BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Da lista Albatro e Pd sfiducia per il presidente del Consiglio comunale

I consiglieri della lista Albartro e del Partito democratico hanno presentato una mozione di sfiducia contro il presidente del Consiglio comunale di Seriate Giampaolo Volpi. Il documento è stato presentato in seguito alla decisione del presidente di impedire la visualizzazione di alcune foto durante la discussione di una mozione.

I consiglieri della lista Albartro e del Partito democratico hanno presentato una mozione di sfiducia contro il presidente del Consiglio comunale di Seriate Giampaolo Volpi. Il documento è stato presentato in seguito alla decisione del presidente di impedire la visualizzazione di alcune foto durante la discussione di una mozione.

IL COMUNICATO DI LISTA ALBATRO E PD:

“Nella seduta del 29 giugno un fatto imprevisto e grave ha segnato e connotato l’attività del Presidente del Consiglio Comunale di Seriate Giampaolo Volpi. A dispetto del ruolo super partes che gli competerebbe, ha impedito pretestuosamente alla Lista Civica Albatro, uno dei gruppi di minoranza, di corredare la propria mozione sul verde pubblico con materiale fotografico, e così facendo si è arrogato il diritto di privare l’atto di iniziativa politica del sostegno documentale necessario. Evidenziamo che nessun regolamento in vigore vieta ai Consiglieri di argomentare le proprie tesi con l’ausilio di materiale fotografico o filmato, eppure Volpi è stato irremovibile, tanto da costringere il Gruppo Albatro a ritirare la mozione e a lasciare l’aula per stigmatizzare un atteggiamento che ne violava le prerogative istituzionali. Dopo aver messo all’ordine del giorno la discussione della mozione, quella stessa discussione è stata menomata, il tutto nel silenzio della Segreteria Generale.

Come se non bastasse a questo già grave scenario si sono aggiunte le dichiarazioni dell’Assessore all’Ambiente Milesi, che rivendicando la paternità della decisione ha dimostrato di confondere il ruolo di assessore con quello di presidente, che dichiarandosi comunque pronto a rispondere a tutto dimostra di confondere una mozione con un’interpellanza, che opponendosi alla proiezione dimostra di ritenere impresentabile la realtà dei fatti da lui gestita. Davanti a tanta supponenza e inconsistenza da parte di una Presidenza che non li rappresenta e tutela, i gruppi Albatro e PD si trovano costretti a presentare una mozione di sfiducia. In effetti questo è solo l’ultimo atto di scarso rispetto del ruolo di indirizzo e controllo che istituzionalmente hanno tutti i gruppi consiliari.

Eletto per un voto con una forzatura regolamentare (il Sindaco per prassi non avrebbe dovuto votare), Volpi ha disatteso più volte gli impegni presi con le minoranze, come nel caso della mozione sulle scuole pubbliche dell’infanzia presentata dal PD e discussa in ritardo, oppure evitando di convocare per tempo Conferenze dei Capigruppo su argomenti importanti quali bando farmacia, seconda proroga dell’appalto rifiuti, proroga della gestione del centro sportivo… L’episodio dell’ultimo Consiglio, in cui con il suo gesto censorio e scorretto ha impedito un dibattito sul verde pubblico, ha inasprito il confronto e ha privato la discussione posta in modo sereno e costruttivo dalle minoranze di un contributo utile ai consiglieri tutti, e su un argomento importante e sentito dalla cittadinanza.

Non è possibile accettare in silenzio una Presidenza arrogante che crede di ricoprire un ruolo politico legato alla maggioranza e non di carattere arbitrale. Basta prevaricazioni, per questo i gruppi di Albatro e PD si sono adoperati affinché l’avvicendamento di Volpi sia discusso in Consiglio Comunale entro venti giorni. I due gruppi, qualora non venissero presentate le dimissioni di Volpi sono pronte ad altre azioni”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Paolo

    Eletto di straforo e mai super partes.
    A casa – giusto così !!!