BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Libera, prefetto e scuola: firmata la convenzione per cultura della legalità

Parole incoraggianti e speranzose quelle pronunciate da Don Ciotti durante l'incontro tenutosi la mattina del 7 luglio con il rettore dell'Università di Bergamo, Stefano Paleari, insieme al Dirigente dell'Ufficio Scolastico Territoriale, Patrizia Graziani e il Prefetto della Provincia Francesca Ferrandino.

Più informazioni su

Entusiasmo e collaborazione hanno dominato l’incontro in Prefettura tra il presidente di Libera don Ciotti, il rettore dell’Università di Bergamo Stefano Paleari, il dirigente dell’ufficio scolastico territoriale Patrizia Graziani e il prefetto di Bergamo Francesca Ferrandino: sul tavolo la firma di una convenzione per un piano di cooperazione culturale e formativa finalizzata alla cultura della legalità.

Un’iniziativa, quella di Libera, accolta favorevolmente e per la quale è stato sottoscritto un progetto ambizioso che prevede la possibilità di organizzare uno o più seminari sui temi della criminalità organizzata, della sua storia, delle sue cause sociali e politiche presso l’Ateneo e gli Istituti scolastici superiori della provincia di Bergamo. I firmatari si impegneranno inoltre a promuovere l’iniziativa mediante le forme consuete di pubblicità, come attività o manifesti appesi presso gli Istituti.

L’incontro, circondato da un’atmosfera coinvolgente ed edificante, è stato avviato dal rettore dell’Università di Bergamo Stefano Paleari, che ha commentato la situazione critica in cui riversa la Nazione: “L’Italia dei bisogni e delle necessità”. L”Università è l’istituzione adatta per vincere l’ignoranza e l’incompetenza morale, per creare una rete solidale e rendere più consapevoli i giovani. Perchè i giovani vanno salvaguardati, essendo l’Italia un paese costituito da una popolazione sempre più anziana e in cui i figli sono quasi un lusso di pochi. Molto è stato fatto, raggiungendo ottimi risultati, ma altrettanto è ancora da farsi per raggiungere una situazione propizia.

Il Prefetto Francesca Ferrandino accoglie entusiasta l’iniziativa e commenta similmente: “La scuola è un soggetto che aggrega fin dalla più tenera età ed è uno strumento di formazione e diffusione della cultura”. Una cultura necessaria, che deve permettere di affrontare problemi sociali complessi, come quello dell’immigrazione. Proprio le scuole sono i primi rifugi per i profughi. Ha inoltre accennato all’iniziativa di proporre due giorni a favore della legalità nella Regione.

L’accordo firmato non deve essere solamente di forma, ma anche di sostanza: è indispensabile trasformare in concreto quanto proposto e far sì che le parole penetrino nelle mentalità dei ragazzi, guidandoli come meglio possibile.

Infine ha preso la parola don Luigi Ciotti: la legalità non solo è uno strumento ma anche un obiettivo che la società odierna deve accingersi a raggiungere, sconfiggendo la malavita, i soprusi e la criminalità. Per farlo è necessario unirsi e combattere insieme. L’associazione Libera, seppur abbia ottenuto numerosi successi, ha ancora molti limiti. Solamente la collaborazione cittadina può spingersi oltre i confini. Un “noi” costruito insieme e pieno di responsabilità, in cui ognuno deve mettersi in gioco nonostante le differenze culturali, sociali e psicologiche. Per far ciò, si devono creare percorsi concreti che spronino la mentalità di ognuno.

E’ questo che è stato firmato e quindi attuato. L’inizio di un progetto che porterà, si spera, grandi cambiamenti.

Michela Berta

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marilisa Zappella

    Promesse di buona scuola, se gli studenti ci si impegneranno in prima persona, come sanno fare quando gli si dà spazio.
    Bella l’occasione per iniziare e consolidare percorsi, un solo neo: mancava la Consulta degli Studenti alla firma, mancavano i genitori

  2. Scritto da Stefano

    Articolo ben scritto e molto interessante.
    La criminalità è all’ordine del giorno, e bisogna lottare contro questa, tutti insieme. Solo se lotteremo insieme, senza nessuna paura riusciremo a sconfiggerla.