BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Roma e Treviso residenti in rivolta per l’arrivo di profughi

Dopo lo scontro pesante di giovedì a Treviso dove in un residence con 28 appartamenti di cui 10 abitati da famiglie italiane sono stati portati cento africani che hanno fatto scatenare la rabbia degli abitanti, venerdì matina anche al Casale San Nicola sulla Cassia è scoppiato il finimondo l'arrivo di un centinaio di rifugiati ospitati nel centro di accoglienza allestito in una ex scuola

Tensione, guerriglia, protesta e rabbia a Treviso e a Roma per l’arrivo dei profughi.

Dopo lo scontro pesante di giovedì a Treviso dove in un residence con 28 appartamenti di cui 10 abitati da famiglie italiane sono stati portati cento africani che hanno fatto scatenare la rabbia degli abitanti, venerdì matina anche al Casale San Nicola sulla Cassia è scoppiato il finimondo l’arrivo di un centinaio di rifugiati ospitati nel centro di accoglienza allestito in una ex scuola.

In entrambi i casi i residenti sul piede di guerra sono supportati da Casapound.

A Roma  hanno bloccato la strada. "I rifugiati non li faremo passare ma la polizia minaccia di usare la forza se necessario", dice una cittadina che fa parte del comitato dei residenti. Sul posto numerosi poliziotti e un blindato, i vigili urbani e i vigili del fuoco.

I residenti non fanno passare nessuno e cantanol’inno d’Italia.

La tensione è salita quando un’auto ha sfondato e travolto il blocco dei residenti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alberto

    Da sito ufficiale Regione Lombardia: “Nel 2015 sono già sbarcate sul territorio nazionale 73.912 persone, Le richieste d’asilo esaminate sono state 25.050. Solo a 1.516 persone è stato riconosciuto lo status di rifugiato. In pratica, solo il 6 per cento di chi fa richiesta d’asilo ottiene la protezione internazionale. Gli altri hanno visto respingersi qualsiasi tipo di richiesta o hanno ottenuto forme alternative di protezione.”