BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Profughi a Rovetta, dal sindaco ingiunzione per sgomberare l’albergo

Stefano Savoldelli, sindaco di Rovetta, ha annunciato il provvedimento durante l'assemblea di mercoledì sera alle scuole. E' una presa di posizione forte contro le modalità di accoglienza decise dalla prefettura.

“Ingiunzione di sgombero dell’albergo Sant’Ambroeus dove sono ospitati 57 profughi”. Stefano Savoldelli, sindaco di Rovetta, ha annunciato il provvedimento durante l’assemblea di mercoledì sera alle scuole. E’ una presa di posizione forte contro le modalità di accoglienza decise dalla prefettura, che ha destinato un terzo dei richiedenti asilo di tutta la provincia nell’alta Valle Seriana (Rovetta, Lizzola e Cerete). “Ho svolto un sopralluogo con i tecnici incaricati dal Comune per la verifica delle condizioni di abitabilità e di sicurezza – spiega Savoldelli -. Abbiamo ravvisato che queste condizioni non ci sono, con particolare riferimento agli aspetti impiantistici, elettrici e antincendio. Per questo motivo ho emesso un’ordinanza di sgombero entro sette giorni dalla ricezione del documento. E’ una questione di sicurezza”.

L’ASSEMBLEA – Oltre trecento persone hanno ascoltato gli interventi del primo cittadino, del consigliere regionale Roberto Anelli e di altri esponenti che hanno sottolineato la necessità di una migliore organizzazione nella gestione delle persone provenienti dall’Africa. I cittadini hanno raccolto 1150 firme in due giorni: saranno allegate a una lettera che verrà inviata in via Tasso. Un’altra missiva è già arrivata negli uffici della prefettura. 28 sindaci della Valle Seriana hanno sottoscritto il documento scritto dal primo cittadino di Ardesio Alberto Bigoni: “Non le nascondiamo che la poca informazione che ci viene fornita dalla prefettura, per non parlare delle tempistiche fortemente inadeguate, abbiano creato diversi dissapori e momenti di tensione. Siamo consapevoli del fatto che il suo ente si trovi a dover gestire situazioni in emergenza e non vi sia il tempo per coordinarsi con le strutture regionali e statali, ma crediamo che vi sia un limite a tutto”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da bobby

    il sindaco non la racconta giusta……almeno tre giorni prima aveva quanto meno dei dubbi che arrivavano in quella struttura.

  2. Scritto da Ivaldi

    Caro sindaco a quando l’ingiunzione per sgomberare Rovetta dai neonazisti che si accampano nel cimitero?

  3. Scritto da questione di sindaci

    caro sindaco di rovetta non hai fatto bella figura con il sindaco di cerete, ma vi parlate ogni tanto per coordinare interventi come quello dei profughi o vi parlate solo per spartire i fondi, un plauso di sostegno al sindaco di cerete

    1. Scritto da chicca

      Plauso di sostegno per il sindaco di cerete per cosa?

  4. Scritto da Timogn

    ALBERTO BIGONI del PD:sindaco di Ardesio,presidente della Comunità Montana valle Seriana,presidente unione comuni asta dell’Serio. Bravo bravo…!

  5. Scritto da fra

    Decisione degna di una persona paurosa. Avendo paura di essere giudicato contro i rifugiati, si attacca alla questione delle idoneità degli impianti.

  6. Scritto da comemaroni

    questi leghisti sono a dir poco fantastici… quando maroni impose con la forza i profughi libici a regioni e prefetti andava tutto bene….. quando maroni “regalo'” decine di migliaia di permessi di soggiorno indiscriminatamente (criminali inclusi) andava tutto bene…. quando maroni finanziava i campi nomadi di mafia capitale vantandosi ed augurandosi di esportarli in tutta italia andava tutto bene… ora invece solo “ruspe”, difesa degli italiani (ma quando mai la lega ha difeso qualcuno?!)

    1. Scritto da Kompagno

      ci sai fornire anche i dati di quanti immigrati sono stati ospitati nel periodo in cui Maroni ha gestito direttamente la situazione e confrontarli con il numero di quelli che arrivano ogni giorno?
      ecco… informarsi è una cosa… capire qualcosa è un altra… dai…ce la puoi fare… togliti le zecche di torno e ragiona… dai da bravo!!!!

  7. Scritto da pippo

    Bravo Sindaco con la S maiuscola.

  8. Scritto da giggi

    sempre fantastici quelli del accogli-a-casa-tua! proponessero una soluzione credibile, niente, solo il ritornello casatua-casatua.

  9. Scritto da Alberto

    Bravo Sindaco!

  10. Scritto da tina

    ripicche e questi ridono ahahahahah povera italia

  11. Scritto da consiglio

    giustissimo cosi’, non si possono ospitare esseri umani in luoghi non sicuri e non in regola con le norme di legge. Si chiama rispetto della persona e tutela degli ospiti. Ora caro Sindaco attendiamo i risultati dei sopralluoghi in tutti gli altri hotel della valseriana…. sono molto curioso di vedere se ce ne sara’ almeno qualcuno in regola e se anche da quelli non in regola il sindaco o l’ASL fara’ “sgomberare” i turisti paganti…

    1. Scritto da aquario

      fino a prova contraria i turisti pagano x entrare altri sono mantenuti dalla popolazione quando entrano….

    2. Scritto da ali

      per essere precisi, l’edificio di cui si parla non è più in uso da 15 anni, nel 2000 l’albergo è stato chiuso ed era già vecchio ai tempi.

    3. Scritto da AntonioB

      Casa tua è sicuramente messa meglio, dai una mano ad accogliere qualche -NON- profugo e mantienilo

      1. Scritto da accoglienza

        accogliti tua nonna, o quella l’hai messa in ospizio a spese del comune e ti sei tenuta la casa in eredità?

        1. Scritto da Alberto

          L’ospizio lo pagano le famiglie, e pure profumatamente.

      2. Scritto da pablo

        pur disgustato dalla tua posizione, la ritengo molto più rispettabile di quella del sindaco. perchè lui non vuole gli immigrati punto e basta, esattamente come te, invece dichiara che il problema sono gli impianti e le condizioni igienico sanitarie.

      3. Scritto da a

        “Non profugo”: il nuovo detergente che ti lava la coscienza. Agitare prima dell’uso.