BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

I giovani di Horus Dynamics: coi droni non giochiamo e l’Enac ci riconosce fotogallery

Nata a fine 2014 su iniziativa di un gruppo di giovani imprenditori bergamaschi, tutti under 30, la Horus Dynamics è specializzata in droni e dispositivi a pilotaggio remoto: dalla semplice ripresa aerea a più sofisticati rilievi ispettivi, si rivolge sia a privati che ad aziende di qualsiasi settore, mettendo a disposizione servizi e prodotti, sviluppabili anche su precisa richiesta del cliente.

Più informazioni su

Nata a fine 2014 su iniziativa di un gruppo di giovani imprenditori bergamaschi, tutti under 30, la Horus Dynamics è specializzata in droni e dispositivi a pilotaggio remoto: dalla semplice ripresa aerea a più sofisticati rilievi ispettivi, l’azienda basata in via del Guerino a Bergamo si rivolge sia a privati che ad aziende di qualsiasi settore, mettendo a disposizione servizi e prodotti, sviluppabili anche su precisa richiesta del cliente.

Una storia di successo che è decollata in pochissimi mesi, fino al riconoscimento da parte di Enac che pongono la Horus Dynamics dell’amministratore Francesco Quarenghi Vaj e del direttore generale Alessandro Onger in una posizione privilegiata in un settore che sta diventando affollato.

Francesco si è laureato in Relazioni Internazionali alla LUISS di Roma, specializzandosi in Tecniche del Negoziato Internazionale e area turcofona: i brillanti risultati di alcune ricerche sui droni in ambito militare lo hanno convinto delle enormi possibilità in quello civile.

Alessandro ha invece un profilo più tecnico, essendo entrato da giovanissimo nel mondo del modellismo e già da cinque anni in quello dei droni, conosce perfettamente tutte le apparecchiature: tutto il personale, poi, è dotato di Brevetti e abilitazioni necessarie richieste dalla normativa del volo.

Dalla passione al business: come nasce la Horus Dynamics?

L’azienda nasce, dopo un intenso lavoro preparatorio, dalla passione condivisa di un gruppo di giovani imprenditori bergamaschi, decisi a credere ancora nelle potenzialità del nostro Paese. La nostra formazione multidimensionale, in vari ambiti, ci ha permesso di cogliere la sfida di un settore nuovo e ancora sconosciuto ai più ma dalle enormi potenzialità che ci vengono confermate quotidianamente dai risultati.

Cosa fate esattamente e quali sono i settori principali ai quali vi rivolgete con i vostri servizi?

La nostra azienda si affaccia sul mercato di droni(APR) con l’intento di consolidarsi come una risposta efficace alla domanda, di tecnologia avanzata, da parte di privati, imprese ed Enti. Le soluzioni offerte dai nostri servizi, dalla semplice ripresa aerea, ispettiva, a rilievi fotogrammetrici catastali avanzati, fino allo sviluppo di prodotti ad hoc, consentono una valorizzazione dei beni dei clienti e il monitoraggio delle strutture sul territorio, permettendo di incrementare la produttività favorendo l’adattamento dei sistemi al ritmo di crescita delle aziende. Allo stesso tempo si acquisiscono le conoscenze necessarie per reagire con rapidità a un mondo in continua evoluzione, garantendo uno sviluppo rapido rispetto alla concorrenza globale.

Avete già lavorato anche con pubbliche amministrazioni?

In passato i nostri piloti hanno lavorato spesso con Comuni e Pubblica Amministrazione, ma da quando è entrata in vigore la normativa Enac abbiamo preferito fermarci piuttosto che violare le regole. Oltre ai brevetti dei piloti è stato necessario anche scrivere dei manuali molto dettagliati sui nostri droni e sulle procedure di sicurezza, basti pensare che il materiale supera le duecento pagine per dispositivo. Riteniamo tuttavia che la normativa sia utile, in particolare perchè tutela le persone imponendo una copertura assicurativa. Il fenomeno dell’abusivismo tuttavia è ancora molto diffuso nel settore ed è un rischio spesso sottovalutato. Ora però tutti i nostri dispositivi sono riconosciuti e potremo tornare a regime: nel frattempo ne abbiamo approfittato per sviluppare prodotti dedicati al settore che a breve usciranno sul mercato.

Avete già avuto richieste particolari o strane?

Sì, per ora soprattutto inerenti alcuni sensori particolari, dedicati all’industria, alcuni dei quali sono già in fase di sviluppo.

Dopo una prima fase in cui il mercato era parecchio titubante, ora il settore sta diventando affollato: cosa vi distingue dagli altri player e su cosa puntate per emergere?

A distinguerci è soprattutto l’approccio al settore: noi guardiamo alle necessità dei clienti tramite i servizi e cerchiamo di soddisfarle sviluppando principalmente prodotti per droni, interamente fatti in Italia con standard qualitativi altissimi, dedicati a sia privati che a imprese. Lasciamo lo sviluppo dei sistemi di volo alle grandi multinazionali che grazie alle loro risorse sanno creare dispositivi all’avanguardia ma non possono, per questioni di volumi, concentrarsi sul dispositivo personalizzato di alto livello. La nostra azienda cerca quindi di unire le migliori tecnologie per garantire al cliente il prodotto migliore disponibile.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da elena

    Bravissimi e tanti complimenti! Buon lavoro elena boesi