BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ventata di aria fresca, l’afa si placa per 2 giorni Weekend caldo senza eccessi previsioni

Si smorza l'ondata di calore grazie a una toccata e fuga di una ventata di aria fresca che farà scendere la calura: dal week-end temperature in nuovo rialzo con caldo, ma senza gli eccessi degli ultimi giorni.

Alta pressione in leggera flessione sotto la spinta di correnti atlantiche che sfiorano anche la Lombardia: mercoledì giornata più nuvolosa specie sui settori settentrionali con formazione di temporali sparsi sulle Alpi che poi tenderanno ad interessare marginalmente i settori prealpini e in prima serata – anche le zone di pianura, seppur in modo piuttosto rapido. Dalla notte nubi in aumento sulle pianure con qualche acquazzone sparso entro l’alba successiva. Caldo ancora afoso con massime fino a 35-36°C sul mantovano e minime non inferiori a 24/25°C, in calo dalla sera. Venti deboli di direzione variabile, tendenti a ruotare ad Est dalla notte.

Giovedì calo termico di cinque-sei gradi, grazie ai venti più freschi che irrompono da Est sulla Pianura Padana in seguito allo scivolamento di un fronte freddo atlantico lungo l’arco alpino. Il calo delle temperature, però, sarà accompagnato solo da blanda e temporanea nuvolosità e il tempo si manterrà quindi ben soleggiato praticamente ovunque.

Dal weekend l’anticiclone si rafforzerà nuovamente, conquistando tutto il Mediterraneo centro-occidentale: di conseguenza è altamente probabile un ritorno del caldo intenso, con temperature diurne che in pianura si riporteranno sui 33-34 gradi e valori notturni superiori ai venti.  

“Il grande caldo smorza i toni grazie alla coda di una perturbazione che attenuerà in parte l’anticiclone africano, ma che non sarà sconfitto del tutto” -lo dice in una nota il meteorologo di 3bmeteo.com Francesco Nucera, che aggiunge – “Si tratterà di una toccata e fuga di un po’ di aria fresca che avrà il merito di fa scendere la calura che attanaglia l’Italia”.

Mercoledì la perturbazione che ha attraversato il Centro Nord Europa coinvolgerà marginalmente il Nord Italia portando temporali, localmente forti, su Lombardia orientale e Nord Est. Continuerà invece a fare caldo sul resto d’Italia con punte di 36/38°C sui versanti adriatici.

Giovedì refoli di aria fresca dilagheranno verso le regioni centro meridionali trascinando qualche temporale sulla dorsale specie adriatica, mentre non mancherà qualche fenomeno residuo al Nord tra pianure e Prealpi. I venti da Nord abbasseranno di qualche grado le temperature ed il tasso di umidità, di conseguenza il caldo sarà più sopportabile. Nel fine settimana tornerà l’alta pressione con sole e caldo in nuovo aumento, ma senza i picchi di calore degli ultimi giorni. Qualche temporale potrà invece interessare l’estremo Nord Est per il passaggio della coda di una perturbazione. E’ una situazione opposta allo scorso anno quando sull’Italia transitava un treno di piovose perturbazioni. 

Quest’anno invece ci troviamo con una rimonta dell’alta pressione africana. “In tutte due i casi la colpa è dell’anticiclone delle Azzorre, una figura che in pratica è quasi scomparsa dalle nostre estati. La sua assenza può infatti causare situazione meteo estreme come fasi instabili e fresche oppure ondate di caldo che hanno la caratteristica non solo di essere durature, ma anche di spingersi su zone dove il caldo non è tanto di casa. Insomma non esistono le mezze misure. Questo perché la circolazione atmosferica è mutata” –  concludono da 3bmeteo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.