BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta, prima di Rovetta l’abbraccio del Comunale “Suderemo sempre la maglia” fotogallery

Tradizionale saluto dei tifosi alla squadra prima della partenza per il ritiro, dove i nerazzurri rimarranno sino al primo agosto. Boati per Denis, Migliaccio, Bellini, Reja e Percassi, che promette: “Maglia sudata sempre, salvezza il nostro scudetto”.

Più informazioni su

Si riparte, come sempre, con grande entusiasmo. Lo aveva fatto presente mister Reja in conferenza stampa; lo hanno ribadito domenica i tifosi, accorsi in massa ad abbracciare la squadra nel giorno della presentazione e della partenza per Rovetta, nella cornice appena abbozzata del nuovo stadio. Un motivo di grande orgoglio per una società come L’Atalanta che, nel suo piccolo, pensa e studia da grande.

Poche le facce nuove: qualcuno se n’è andato, altri sono arrivati trasportati dalla corrente estiva del calciomercato. Come Jasmin Kurtic (assente giustificato alla presentazione come la coppia cilena Carmona-Pinilla, Maxi Moralez e Sportiello): mezz’ala con licenza d’offendere e dal discreto pedigree internazionale. Dopo anni di peregrinaggio in Serie A, l’Atalanta potrebbe diventare la sua Mecca ideale. Del resto, i tre milioni e mezzo di euro versati nelle casse del Sassuolo e il contratto quadriennale offertogli dalla società rappresentano un bell’attestato di fiducia da parte di chi – Percassi – lo avrebbe voluto in nerazzurro già un anno fa.

Chi la fiducia se la dovrà guadagnare, invece – e non soltanto a colpi di slogan pronunciati in dialetto bergamasco alla Festa della Dea – sarà Marten De Roon, 24enne olandese ex capitano dell’Heerenveen. Notare bene: l’ultimo orange con la fascia al braccio prelevato dalla terra dei tulipani fu un certo Kevin Strootman. Calibri diversi – d’accordo – ma l’auspicio è senz’altro altro ben augurante.

Al momento della presentazione della squadra, sul green carpet dell’Atleti Azzurri D’Italia i saluti più calorosi sono stati riservati agli idoli Denis e Migliaccio, a capitan Bellini – che resterà in nerazzurro per un altro anno – e, ovviamente, a mister Edy Reja.

Star della mattinata, come sempre nel giorno della presentazione, il presidente Antonio Percassi: "Garantiremo massimo impegno e massimo rispetto per la maglia nerazzurra. Il nostro Scudetto rimane la permanenza in Serie A: la promessa? Maglia sudata sempre". Poi, a chiosa del discorso, la solita raccomandazione ai tifosi: “Fate i bravi!”.

E in sede di calciomercato, risponde: "Cerchiamo rinforzi in difesa, dove mancano ancora un paio di elementi. A centrocampo e in attacco siamo decisamente più coperti. Pochi dieci milioni per Zappacosta e Baselli? A noi stava bene così. Per Denis abbiamo rifiutato un’offerta importante dall’Argentina, German è entusiasta di proseguire con noi".

Dopo la festa la partenza per Rovetta, sede insieme a Bratto del ritiro estivo fino all’1 agosto.

Fabio Viganò

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Matteo

    Mercato pietoso! Fatto lo.sbaglio di tenere ancora giocatori demotivati! Quest’anno faremo ridere in campo con ancora Denis, carmona e cigarini il patetico….
    Percassi solo plocami al suo insediament. Poi il nulla oltre il compitino

  2. Scritto da Un vecchio tifoso atalantino

    E adesso sarei contento che i tifosi che hanno imbrattato la circonvallazione con i loro manifesti avvolti intorno agli alberi per la festa della nostra squadra, si attivassero e li togliessero al più presto.

    1. Scritto da Andrea

      Se è per quello sarebbe bello se anche i “galoppini” dei leghisti pulissero tutti i muri e i cavalcavia delle tangenziali dove capeggiano ancora da anni le scritte “Vota Bossi” e “Padania Libera” .
      Ma il bergamasco medio si indignerà per qualche “marachella” degli Ultras e darà prontamente l’ennesima preferenza elettorale per il partito del Trota e Belsito. State sicuri!

  3. Scritto da Federico

    Oggi allo stadio c’era un grande entusiasmo , la voglia di riscatto si percepiva , come c’è scritto giustamente nell’articolo speriamo che De Roon dimostri il suo valore e che Kurtic dia a centrocampo quella scossa che l’anno scorso è mancata ! ….Per il resto sempre Forza Atalanta !!!!

  4. Scritto da Vito

    Obiettivo salvezza condiviso con Empoli Chievo Sassuolo Carpì Frosinone . Pazienza se le squadre citate han fatto 50 campionati in serie C e noi invece in serie A.

    1. Scritto da tino

      ben detto, qui ci vogliono vendere una salvezza come se fosse un traguardo difficilissimo con il quintetto di squadre elencate…

  5. Scritto da tif o soldi?

    Quanta retorica, quanta strumentalizzazione di quello che, forse, un tempo, era un sano tifo. Oggi quel tifo è piuttosto simile a una “peste”. Non tanto per chi ci crede, ma per il sistema che nuove MONTAGNE di soldi, mediaset sky (e rai… sempre più nana) insegnano

  6. Scritto da angilberto

    Credo che uno come Percassi, che io stimo, debba formare una squadra in grado di fare un campionato più tranquillo da mezza classifica e anche qualche cosa di più… Bergamo e i suoi tifosi se lo meriterebbero. L’Atalanta per Bergamo è molto più di una semplice squadra locale.