BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bergamo in vetrina a Expo Uno spazio a effetto “wow” con l’arte di Mastrovito

Dal 25 settembre all'1 ottobre Bergamo sarà protagonista allo spazio a rotazione 2 posizionato sul cardo di Padiglione Italia: per presentare il territorio in modo coinvolgente, accattivante e insolito ha affidato l'allestimento all'artista Andrea Mastrovito.

Bergamo si prepara ad accogliere una grande opportunità ad Expo: la settimana dal 25 settembre all’1 ottobre vedrà la nostra provincia protagonista dello spazio a rotazione 2, posizionato sul cardo di Padiglione Italia, con l’obiettivo di presentare il territorio in modo coinvolgente, accattivante e insolito, favorendo l’interazione dei visitatori.

Alla ricerca dell’effetto “Wow”, già proposto da Visit Bergamo, l’allestimento è stato affidato all’artista Andrea Mastrovito: “L’idea era quella di riassumere in pochi metri quadrati tutte le bellezze del nostro territorio – ha commentato – Bergamo è un mondo, ci secoli di storia e diversi ambiti da mescolare tra loro: tutto ciò si è tradotto in una libreria formata da diversi scomparti, uno diverso dall’altro, che ha come sfondo la città e vuole enfatizzare la diversità con i colori ma vuole unire con pittura e disegno. A Expo ci sono eccellenze tecnologiche: noi volevamo però stupire con altro, con la semplicità che fa colpo. La storia e le bellezze di Bergamo sono raccontate da questa libreria e da una linea del tempo che ripercorre le tappe e i personaggi importanti per la città”.

Ad arricchire l’esperienza di chi entrerà nello spazio dedicato a Bergamo, anche un oggetto “tecnologico” del passato che ritorna rinnovato: si tratta di alcuni “Viewmaster”, visori dentro i quali scorrono delle fotografie, che riproducono in 3D 77 immagini sui temi della cultura, della storia, della natura, dell’enogastronomia, dell’arte, dello sport e della religione.

Nello spazio espositivo, che si divide in “ingresso”, “biblioteca”, “percorsi” e “tavoli”, ai visitatori verranno consegnati una selezione dei prodotti tipici di Bergamo e dei segnalibri con ricette.

L’immagine che accoglie il visitatore nello spazio a rotazione è l’inconfondibile profilo di Bergamo Alta: subito dopo un monitor trasmette un video, realizzato dall’Università di Bergamo, che illustra “le meraviglie a un passo da Expo”. Sempre all’ingresso una cartina informa il pubblico che Bergamo è “vicina” all’Europa, mostrando i tempi di volo dalle principali capitali europee.

L’installazione di Mastrovito si compone come una vera e propria trilogia dell’immagine, dove il cuore centrale sono la città e il territorio di Bergamo, presentati attraverso un grande dipinto, tre video e una linea del tempo animata. Il dipinto, realizzato come un puzzle di oltre 300 pezzi che andranno a inserirsi nelle librearie, è uno scorcio magico sulla città, con i suoi personaggi, monumenti, campi. Un’onda cromatica che si propaga per tutto l’allestimento.

“Bergamo si è mossa da tempo per poter giocare un ruolo di rilievo a Expo – ha commentato il presidente della Camera di Commercio Paolo Malvestiti – Ci siamo mossi come sistema e la capacità di oltrepassare i singoli campanili sarà forse la più grande eredità che l’esposizione universale ci lascerà in dote. In questo spazio cercheremo di dare ai visitatori più di una ragione per venire a visitare la nostra provincia”.

“Expo ha richiesto un grande confronto tra istituzioni dove ognuno ha contribuito perchè si costruisse qualcosa in grado di permanere nel tempo – ha confermato l’assessore alla Cultura,Turismo, Tempo libero, Marketing territoriale ed Expo Nadia Ghilsaberti – Siamo una delle poche città che hanno creduto in Expo e in questo spazio espositivo, una scelta coraggiosa che ha richiesto anche un investimento importante. La scelta di Mastrovito è stata subito condivisa da tutti: cercavamo un artista che sapesse unire territorio e capacità di rapportarsi col mondo, capace di utilizzare linguaggi nuovi e di coinvolgere il pubblico”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gian Maria

    Buongiorno. Bella l’opera d’arte, con Arlecchino raffigurato in grande. E all’ingresso del padiglione, un Arlecchino in carne ed ossa, ad invitare i visitatori dell’Expo, ad entrare. La maschera che supera il Tempo, (ieri erano altri, all’Expo ero io, un domani altri presteranno il loro corpo al vestito di Arlecchino) e la figura sulla carta sarà sempre viva. Grazie!

  2. Scritto da nico

    …l’opera di mastrovito è bella e interesante:intanto fino al 25 settembre sarebbe sufficiente per pubblicizzare bene il territorio di bergamo e provincia suggerire a chi gestisce il sito visitbergamo.net di prestare maggiore attenzione ai contenuti per evitare svarioni e pagine con link non funzionanti (ultimi esempi “bergamo e dintorni su due ruote” Valbondione indicata come nota località della Valle Brembana e http://www.visitbergamo.net/it/bicicletta-e-montainbike/)

  3. Scritto da Agnese

    Ad Expo sono talmente “sicuri” del successo di visitatori, che non li contano nemmeno. Forniscono solo “stime” o presunte cifre sulle presenze di visitatori….. Complimenti!