BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Auchan, è intesa: no licenziamenti, esodi solo volontari

Al ministero del Lavoro raggiunto l'accordo. Citerio, Fisascat Cisl: “Subito incontri territoriali per trovare soluzioni organizzative”

Più informazioni su

Accordo nella notte per l’Auchan. Azienda, sindacati e Ministero del lavoro hanno infatti siglato l’intesa che sgombra il tavolo della discussione dal tema licenziamenti.

Le parti chiudono la procedura di mobilità aperta per oltre 1400 lavoratori, 29 a Bergamo, dirottando verso una soluzione su base volontaria per massimo 1345 dipendenti.

In pratica, dunque, nessun licenziamento imposto dall’azienda per i lavoratori del gruppo francese Auchan: l’intesa prevede criteri di non opposizione al licenziamento con un incentivo economico.

Sui 1345 esuberi segnalati, già 1220 disponibilità all’esodo sono state manifestate in tutta Italia. L’accordo di ieri prevede altri 100 giorni di tempo per aderire.

“Anche a Bergamo – dice Alberto Citerio, segretario generale di Fisascat Cisl provinciale – l’Azienda ha trovato parecchie disponibilità in termini numerici”. L’accordo di Roma, secondo il sindacato orobico, trova una soluzione al problema degli esuberi, “ma già da ora si apra la trattativa, negozio per negozio, per gestire le ripercussioni delle fuoriuscite, e per affrontare una difficile situazione organizzativa che l’intesa non risolve”.

Auchan non ha ritirato la disdetta unilaterale del contratto integrativo aziendale, firmato nell’ottobre 2007 che comporta, dal primo luglio, tagli ai salari, alle pause, alla copertura della malattia e degli infortuni sul lavoro, persino l’eliminazione della carta di sconto del 5% sull’ acquisto dei prodotti da parte dei dipendenti.

L’azzeramento del Contratto Integrativo Aziendale costa ai lavoratori fino a 300 euro al mese. “Non si riduca il lavoro nella grande distribuzione ad una mera attività dequalificata e di poco valore aggiunto – continua Citerio. Il salario riconosciuto grazie al CIA premia la produttività e la qualità del lavoro. Si fissino incontri territoriali da svolgersi entro 120 giorni, così come prescrive l’accordo, per trovare soluzioni organizzative utili. Finora abbiamo pensato a chi esce, ora pensiamo a chi rimane”.

Nella provincia di Bergamo, Auchan gestisce 3 ipermercati, uno nel capoluogo, e altri a Curno e Antegnate, per un totale di oltre 500 dipendenti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.