BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Jobs Act: a maggio quasi 185mila contratti Renzi: merito delle riforme

A maggio risultano 185mila contratti in più: è il saldo tra 934.258 attivazioni e 749.551 cessazioni. Bene i dati dell'industria che vedono una crescita del 3%, segnando il record dal 2011.

Più informazioni su

Si attesta a 184.707 l’aumento dei contratti nel mese di maggio. E’ quanto emerge dai dati della comunicazione Flash del ministero del lavoro che segnano 934.258 attivazione di contratti e 749.551 cessazioni. Nel mese di aprile l’incremento era stato di 212.000 contratti. Bene i dati dell’industria che vedono una crescita del 3%, segnando il record dal 2011.

"I dati sull’occupazione, la produzione industriale e la crescita – afferma il premier Matteo Renzi – sono ancora bassi rispetto a quello che possiamo fare ma più alti del recente passato. Questo perché quando si fanno le riforme le cose cambiano".

Solo 271 contratti stabili in più, nel saldo tra attivazioni e cessazioni, contro una crescita di 184.812 contratti a tempo indeterminato. Sono i dati di "saldo", tra attivazioni e cessazioni’ che emergono dalle comunicazioni obbligatorie dei contratti, registrati a maggio dal ministero del Lavoro. Aumenta (6.498) l’apprendistato, crollano le collaborazioni (-10.194). Aumenta così del 43,2% la trasformazione di contratti da precari a stabili.

E’ quanto emerge dai dati flash diffusi dal ministero del lavoro sulle comunicazioni obbligatorie che a maggio rilevano 30.325 trasformazioni di rapporti di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato, con un balzo sui 21.184 registrati nel maggio 2014.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Er meio

    E basta con sto pifferaio: era meglio Berlusconi

  2. Scritto da col lodi

    Al fanfarone toscano il naso non si allunga, almeno a pinocchio sì…

  3. Scritto da il polemico

    ci troviamo 1 milione di nuovi assunti che non pagano i contributi pensionistici,e 900mila lavoratori licenziati che non pagheranno più i contributi pensionistici.,si prevedono tempi bui per i pensionati attuali…oltre a vantarsi sto renzi,sarebbe anche opportuno elencare se le ditte che hanno assunto i nuovi,hanno licenziato i vecchi….

  4. Scritto da chi si loda si sbroda

    Di quanto sono aumentati in Germania o in Spagna dove il job act non lo hanno mica fatto (anzi, hanno delle tutele sui licenziamenti molto maggiori del ns. ex art. 18)???
    Potete spiegare al “fonzie” di Firenze che c’è la ripresa e che, grazie a lui, al primo accenno di crisi licenzieranno a man basse senza problemi…..Solo Letta era un incapace, vero?

  5. Scritto da Aldo

    Sì sì, vedrai una nota ditta di Cene dopo agosto…. Per dirne uno….

  6. Scritto da Alberto

    Donneee… è tornato il pentolaioooo…

  7. Scritto da Gioia

    Sicuramente merito della riforma, sarà mica bambo a dire altro… Che pena ragazzi….