BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Astino fa rima con Vino All’ex monastero i Sauvignon Blanc d’Italia

Ad Astino, all'interno della rassegna Camminare La Terra, comincia il ciclo di degustazioni Seminario Veronelli Premium Wine Tasting riservato ai migliori Sauvignon Blanc d'Italia

Più informazioni su

‘Française et sauvage’ – ovvero francese e selvaggio – proprio per le sue origini di pianta autoctona del sud-ovest della Francia. Stiamo parlando del sauvignon blanc, uno dei vitigni a bacca bianca più apprezzati al mondo, che mercoledì 15 luglio alle 20.45 sarà protagonista del primo appuntamento Seminario Veronelli Premium Wine Tasting: un ciclo di degustazioni pensato a fianco della mostra Camminare la Terra per proporre la cultura gastronomica "secondo Veronelli", a cura del Comitato Decennale Luigi Veronelli, del Seminario Veronelli e delle Cantine di Astino.

Con il suo inconfondibile profilo aromatico, il sauvignon blanc è un vitigno che sa regalare "emozioni forti" grazie alle sue note vegetali di salvia e peperone verde, agli aromi floreali che spaziano dalla rosa al più acuto sambuco, supportati da un frutto consistente e maturo come il frutto della passione, gli agrumi e la banana.

Per la degustazione sono stati selezionati dal Seminario Veronelli nove pesi massimi; nove grandi Sauvignon scelti tra i migliori punteggi assegnati dalla Guida Oro I Vini di Veronelli: Vie di Romans, Venica&Venica, Falkenstein, Cantina di Terlano, Villa Russiz, Gini, Produttori Colterenzio, Specogna e La Vis sono le aziende chiamate a contendersi le preferenze nell’eterna sfida tra terroir: Friuli Orientale e Sud Tirolo in prima linea, ma anche qualche coraggioso e ben preparato outsider.

A condurre la degustazione il responsabile della didattica e della formazione Andrea Alpi, in compagnia del direttore del Seminario Permanente Luigi Veronelli. Al termine della sessione d’assaggio, lo chef Massimo Passetti proporrà due piccole creazioni d’alta cucina per esaltare, giocando con gli abbinamenti, la versatilità dei vini.

Costo della serata: 40 euro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Holy Vetan

    propongo un sequel nello spirito monastico del luogo: approccio alle grappe da meditazioe, Sant’Antonio abate e le nuove tentazioni della carne, fumo d’incenso e fumo da pipa, storie di maghi, streghe ed erba prodigiosa, dall’alambicco dei semplici alla Big Psicopharma……

  2. Scritto da Rina

    e per i poer marter gnà ol panì e u bicer de Vì

  3. Scritto da darioflautista

    perché non 50€ a questo punto… alla faccia del patrimonio artistico della città, stanno trasformando Astino in un clubbettino di snob