BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Un giorno in dono” Oltre 1.300 dipendenti Ubi scelgono il progetto

L’iniziativa, in collaborazione con Sodalitas, ha interessato 78 Organizzazioni non profit. Si confermano il ruolo di riferimento del Gruppo UBI per il Terzo Settore e la generosità dei dipendenti che hanno aderito all’iniziativa e partecipato attivamente alle attività delle ONP.

Più informazioni su

Ubi Banca, con la sua più recente iniziativa, sviluppata in collaborazione con la Fondazione Sodalitas, si conferma partner di riferimento del non profit: più di 1.300 dipendenti hanno infatti aderito a “Un giorno in dono”, un progetto di solidarietà attraverso il quale è stato offerto a tutto il personale del Gruppo la possibilità di impegnarsi in un’attività di volontariato sui propri territori di riferimento. Ogni dipendente aderente, infatti, ha donato un proprio giorno di ferie, trascorrendolo presso una associazione e impegnandosi in una tra le 226 attività di volontariato proposte.

UBI Banca, a conclusione delle giornate, riconosce un contributo economico a favore di ciascuna organizzazione coinvolta, pari al totale del valore economico medio delle giornate lavorative corrispondenti a quelle donate dai lavoratori-volontari. 

L’edizione 2015 di Un giorno in dono, che dopo il successo della prima fase sperimentale milanese del 2014 si è svolta in tutta Italia coinvolgendo tutte le banche e le società del Gruppo, si è conclusa lo scorso 30 giugno.

Settantotto organizzazioni non profit selezionate in collaborazione con Sodalitas hanno accolto i dipendenti di UBI nelle loro sedi in 30 diverse città e province italiane dove il Gruppo è particolarmente radicato.

Grazie a tutti coloro che hanno deciso di mettersi in gioco il Gruppo riconoscerà una liberalità di oltre 130.000 euro complessivi alle diverse organizzazioni coinvolte. Il Gruppo UBI Banca nel corso degli anni ha attivato diverse iniziative di corporate social responsibility.

La tradizionale vicinanza al territorio, e il conseguente legame di fiducia che si è instaurato nel tempo, hanno consentito inoltre a UBI Banca di mettere a disposizione del Terzo Settore i suoi canali fisici e virtuali, coinvolgendo spesso direttamente i suoi dipendenti e clienti, e di fornire una serie specifica di prodotti e servizi dedicati.

Per questo nel 2011 il Gruppo ha costituito UBI Comunità, divisione specificatamente dedicata al mondo del Non Profit, per migliorare l’efficacia delle sue azioni e sostenere le diverse realtà della società civile. In tal modo UBI Banca si propone come partner strategico delle ONP, con l’obiettivo di accompagnarle nel loro processo di crescita sostenibile e di supporto ai bisogni delle comunità di riferimento.

 

 

 

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.