BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ortofrutta

Informazione Pubblicitaria

Entra nel vivo la stagione dei frutti di bosco, belli e buoni al mercato

Al mercato ortofrutticolo entra nel vivo la stagione dei frutti di bosco di stagione. Vero e proprio “must” dell’estate, si possono trovare dal fruttivendolo o dall’ambulante coloratissimi e con il loro sapore inconfondibile.

Belli da vedere e buoni da gustare: al mercato ortofrutticolo bergamasco entra nel vivo la stagione dei frutti di bosco.

Vero e proprio “must” dell’estate, sono il prodotto della settimana per la propria spesa dal fruttivendolo o dall’ambulante di fiducia.

Disponibili in una notevole varietà, in questo periodo sono molto richiesti e si possono trovare con origine prevalentemente nazionale a un conveniente rapporto tra qualità e prezzo.

I raccolti, che quest’anno sono stati abbondanti, anche grazie alle temperature elevate, proseguiranno fino ad autunno inoltrato.

Generalmente, i frutti di bosco più richiesti sono i mirtilli e i lamponi: i primi sono meno deperibili, evidenziano una maggior resistenza e quindi sono disponibili a prezzi tendenzialmente minori.

Le more, invece, solitamente, sono meno richieste perchè talvolta possono avere un retrogusto leggermente aspro. Questo, però, è il loro anno: grazie alle elevate temperature, i raccolti sono abbondanti e di qualità particolarmente buona, con una contestuale riduzione dei prezzi.

Anche per i ribes, che in linea di massima vengono meno richiesti sul mercato, è una buona annata: i raccolti evidenziano grappoli bellissimi e completi di tutti gli acini, con quantitativi abbondanti e prezzi conseguentemente vantaggiosi. Ad andare per la maggiore sono quelli rossi, con la loro colorazione accattivante, seguiti dalla varietà nera, particolarmente ricca di effetti benefici per l’organismo, e infine quella bianca, che sembra quasi trasparente.

Nel complesso, mirtilli, more, ribes e lamponi sono ricchi d’acqua, hanno un basso contenuto calorico e si distinguono per il loro sapore inconfondibile, un mix di note dolci e lieve retrogusto acidulo che ne esalta il potere dissetante.

Coloratissimi e gustosi, nonostante le loro piccole dimensioni, sono un vero e proprio concentrato di salute e bellezza. In modo particolare, presentano un abbondante quantitativo di vitamine, soprattutto A, B1, B2 e C, che hanno la capacità di rinforzare il sistema immunitario, produrre effetti protettivi sull’apparato cardiovascolare e favorire la costituzione e il rinnovamento del collagene, la proteina strutturale per eccellenza, che si ritrova in tutti i distretti del corpo, dalla pelle alle cartilagini, dai tendini alle ossa, dai denti ai vasi. Inoltre, questi piccoli frutti contengono sali minerali, tra cui potassio e magnesio, ma anche fibre, utili per regolare l’intestino, aiutare la vista e migliorare la qualità del tessuto epiteliale.

Non mancano, infine, alte concentrazioni di flavonoidi, preziosi antiossidanti per contrastare le degenerazioni cellulari legate ai radicali liberi e all’invecchiamento.

A tavola si possono consumare al naturale, conditi con zucchero e limone o inseriti in un delizioso mix con le fragole.

Ma non solo: in cucina possono essere adoperati facilmente, per preparare svariati piatti, dando sfogo alla propria fantasia. Apprezzati da grandi e piccini, si possono utilizzare per cucinare delicati primi piatti, come il tipico risotto dal sapore raffinato, che riconduce ai sapori del bosco e della montagna; sfiziosi secondi piatti, in cui vengono usati per accompagnare bocconcini di pollo, filetti di manzo oppure pesce, ad esempio spigola, salmone, pesce spada o pesce persico.

Solitamente, poi, i frutti di bosco sono impiegati nella preparazione di macedonie di frutta fresca, yogurt, gelato, marmellate, gelatine, decorazioni e guarnizioni, e dessert, come panna cotta, mousse, torte e cheese cake. In ambito extraculinario, sono utili per preparare prodotti viso e maschere, particolarmente indicati per le pelli sensibili e delicate, con proprietà lenitive volte a proteggere e calmare la pelle irritata o arrossata, migliorandone luminosità e compattezza.

Dando uno sguardo più in generale al mercato ortofrutticolo orobico, continuano ad essere disponibili a un conveniente rapporto tra qualità e prezzo le angurie e i meloni, reperibili prevalentemente con provenienza nazionale. Da annotare, infine, ottime pesche e nettarine, in massima parte con origine nazionale, mentre proseguono i primi arrivi di uva, prugne e susine. Per concludere, per quanto riguarda le verdure, reperibili prevalentemente con origine nazionale, resta conveniente il rapporto tra qualità e prezzo per le diverse varietà di pomodori e insalata, ideali da consumare nella stagione estiva.

La ricetta della settimana a cura delle Amichesciroppate

Millefoglie con frutti di bosco

Ingredienti per 4 porzioni

Una sfoglia rettangolare

2 tuorli 

40 g. di zucchero

200 g. di latte

20 g. di maizena o fecola di patate

Un pizzico di vanillina

Frutti di bosco a piacere

30g. di zucchero a velo per la sfoglia

Zucchero a velo q.b. per decorare

Procedimento

Sfoglia

Ponete la sfoglia sulla placca del vostro forno, tenendo la carta forno in dotazione della sfoglia, tagliatela in quadrati. Coprite la sfoglia con un altro foglio di carta forno e poi appoggiate sopra un’altra teglia un poco più piccola, il peso non permetterà alla sfoglia di gonfiarsi.

Cuocere a 180° per 10 minuti, ora togliete la seconda placca e il primo foglio di carta forno.

Spolverizzate e quadrati si sfoglia con i 30g. di zucchero a velo, alzate il forno a 200° per altri 10 minuti. Le sfogliatine ora sono pronte, lasciatele raffreddare

Crema pasticcera

Sbattete i tuorlo con lo zucchero fino a quando diventeranno belli spumosi (potete utilizzare anche le fruste elettriche), unite la maizena e la vanillina, amalgamante bene gli ingredienti.

Versate ora nel composto il latte bollente e continuate a mescolare, ponete tutto sul fuoco e continuate a mescolare fino a quando non riprende bollore, noterete che la crema inizierà ad addensarsi.

Tolta dal fuoco, trasferitela in una boule e copritela con della pellicola, che farete aderire direttamente alla crema, questo eviterà che si formi una patina.

Ora che sia le sfogliatine che la crema pasticcera sono completamente fredde potrete assemblare il piatto: sfoglia, crema, frutti di bosco, sfoglia, crema, frutti di bosco, sfoglia e per concludere zucchero a velo come se non ci fosse un domani.

Anche oggi il dolce è servito!!

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.