extracomunitari!!!

  35. Scritto da Olmo

    Perfettamente daccordo con Vincenzo. Ignoranti sono coloro che pensano che il fascismo sia una idea politica come tante altre! ! Probabilmente non sanno i lutti e gli orrori che questo ha portato !! Peccato per bergamo…..ultimamente più che di ignoranti sembra proprio che si tratti di “rigurgiti” di fascismo vero e proprio.

  36. Scritto da Fabri

    Beh dov’è finito il preteso orgoglio dei fascisti, se adesso vi nascondete dietro la gonna della costituzione?
    Che è poi la stessa Costituzione scritta dagli altri per rimediare ai danni fatti da mussolini.
    Non potreste fare invece gli uomini adulti e scrivere se il vostro fascismo porta dei contenuti?

  37. Scritto da Timoteo

    Nel 70° dalla Liberazione dal nazzifascismo solo qui in Italia dove il fascismo é nato,possono accadere fatti di questo tipo. VERGOGNA!

  38. Scritto da ziovittorio

    Speravo che certe cose fossero ormai invece sono morto invano..

  39. Scritto da simona

    E’ vietata la ricostituzione del partito fascista, non pensare che il fascismo era bello o esporne immagini e simboli. Fascisti sono quelli che vogliono tappare la bocca agli altri, come la mittente della lettera. Art. 21 della Costituzione: “Tutti hanno il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione”. Fa paura il livello di cultura democratica dei cittadini italiani, o forse va chiamata schiettamente ignoranza

  40. Scritto da luca

    mettere due statuine di Mussolini e due tovaglioli con l’Aquila Romana NON è APOLOGIA DI FASCISMO E QUINDI NON è REATO! altrimenti dovrebbero arrestare e condannare tutte le aziende che producono mezzi busti, statuine, anelli in ricordo del Fascismo. Poi ognuno ha le sue idee e fa quello che vuole!!!!! A me personalmente non piacciono i centri sociali, eppure non credo che debbano essere chiusi! Semplicemente non ci vado!

  41. Scritto da seliconosci

    la denuncia della lettrice serve a chi come me, non ha voglia di entrare in un bar dove fanno sfoggio di simboli politici siano essi di destra o di sinistra, bianchi, rossi o neri. Che poi sia reato su questo non vi e’ alcun dubbio, ma siamo nel paese dove invece di richiedere la punizione additiamo chi ne ha commesso uno piu’ grande per evitarla. Di sicuro io e tanti altri eviteremo questo baretto

  42. Scritto da vincenzo

    ma vergognatevi! esaltare ste delinquenti, leggetevi la storia, che vigliacci sono stati, che lutti hanno portato nelle famiglie qui in italia, e questa l’educazione che danno nelle scuole della repubblica?, se i funzionari pubblici non sanno far rispettarei i principi della costituzione cambino mestiere, se fosse stato contro la chiesa ho contro il vaticano , neanche un ora sarebbe durata sta vergogna,ORA E SEMPRE RESISTENZA

  43. Scritto da 1945-2015

    La guerra è finita da 70 anni e continuate a menarla con sto fascismo ??? ma siete ridicoli, andate al pacì paciana a prendere il caffè !!!

  44. Scritto da Basta evitarlo

    Bene saperlo, sono un liberista e gli estremisti mi fanno ribrezzo. Basta non andarci più in questo barettino e poi vedrete come cambieranno subito arredamento. Mancanza di rispetto per la clientela. Dovrebbero mettere fuori i simboli prima che la gente entri

  45. Scritto da romolo catenacci

    specialità della casa : caffè corretto con olio di ricino ….

  46. Scritto da Luis

    A me il fascismo fa schifo, perché è una ideologia totalitaria che vuole imporre le proprie idee su quelle degli altri con la violenza e non con il dialogo democratico. La stessa ragione per cui mi fa schifo anche il comunismo, amo la libertà e rispetto chi lotta per mantenerla. Per cui, non mi fanno paura 2 bandiere e 4 tovaglioli, piuttosto mi fanno ridere…

    1. Scritto da rino

      continua a soffrire con i politici attuali, e paga ……masochista

  47. Scritto da Francesco

    Uno si traveste da nazista dell’Illinois per manifestare il suo disappunto e lo portano in questura per apologia di fascismo, mentre un locale che davvero promuove ed esalta qualcosa che, checché se ne dica, è e rimane incostituzionale, viene lasciato stare e anzi difeso a quanto mi sembra di leggere dai commenti all’articolo…
    Evidentemente anche a Bergamo è più comodo girarsi dall’altra parte piuttosto che far rispettare la legge quando non si tratta di queste cose.

    1. Scritto da Belotti

      Belotti è stato portato in caserma con la scusa di apologia del fascismo, in verità si è trattato di evitare che qualche sentinella gli rompesse la faccia (come hanno tentato di fare, cosa ben nascosta dai giornali)

  48. Scritto da claudio

    Fa male? Non fa male? È un reato punto e va perseguito. Stop

  49. Scritto da Andrea

    A Oltre il Colle,al bar Pier,dell’omonimo,
    da oltre trent’anni fa sfoggio nel suo locale di questi souvenir,non ha mai fatto danni n’è tanto meno creato sommosse,a differenza di chi si nasconde dietro il buonismo e a ridotto l’Italia nelle condizioni attuali.
    Credo che le cose di qui indignarsi siano ben altre.

    Andrea

    1. Scritto da 2

      La tua è apologia della sgrammaticatura : da ergastolo.

    2. Scritto da Daniele

      Se leggo ancora la parola “buonismo” in qualche risposta impazzisco.

    3. Scritto da Simone

      Sì, come ad esempio il tuo italiano

  50. Scritto da dan

    Che vi piaccia o no il fascismo a causa di tutto il sangue e dolore che ha seminato in Italia è bandito dalla costituzione che è la madre della legge. I motivi non sto qui a spigarveli se non li sapete basta scrostare un po la voatra ignoranza storica cito solo leggi razziali confini carcerazioni politiche torture. Se fossimo stati in un regime simile e non nella nostra criticata Democrazia tanti commenti che ho letto sarebbero stati duramente puniti con botte e olio di ricino. Meditate gente

    1. Scritto da Il Conte

      …se fossimo invece stati in un regime comunista un colpo alla nuca non ce l’avrebbe tolto nessuno. Piazza Tienanmen anno 1989 ti dice niente?
      « La sera del 3 giugno ero nel cortile di casa insieme ai miei familiari quando udii una fitta sparatoria. La tragedia che avrebbe sconvolto il mondo stava iniziando. » Zhao Ziyang
      i miei ossequi
      Il Conte

      1. Scritto da Giovanni

        … Fatto sta peró che l’infamia dell’Italia è stata il Fascismo, e visto e considerato che di Italia e legge italiana si parla, e la ferita deturpante che portiamo quella rimane: il Fascismo, con buona pace della Cina da lei citata…
        Ossequi Giovanni

  51. Scritto da oscar

    e si sono questi i problemi dell’Italia mica la disoccupazione, l’invasione, l’Europa delle banche + altro

    1. Scritto da Mauro

      Puoi specificare altro?!
      E’ ora di fermare questa invasione, riportiamo a casa i mercenari dall’Afghanistan!
      Quella è un’invasione, o al massimo quella delle formiche nella tua credenza!

  52. Scritto da [cit.]

    Colazione da tafani

  53. Scritto da Che noia

    Ma con tutti i problemi recenti che ci sono c’è ancora gente che sta li a guardare se uno è nostalgico o meno? Ma vivetevi la vostra vita e lasciatela vivere agli altri che tanto il fascismo non torna se uno mette una bandiera o mette un mezzo busto o qualsiasi altra cosa.. fate ridere..

    1. Scritto da Bergamasco

      Ci fosse ancora mio suocero che ha passato due anni in campo di concentramento ed è rientrato in Italia a settembre del 44, ti darebbe il bastone sulla zucca ( vuota mi pare)!

      1. Scritto da branks

        Tuo suocero se ha trascorso due anni nei campi di concentramento non può essere tornato nel ’44….. a meno che non abbia optato a favore della RSI.
        I militari internati nei campi di lavoro nazisti sono rimasti nei campi di concentramento proprio per rifiutarsi di servire il nazismo e il fascismo repubblichino.
        Anche mio nonno fu tra i 600000 che dissero “no” e restarono fedeli al loro giuramento al Regio Esercito.
        Studiate la storia….

      2. Scritto da vacario

        non arrivare a tanto: offrigli un bicchiere di olio di ricino….

  54. Scritto da imbarazzanti

    I commenti a questi articoli sono sempre più imbarazzanti..
    Più imbarazzanti addirittura del bar in questione.
    Dare dei “4 gatti” ai partigiani non è sintomo di molta intelligenza.
    Studiate per favore, studiate.
    E il fascismo lasciatelo lì, per favore

  55. Scritto da Sergio Comi

    Libertà di pensiero e stampa, anche se collegati al passato,altrimenti non c’è democrazia. Quando si parla di storia si evidenziano solo i lati oscuri del ventennio. Se siete acculturati sapete anche che, prima della guerra, nel ventennio sono state fatte riforme che, ancora oggi, gli italiani ne godono i benefici. Leggete le 100 riforme e rimarrete di stucco. Non tutto è da condannare.

    1. Scritto da bassaiolo

      saranno state anche riforme , ma di contro basterebbe ricordare l’infamia delle leggi razziali e dell’alleanza con Hitler

    2. Scritto da samuele

      quali riforme…me le elenca per favore?detto questo,non credo che temere cimeli in un locale,seppure di un ventennio non memorabile,sia sto gran reato!!!

  56. Scritto da Adriano arizzi

    Io penso che se da’ fastidio si risolve uscendo dal bar……….sappiamo tutti che anche i comunisti hanno fatto cose indicibili e continuano a livello politico a farle ….eppure le feste dell’unità o pd sono ancora piene ……dove sta’ la verità???? Ognuno sa’ la sua

  57. Scritto da Maurizio

    Ma l’ avete mai letta veramente la legge Scelba, su apologia al Fascismo?
    Se ci fosse apologia al Fascismo il movimento fascismo e libertà non si sarebbe mai potuto presentare alle elezioni con un fascio littorio.

  58. Scritto da Barba

    Tanti bar espongono cimeli, non c’è nulla di strano. Sono cimeli, cosa c’entra l’apologia del fascismo?!?

  59. Scritto da Luis

    Dopo la guerra civile e la liberazione, i 40 milioni di entusiasti fascisti sono diventati tutti entusiasti democratici, nella più fulgida tradizione italiana di opportunismo. Poi dopo 70 anni di retorica abbiamo ancora chi si scontra in nome di ideologie fallite, perché anche se non è reato l’apologia del comunismo alla Stalin e Mao non fa meno ribrezzo e orrore di quella per Mussolini ed Hitler…forse ogni tanto si dovrebbe studiare un po’ di storia in più!

  60. Scritto da Tone

    Francesca ha ragione. Non sapevo dell’interno così tristemente nostalgico, ma visto dall’esterno sembra squallido, con quella vetrina rotta. So che il prossimo inverno il titolare e alcuni clienti partiranno per la Russia, a piedi con vestiti non adeguati alle temperature, per ripercorrere i fasti del ventennio e rivivere sulla propria pelle quello che il fascismo ha fatto provare ai poveri soldati nella seconda guerra mondiale: di 57.000 alpini che partirono, ne tornarono solo 11.000.

    1. Scritto da Barba

      Per chiarire, i soldati in Russia non li ha mandati il “Fascismo” ma il governo italiano perché l’Italia era in guerra. Lo stesso governo per cui la stramaggioranza degli italiani si radunava nelle piazze!

      1. Scritto da Fabio

        Scusa ma chi era al governo in quegli anni?!? A giá i fascisti.. E poi basta parlare delle riforme del fascio, e certo che di leggi giuste ne hanno fatte, e altrimenti come potevano ottenere il consenso del popolo?? Ma voliamo parlare delle leggi raziali? Della dichiarazione di guerra e l’invio delle truppe totalemente sfornite di supporti logistici? Dei generali che combattevano ancora come se fosse “la grande guerra”?? Della totale mancanza di democrazia che il governo Mussolini ha instaurato

        1. Scritto da Barba

          Ma quelli come lei, esperti strateghi militari, raffinati economisti e fervidi sostenitori della democrazia dov’erano? Mi pare che foste tutti, nessuno escluso, vestiti da balilla o da arditi nelle piazze delle città e dei paesi ad ascoltare i discorsi del Duce. E se non c’eravate tenevate la tessera del partito nel comodino! Quindi se gli errori sono stati fatti li ha fatti l’Italia tutta, anche quelli che hanno cambiato casacca dopo l’8 Settembre.

          1. Scritto da Daniele

            Veramente io non c’ero, la tessera del partito non tutti l’avevano e l’iscrizione all’opera nazionale balilla era praticamente obbligatoria.
            Come vedi non è che i democratici avessero grandi spazi di manovra.
            Ah, per la cronaca: mio nonno è uno di quelli che cambiarono casacca, e noi siamo felici della sua scelta. Gli bastava fare il contadino, l’hanno mandato in Grecia a farsi sparare addosso e a morir di fame e itterizia.
            Io eviterei di parlare di responsabilità “dell’Italia tutta”.

          2. Scritto da Barba

            A suo nonno gli bastava fare il contadino? Ha detto tutto. Secondo lei al contadino inglese non sarebbe bastato fare quello? Al cow boy americano? Al vignaiolo francese? E a quello giapponese o tedesco? Purtroppo si creano delle situazioni tragiche che vanno affrontate, non basta dire: mi sarebbe tanto piaciuto fare il contadino…

          3. Scritto da Assorèta

            “purtroppo si creano delle situazioni che vanno affrontate” tipo l’invasione dei Sudeti, della Polonia, della Francia ecc ecc ., cosucce che possono capitare a chiunque e che quindi vanno affrontate . A chi non è mi capitato di invadere il belgio ? Neh ?

          4. Scritto da Tone

            Giusto per informarti. Ammettiamo anche che tutto il popolo volesse andare in guerra (cosa non vera perchè il governo non era stato eletto dal popolo), sai chi ha causato la morte per congelamento di migliaia di alpini trattenendo in Italia il vestiario pesante necessario per le temperature russe? I gerarchi fascisti, che rivendevano vestiti e scarpe al mercato nero.

      2. Scritto da Sére

        Ma per piacere!!! Vabbè che fa caldo… e ammesso pure che sia possibile arredare locali con pessimo gusto; almeno non si provi a minimizzare le responsabilità del fascismo per quanto riguarda il coinvolgimento e la condotta dell’Italia nella II G.M. // QUESTO NON E’ RAGIONARE, PIUTTOSTO E’ UNA IGNOMINIA, UNA VERA VERGOGNA! Anche per quei neofascisti che ancora dopo 70anni ne portano con fastidio il peso!

        1. Scritto da Barba

          La responsabilità del fascismo è stata la responsabilità degli italiani, che piaccia o no. Non basta, caro signore, voltare la casacca quando il vento gira e spacciarsi per antifascista. Il governo italiano è stato per 20 anni fascista con il beneplacito, la soddisfazione, l’ammirazione e il sostegno di tutti gli italiani. L’ignominia e la vera vergogna è la faccia di bronzo di quelli che oggi si scandalizzano di ciò che è stato e che, ovviamente, non tornerà mai più!

          1. Scritto da Sére

            No signor Barba! Bisogna bandire i “voltagabbana” ma anche quelli che “girano i bimbi nella culla” (in bergamasco: “chi che ulta i pìpi, ‘ndà cùna!”): il potere è stato preso dal Regime e MALISSIMO lo ha impiegato. La responsabilità fu del Regime. Quanto a dire che TUTTI gli italiani appoggiavano il fascismo, bandirei pure quelli che che volendo generalizzare, finiscono col dire generiche …castronerie! Il sonno della ragione, genera mostri: potrebbero tornare se non vegliamo!

          2. Scritto da Barba

            Eh no, troppo comodo essere fascisti finché fa comodo e poi diventare antifascisti quando non fa più comodo. Le responsabilità sono di tutti. Detto questo, aver paura di ciò che fu 70 anni fa dimostra proprio che ciascuna famiglia italiana ha fior di scheletri nell’armadio. Li toglierà solo quando in Italia ci sarà un Viale Benito Mussolini e nessuno ci farà caso perché parte di un passato remoto!

          3. Scritto da Sére

            Mai stato fascista, anche perché son nato ben dopo, ma chi si ritiene fascista (neo-), perché insieme agli osanna al Duce, fa invece fatica ad ammettere le enormi, palesi e quindi innegabili responsabilità nella preparazione e partecipazione alla II G.M.? Forse E’ TREMENDO ammettere di aver fatto di autoritarismo, nazionalismo e militarismo, il proprio criterio di comando assoluto per vent’anni, x sfociare poi il tutto nella più tragica delle sconfitte mai subite dall’Italia!!! VERGOGNOSI!

          4. Scritto da Daniele

            Ci sarebbe da dire che è troppo comodo anche raccontare la storia saltando le pagine. Mussolini prese l’incarico di governo dal re in seguito alla marcia su Roma, cioè un atto di forza squadrista, il partito fascista forzò l’approvazione della legge Acerbo che sanciva il premi di maggioranza al 25% e controllando in conseguenza di ciò il parlamento consolido il proprio potere pressoché assoluto. Non fu esattamente il plebiscito che descrivi tu, caro barba.

          5. Scritto da Barba

            Non confondiamo le acque. La famose adunate oceaniche, la gente in piazza e gli italiani tutti (la stragrande maggioranza) a sostenere il governo dell’epoca c’erano. Che poi per alcuni sia stato spiacevole doverlo ammettere è un altro discorso.

  61. Scritto da Venanzio

    In una Italia dove esistono vie coi nomi…Lenin

    1. Scritto da Barba

      Se è per quello ci sono non solo vie intitolate a Lenin che già… c’entrano poco ma addirittura a Stalin. Questa è la vera vergogna dell’Italia: i rappresentanti dei governi nazionali e locali che esaltano personaggi inutili come Lenin o sanguinari come Stalin. Altro che il bar di proprietà di un privato che espone due cimeli in libera vendita!

      1. Scritto da Daniele

        Non è esaltazione, quelle vie sono state intitolate a Lenin o Stalin in periodi e luoghi molto particolari, prevalentemente in Emilia nei primi anni del secondo dopoguerra. La preservazione dei nomi costituisce la conservazione della memoria di un patrimonio culturale con il quale, oramai, chiunque ha rotto i ponti. Cambiar nome a quelle strade a parer mio servirebbe solo a farci dimenticare una pagina importante della nostra storia.

        1. Scritto da Barba

          Scusi ma quale patrimonio culturale potrà mai ricordare via Stalin? Che gliene frega o è mai fregato a un italiano di Stalin? Capisco via Togliatti o Gramsci ma Stalin e Lenin, che c’azzecca….?

          1. Scritto da sirc

            giusto,,fora dale ball via stalin ..

  62. Scritto da alex

    Credo che se ti disturbava hai fatto bene a cambiare bar…ma poi non puoi pretendere che il bar cambi per te visto che ha un titolare e sulle sue scelte basa le sue fortune o sfortune…anche questa è democrazia. …

    1. Scritto da silver

      Dipende da cosa c’e’ nel bar, faccio un esempio che non ha nulla a che vedere con questo bar, se dentro ad un bar appendono foto di minori nudi per attirare i pedofili a bersi un cicchetto il bar va chiuso perché è contro la legge. Se il bar inneggia al fascismo va chiuso perché è contro la legge. La democrazia ha delle leggi da rispettare quella di cui parli tu non è democrazia, è infrangere le leggi votate in democrazia.

  63. Scritto da apologia de che?

    Io mi chiedo come mai nel 2015 si parla ancora di apologia di fascismo con tutte le porcate che in “democrazia” da 60 anni avvengono.
    Qualche nostalgico ci sarà pure se in Italia c’erano 40 milioni di fascisti all’epoca di Mussolini.Ci sono pure i nostalgici di quei 4 gatti di partigiani.
    E smettiamola una volta per tutte con queste menate.

    1. Scritto da gnurant

      Io mi chiedo come mai nel 2015 ci sia ancora chi non conosce la storia.

      1. Scritto da Cc

        Io mi chiedo come mai nel 2015 ci sia ancora qualcuno che non si prenda la briga di informarsi sul contenuto della legge Scelba e sulla sua interpretazione data non certo da un nostalgico ma dalla corte costituzionale presieduta dal “noto fascista” Enrico De Nicola :”l’apologia del fascismo, per assumere carattere di reato, deve consistere non in una difesa elogiativa”. Qui si tratta chiaramente di difesa elogiativa. Di cosa stiamo parlando ?

        1. Scritto da Parlare a vanvera

          Gli antifascisti dell’ultima ora, quelli che solo loro conoscono la storia, parlano sempre a vanvera, ma non solo loro, purtroppo, pure le generazioni a seguire

    2. Scritto da pablo

      vergogna. non aggiungo altro.

      1. Scritto da Pablo è vivo

        Il padrone non era , poi , cattivo