BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Riforma sanitaria, via le Asl Dubbi sull’ospedale brembano con Bergamo

Il Presidente della III Commissione di Regione Lombardia Sanità e Politiche Sociali Fabio Rizzi - Lega Nord - e il Vicepresidente - nonché consigliere regionale del Nuovo centrodestra - Angelo Capelli, hanno tenuto all'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo un confronto sul progetto di legge 'Evoluzione del Sistema Socio Sanitario Lombardo', di recente approvato in III Commissione e in dirittura d'arrivo in Consiglio regionale il prossimo 15 Luglio.

Il Presidente della III Commissione di Regione Lombardia Sanità e Politiche Sociali Fabio Rizzi – Lega Nord – e il Vicepresidente – nonché consigliere regionale del Nuovo centrodestra – Angelo Capelli, hanno tenuto all’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo un confronto sul progetto di legge ‘Evoluzione del Sistema Socio Sanitario Lombardo’, di recente approvato in III Commissione e in dirittura d’arrivo in Consiglio regionale il prossimo 15 Luglio.

L’incontro, ultimo di una lunga serie d’iniziative promosse sul territorio della regione, ha illustrato a cittadini e addetti ai lavori i principali cambiamenti proposti dalla riforma e sollevato una serie di riflessioni sula spinosa questione legata all’accorpamento dell’ospedale di San Giovanni Bianco all’Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII di Bergamo. "Capisaldi della riforma – spiega Capelli – sono la drastica riduzione dei costi, il dimezzamento delle ASL, il potenziamento del ruolo degli ospedali e la creazione di un unico assessorato al welfare tenendo conto della libertà di scelta dei cittadini".

Le 8 ATS (Agenzie di Tutela della Salute) sostituiranno di fatto le 15 ‘vecchie’ ASL (aziende sanitarie locali) con compiti di programmazione dell’offerta sanitaria, accreditamento delle strutture sanitarie e sociosanitarie e negoziazione e acquisto delle prestazioni sanitarie e sociosanitarie; mentre alle ASST (Aziende Socio Sanitarie Territoriali) spetteranno le mansioni di erogazione delle prestazioni sanitarie e sociosanitarie. Le ASST di Bergamo verranno suddivise in zona Est – comprendenti i distretti ASL di Valle Seriana, Valle di Scalve, Valle Brembana, Valle Imagna e Est Provincia (Seriate, Grumello, Trescore, Sarnico e Lovere) – e zona Ovest – comprendenti quelli ASL di Bergamo, Dalmine, Bassa Bergamasca e Isola Bergamasca. L’Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII, inoltre, conserverà la propria indipendenza in quanto esente dall’elargire prestazioni di tipo distrettuale e vedrà annessa la struttura di San Giovanni Bianco.

Una mossa che ha suscitato parecchi dubbi, compresi quelli del Partito Democratico – del quale si era fatto portavoce il Consigliere Regionale Mario Barboni: "Non si comprende perché l’Ospedale di San Giovanni Bianco venga afferito al Papa Giovanni XXIII di Bergamo quando i suoi distretti ASL ricadono nell’ASST Bergamo Est" – e del Movimento 5 Stelle – attraverso le parole del Consigliere Dario Violi: "Il San Giovanni Bianco non deve ridursi a dépendance di Bergamo e va affiliato a Seriate. Se il Papa Giovanni vuole competere con i grandi ospedali lombardi non può occuparsi di ospedali satelliti sul proprio territorio, cosa che il Bolognini di Seriate sta facendo da anni e con ottimi risultati, specialmente nelle zone montane".

Il rischio, come sottolineato anche dal Sindaco di Serina Giovanni Fattori, è quello di vedere nel giro di pochi anni l’ospedale di San Giovanni Bianco svuotato delle proprie mansioni e ridotto a una sorta di semplice poli ambulatorio.

Fabio Viganò

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.